Discussione:
Un esempio di friulano scritto su FB
(troppo vecchio per rispondere)
ADPUF
2017-08-26 19:19:35 UTC
Permalink
Raw Message
Da due carnici, Tita è anziano, Nereo meno.

Notate che in carnico il femminile finisce in -a.


======================================================
Replies to Tita's comment on Tita De Stalis's post. View
post
Tita De Stalis
Rica, Vitoreon, la femina di Mili da Flora, a era apena tornada
dal cjôt cu la sêla dal lat plena, e ta cort a à incuintrât
una vilegjant (i pensi ch'a fos stada triestina. Vitoria, ch'a
veva tal sanc l'ospitalitât genuina dai cjargnei di una vôlta,
a si ofris di dâi una taça di lat. La sioruta ovviamenti ai
rispuint : non stia a disturbarsi signora, la prego ! Ma
Vitoria a insist, lo prenda Signora, è buonissimo, è "molto"
adesso. Il molto a sares staad la traduzion in italian
di "molzût". Chê a si clamava "spotalitât" che a era bontât,
una scugjela di mesta a lat di chel di Vitoria al cji faseva
lecâ i bafs. La spongja di Sudri, che di Enemonz e di cualchi
âtra lataria di vue, no è spongja fata cu la bruma dal lat, a
è spongja scremada. In malga il discors al podares cambia,
parcè che an'dè pocje masteles da sbrumâ. Tu âs encja da savê
che la spongja miôr a è che a ven prodota d'invier, cuant che
las vacjes nos mangja jerba. La nestres mâris a cuejevin chê
spongja par fâ l'ont, a rindeva di plui e l'ont al vigniva
plui limpit, encja parcè che prin di metilu ta piêra, ai
butavin denti ta l'ont imo bulint, dôs çafes di farina di
sorc, par purgalu, e da i as nasseva las naces, che dopo a si
doprava par cuinça las cartufules, insiema a un sclip di lat.
Ta fiesta dai savôrs, nol sares mâl riscujergi chel plat, ma
se nol è fat ben, a si riscja una figurata.
Like · 1 · Report · Yesterday at 18:40
Nereo Peresson
No hai cerciaat il lat diRica , ma in dai cerciat in tantes
caseres da Cjargne e conosc il savor di chel lat fin da frut.
Par chel chal riguarde la qualitaat da spongje ti disarai che:
Like · Report · Yesterday at 20:42
Nereo Peresson
1) la screme han cominciat a doprale intor al 1905/10 (lei las
relazions annuai dal Regio Osservatorio di Caseificio di
Dimplan) quindi no è plui une novitaat ; sa ti capite di pasaa
par For di Sore entre un moment tal museo da "Casina" etu
iodaraas un esposizions di vecjes scremes e pur a mandavin la
spongje fint a Rone (Tu pos cjataa un biel articul a riguart
sul Boletin dall Associazion Agrarie Furlane, tu lu cjates su
internet)
Like · Report · Yesterday at 20:53
Nereo Peresson
2) L' ont si faseve cu la spongje di Fevrar. Ma ducj a san che
la mior spongja a è che di mont biela giala e profumada fatta
propit quant che las vacjas a mangjn tanta ierba e tantas
ierbas, ami ma l' ha simpri deta cusì i vecjos fedaars. Dopo
sei laat a controlaa un poucjas di robas. mi sei let diviers
studis scientifics e hai capiit il parcè da diferenze dai lats
e cun grant plasei i ai costataat che ce ch' a mi veve contaat
gno von, vecjo fedaar e pastoor fii e nevoot di pastoors e
fedarar a corispuideve a ce che la ricerche scientifiche a dis
in zornade di vuei. Podares contati di polifenoli,
terpeni,acidi grassi saturi e insaturi di vitamine e
provitamines................ ma no vul fa il saveon. mandi
Like · Report · Yesterday at 21:11
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
ADPUF
2017-10-24 04:46:53 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Da due carnici, Tita è anziano, Nereo meno.
Notate che in carnico il femminile finisce in -a.
Tita è proprio un tipo! :-)


Un'altro esempio della sua prosa:
======================================================
Pre Tita Pustet, da famei dai Baldisârs, al era un predi fat a
sô moda. Nevôt di chel Baldassarre ch'al à imaneat l'Orloi di
Plaza Contarena in Udine, diventada Plaza Vitorio e vuê Plaza
Libertât, cuant ch'al predicjava al doprava il nestri lengaç.
Nol era un grant predicjadôr, però ce ch'al diseva al era
facil da capî, per cui ch'al voleva scoltâlu, i siei discors
ai era simpri improntâts al vive cuotidian, cul las bales nol
era pussibil fa tropa strada, e a chei ch'a lu scoltava a ur
racomandava di no fa como chei da Mueç. Mueç, lu savês ducj,
al è pojât su la spuindas gjestra dal Fela, e par passâ iul
flum a mueçanz ai veva fat una passerela cun legns e la
spoltada encja chê fata di stangjes. No era largjona la
passerela, a permeteva il passa di una sola persona par vôlta.
A sucêt che una stangja di chês ch'as faseva da parapet, a si
creva, ma il claut ch'a la tigniva fissa al era restât
imprirât tral pâl , e tancj di lôr, par sbadateça o alcâtri,
ai ciapava dentri, in particolâr las femenes, ch'as veva chs
chês cotolones largjes, a tal vistît al si creava yn biel "7".
Ce fâ e ce no fâ, per rimediâ a chest inconvenient, al è stât
decidût di convoca il Consei Comunâl par sintî il parêrdi chel
Conses. A la fin di una animada discussion., al è stât
deliberâ di meti una persona par visâ i passants di fa
atenzion al claut. Una biela di al passa un forest e l'omenut
di guardia a lu à visât di fa atenzion al claut : Ma di ce
claut si trate, al domanda il forest : cussì e cussì ve,
siorut, jp lu ao visât. Ma Signôr benedet, al riprent
l'o,menut rivât da four : Gjavailu chel claut ! I Mueçans, al
chel siorut ch'al veva fata un cussì sensada proposta, ai an
decidût di fâi un monument Pre Tita, cmo ch'i su au det, al
era un tipo particolâr, durant la guera dal 15-18, al faseva
il viucjari a Monai, Tualies e Zuviel, al veva un pas fretolôs
(cemôt farassel fat a rivâ da pardut se al lava plan), Al veva
una simpatia particolâr pai tualeoz, che gracia a luimì, a son
restâts paron dai lôrs boscs, e cussì i comelianots a son
restâts ambacuchîts. Pre Tita al era di famea benestant, al
veva un fradi sôl, Toni, a vevin cjases, prâts a boscs, ma pre
Tita al lava vistît como un zingher, la sô tonia, a era duta
rota, e cê femenes a stizâlu pal ch'al compri una tonia che
fos un ticut decorôsa, ma pre Tita a ur rispuindeva : Il Mont
al è dut rot e sbragât, e cussì i voi encja jo. Al fasea il
fen, al tigniva la vacja, al è stât encja Prsident da Lateria
di Monai, ma dûr al so mÄt di jodi las rôbes..
Se don Tita Pustetto fosse in vita nel terzo millennio, che
direbbe, visto che il mondo non è solamente rotto e sgraziato,
le ha tutte, anche le cose più immaginabili. Andiamo
dall'insipienza alla corruzione, al pro domo mea,
all'insaziabilità di potere, mentre molta gente non riesce a
sbarcare l,unario..Si pertdono in sciocchezze fanciullesche (a
mio parere), propongono nouove leggi contro l'insorgere di un
estremismo (di destra) ed al tempo stesso copiano la Legge
Elettoraoe voluta da Mussolini nel 23, cosicchè avremo un
parlamento di nominati e non di eletti, ed al tempo stesso si
mneravigkliano se il popolo si disaffezione sempre più dalla
politica o meglio ancira dai politicanti. Non si se serò
ancora in vita questa porimavera quando dovrebbero svolgersi
le nuove elezioni, se lo fossi, avrei già deciso per chi non
votare, la triplice alleanza (Renzi-Berlusconi e Salvini) non
mi piace, è stata fatta solo per mettercelo in quel posto, per
cui voteròper l'estrema destra o per l'estrema sinistra, dei
pentastellati non mi fido, anche se meritano un certo rispetto
per le loro idee basate sulla correttezza e sull'onestà. Hanno
detto che daranno, prima delle elezioni, la formazione
governativa, per cui se si trattasse di persone capaci e con
le "P", le voterei, in quanto con l'Europa di Macron e della
Merkel, seve gente con le palle quadrate, non di mezzi busti
raccontafrottole. A lavorare vadano, se troivano lavoro e se
hanno un mesiere, ma credo, sulla scorta di quanto ci offre
attualmente la poltica, che i più siano capaci a nulla !
Cosentitemi ancora una piccola considertazione, in Italia si
vota dalle 7 del mattino alle 15 del giorno successivo (poco
importa se ci sono dei costi esorbitanti), in Germania dalle 8
alle 18 del solo giorno fstivo, ed alle 20 dello steso giorno
si conoscono già i risultati. Con il Fascistellum od il
Rosatellum (dal nome del deputaton triestino che l'ha ideato)
sarà necessario attendere una settimana per conoscere il nome
degli eletti, pertciò avrebbero fattoi meglio a
chiamarlo "metodo cretinellum" - Che Diu nus jûdi ! JO no soi
par nuja trancuil, una babele dal gjener a po nomo creâ dams
(fai tu Signôr, cumbina tu, cussì al diseva pre Luigj Zulian,
plevan di Çurçuvint, ch'al veva tanta int a cui distribuî la
Comunion e nol veva particole consacrades, sl un puignut,, al
à butât dentri ta Pisside una çafa di châs da consacrâ, al à
fdât una sbozenada e al à det : Signôr, fai tu, cumbina tu. Ma
pre Zulian al veva una fêde straordinaria e i soi convint che
il Signôr al lu vêti scoltât.
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Loading...