Discussione:
(OT) Elezioni
Aggiungi Risposta
Barone Barolo
2017-05-18 11:20:57 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Alla fine il Pd ha fatto un'altra proposta di legge elettorale, basata sul sistema del voto parallelo, utilizzato in Giappone, Messico, e un'altra ventina di stati.

E' "parallelo" perché l'elettore dispone di due voti: un voto uninominale e uno proporzionale. La metà dei parlamentari è dunque eletta con l'uninominale maggioritario e l'altra metà con il proporzionale (sbarramento al 5%).

Evidentemente si intende bilanciare, anche dal punto di vista aritmetico, la rappresentatività data dal proporzionale con la governabilità prodotta dall'uninominale.

C'è un debole vincolo di coalizione dato dal fatto che l'elettore che esprime i due voti non può votare partiti appartenenti a coalizioni diverse nell'uninominale e nel proporzionale.

https://stefanoceccanti.wordpress.com/2017/05/18/guida-alla-lettura-della-proposta-di-riforma-elettorale/

-- bb
Fathermckenzie
2017-05-18 16:50:57 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Barone Barolo
un voto uninominale e uno proporzionale. La metà dei parlamentari è dunque eletta con l'uninominale maggioritario e l'altra metà con il proporzionale
il sistema uninominale è soggetto a brogli che si sostanziano nella
definizione dei collegi. In America si fa largo uso di questo tipo di
distorsione della volontà popolare, che ha anche un nome:
https://it.wikipedia.org/wiki/Gerrymandering
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
Barone Barolo
2017-05-18 18:23:42 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fathermckenzie
Post by Barone Barolo
un voto uninominale e uno proporzionale. La metà dei parlamentari è dunque eletta con l'uninominale maggioritario e l'altra metà con il proporzionale
il sistema uninominale è soggetto a brogli che si sostanziano nella
definizione dei collegi. In America si fa largo uso di questo tipo di
https://it.wikipedia.org/wiki/Gerrymandering
Non ricordo che qui da noi ci siano mai state accuse di gerrymandering.
Mica vorrai fare la guerra preventiva: no ai collegi uninominali perché poi magari chissà che i collegi non vengano disegnati per favorire qualcuno?

Usciamo da una lunghissima discussione politica che ha criticato il premio di maggioranza in tutte le maniere, ben oltre i suoi oggettivi difetti: l'unica alternativa è l'uso, più o meno abbondante, dei collegi uninominali.

-- bb
Giovanni Drogo
2017-05-19 11:56:14 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Barone Barolo
l'unica alternativa è l'uso, più o meno abbondante, dei collegi
uninominali.
Continuo a ritenere l'uninominale non rispondente al requisito di
rappresentativita'. Non solo per la consueta obiezione sul maggioritario
(se 3 partiti-candidati prendono 34-33-33% viene eletto colui che NON
rappresenta il 66% degli elettori). Ma anche ...

Se in un collegio si presentano 2 candidati per 2 partiti di cui un
partito e' per me invotabile di natura, e l'altro partito presenta un
candidato che e' mi e' inaccettabile in quanto persona, sono costretto
ad astenermi.

In passato una parziale soluzione col meccanismo delle coalizioni era
stato NON votare il candidato "sbagliato" del partito "giusto" ma quello
di un altra forza coalizzata.

Preferirei di gran lunga un proporzionale con sbarramento, con piccoli
collegi (che di fatto potrebbero rappresentare uno sbarramento
implicito) che eleggono un numero N piccolo ma diverso da 1 di eletti,
con liste obbligatoriamente brevi (p.es. di lunghezza N), non bloccate,
e una SINGOLA preferenza. Con obbligo dei candidati di presentarsi in un
singolo collegio in cui risiedono o hanno recentemente risieduto.
Eccezione e complemento potrebbere essere un secondo voto di preferenza
in un collegio unico nazionale (per personalita' autorevoli, ce ne
fossero).
Barone Barolo
2017-05-19 13:26:54 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giovanni Drogo
Se in un collegio si presentano 2 candidati per 2 partiti di cui un
partito e' per me invotabile di natura, e l'altro partito presenta un
candidato che e' mi e' inaccettabile in quanto persona, sono costretto
ad astenermi.
In Germania, che ha collegi e liste bloccate, come ti regoli?

-- bb
Roger
2017-05-18 18:14:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Barone Barolo
Alla fine il Pd ha fatto un'altra proposta di legge elettorale, basata sul
sistema del voto parallelo, utilizzato in Giappone, Messico, e un'altra
ventina di stati.
E postare su it.politica, no eh?
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Barone Barolo
2017-05-18 18:16:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roger
Post by Barone Barolo
Alla fine il Pd ha fatto un'altra proposta di legge elettorale, basata sul
sistema del voto parallelo, utilizzato in Giappone, Messico, e un'altra
ventina di stati.
E postare su it.politica, no eh?
Visto che se n'è parlato recentemente.

-- bb
ADPUF
2017-05-18 21:59:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Barone Barolo
sistema del voto parallelo, utilizzato
in Giappone, Messico, e un'altra ventina di stati.
E' "parallelo" perché l'elettore dispone di due voti: un voto
uninominale e uno proporzionale. La metà dei parlamentari è
dunque eletta con l'uninominale maggioritario e l'altra metà
con il proporzionale (sbarramento al 5%).
C'è un debole vincolo di coalizione dato dal fatto che
l'elettore che esprime i due voti non può votare partiti
appartenenti a coalizioni diverse nell'uninominale e nel
proporzionale.
Ma la scheda è unica e si fanno due croci?
--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Barone Barolo
2017-05-19 13:29:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Post by Barone Barolo
sistema del voto parallelo, utilizzato
in Giappone, Messico, e un'altra ventina di stati.
E' "parallelo" perché l'elettore dispone di due voti: un voto
uninominale e uno proporzionale. La metà dei parlamentari è
dunque eletta con l'uninominale maggioritario e l'altra metà
con il proporzionale (sbarramento al 5%).
C'è un debole vincolo di coalizione dato dal fatto che
l'elettore che esprime i due voti non può votare partiti
appartenenti a coalizioni diverse nell'uninominale e nel
proporzionale.
Ma la scheda è unica e si fanno due croci?
Sono possibili diverse implementazioni, inclusa quella che dici tu.

Nella versione attuale, però, si fa una croce sola sulla lista della quota proporzionale, e il voto vale anche per il candidato uninominale della coalizione collegata.

-- bb

Loading...