Discussione:
Scusa se...
Aggiungi Risposta
G.
2017-04-18 05:40:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Saluti a tutti! Vi seguo da molti anni, ma non ho mai partecipato alle
discussioni; c'è sempre una prima volta :)

Ogni tanto mi capita di leggere, e qualche volta anche di scrivere, frasi
tipo "scusa se non ti ho richiamato", "scusa se ti ho fatto aspettare" o
altre analoghe introdotte con "scusa se".

Ora, posto che personalmente è una forma che non mi piace e che cerco di
evitare, mi domando se sia "tecnicamente" corretta e cosa sia quel "se". Non
credo introduca un periodo ipotetico, perché se scrivo "scusa se non ho
richiamato", so già benissimo di non averlo fatto, tant'è vero che chiedo
scusa. Quindi cos'è? E soprattutto, ribadisco, è forma corretta?

Grazie mille,
G.
Gennaro
2017-04-18 06:48:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by G.
Saluti a tutti! Vi seguo da molti anni, ma non ho mai partecipato alle
discussioni; c'è sempre una prima volta :)
Ogni tanto mi capita di leggere, e qualche volta anche di scrivere, frasi
tipo "scusa se non ti ho richiamato", "scusa se ti ho fatto aspettare" o
altre analoghe introdotte con "scusa se".
Credo che ci sia un'oscillazione nell'uso del "se" e del "che" a seconda
del motivo delle scuse.
Ritengo che il "che" venga usato nel caso in cui ci si scusi di un fatto
accaduto come "scusa che ti abbia fatto aspettare", mentre il "se"
dovrebbe indicare un'ipotesi ritenuta possibile come in "scusa se hai
dovuto aspettare tanto".
Nell'uso comune poi le due congiunzioni si saranno confuse fino a creare
quel non senso che hai notato tu.
Bruno Campanini
2017-04-18 07:14:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by G.
Saluti a tutti! Vi seguo da molti anni, ma non ho mai partecipato alle
discussioni; c'è sempre una prima volta :)
Ogni tanto mi capita di leggere, e qualche volta anche di scrivere, frasi
tipo "scusa se non ti ho richiamato", "scusa se ti ho fatto aspettare" o
altre analoghe introdotte con "scusa se".
Ora, posto che personalmente è una forma che non mi piace e che cerco di
evitare, mi domando se sia "tecnicamente" corretta e cosa sia quel "se". Non
credo introduca un periodo ipotetico, perché se scrivo "scusa se non ho
richiamato", so già benissimo di non averlo fatto, tant'è vero che chiedo
scusa. Quindi cos'è? E soprattutto, ribadisco, è forma corretta?
Avrei dovuto richiamarti, ma non sono sicuro, non ricordo
di averlo fatto: scusa(mi) se non ti ho richiamato.

Avrei dovuto richiamarti, ma non l'ho fatto: scusa(mi) per
non averti richiamato.

Dovrò richiamarti: scusa(mi) se non lo farò.

Per il resto... son modi di dire che si usano senza tante
considerazioni sintattico-grammaticali nella dialettica
informale.

Bruno
Roger
2017-04-18 07:28:55 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by G.
Saluti a tutti! Vi seguo da molti anni, ma non ho mai partecipato alle
discussioni; c'è sempre una prima volta :)
Ogni tanto mi capita di leggere, e qualche volta anche di scrivere, frasi
tipo "scusa se non ti ho richiamato", "scusa se ti ho fatto aspettare" o
altre analoghe introdotte con "scusa se".
Ora, posto che personalmente è una forma che non mi piace e che cerco di
evitare,
E perché? È una forma comunissima e corretta.
Post by G.
mi domando se sia "tecnicamente" corretta e cosa sia quel "se". Non
credo introduca un periodo ipotetico, perché se scrivo "scusa se non ho
richiamato", so già benissimo di non averlo fatto, tant'è vero che chiedo
scusa. Quindi cos'è?
È una congiunzione
Post by G.
E soprattutto, ribadisco, è forma corretta?
Sì.

Copincollo dal devoto Oli, tra le definizioni di «se»:

"Talvolta, col verbo all’indicativo, più che a introdurre un’ipotesi,
serve ad avvalorare la realtà di una constatazione."
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Roger
2017-04-18 07:33:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roger
[...]
"Talvolta, col verbo all’indicativo, più che a introdurre un’ipotesi,
serve ad avvalorare la realtà di una constatazione."
Aggiungo una definizione tratta dallo Zingarelli:

"Poiché, dato che, dal momento che (introduce una prop. caus. con il
v. all'indic.): se ti hanno detto così, non c'è più niente da fare; se
sei stato tu, perché non l'hai detto?"
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Loading...