Discussione:
La cultura del leggere i libri
(troppo vecchio per rispondere)
Roberto Deboni DMIsr
2017-07-28 03:39:41 UTC
Permalink
Raw Message
Stavo guardando questo studio sulle abitudini di lettura
negli Stati Uniti:

http://www.pewresearch.org/fact-tank/2015/10/19/slightly-fewer-americans-are-reading-print-books-new-survey-finds/

<http://web.archive.org/web/20170311031323/http://www.pewresearch.org/fact-tank/2015/10/19/slightly-fewer-americans-are-reading-print-books-new-survey-finds/>

e leggendo che i neri leggono di piu' degli ispanici (66% invece
che 59%) mi sono subito domandato: ma come e' la situazione in
Italia ?

Pare che l'uomo "medio" americano si legga un libro al mese.
Non e' proprio l'immagine che la televisione ci da' del
cafone pianciuto piantato davanti alla televisione con la
birra ed il pop-corn o pollo fritto.

A dire la verita' sono le donne a "salvare" la reputazione
(14 libri all'anno), ma anche i maschietti con 9 libri
all'anno non sono poi cosi' indietro.

E' interessante che legge di piu' chi abita in provincia/campagna
(13 libri all'anno) verso i 10 libri dei cittadini.

Naturalmente c'era da aspettarsi che chi ha un livello di studi
terziario (laurea e simili) legga di piu', con il tipo "medio" a
17 libri all'anno, ma anche il "popolino" non e' disprezzabile
perche' si fa almeno 7 libri all'anno.


La situazione in Italia e' tremenda:

https://editoria-digitale.com/2014/01/07/rapporto-istat-2013-sulla-lettura-in-italia-gli-ebook-e-la-vendita-online-continuano-a-crescere/

Appena il 43% degli italiani ha letto almeno "un" libro nel 2013.

Questo potrebbe spiegare anche perche' in Italia credono cosi'
tanto alle fattuchiere ed ai maghi.
Ammammata
2017-07-28 06:49:42 UTC
Permalink
Raw Message
Il giorno Fri 28 Jul 2017 05:39:41a, *Roberto Deboni DMIsr* ha inviato su
Post by Roberto Deboni DMIsr
Questo potrebbe spiegare anche perche' in Italia credono cosi'
tanto alle fattuchiere ed ai maghi.
e alle promesse di chi ci governa ;)
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
Post by Roberto Deboni DMIsr
http://www.bb2002.it :) <<<<<
........... [ al lavoro ] ...........
ilChierico
2017-07-29 08:12:27 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Questo potrebbe spiegare anche perche' in Italia credono cosi'
tanto alle fattuchiere ed ai maghi.
Io pero' vorrei sapere anche cosa si leggono, perche' mi e' capitato di
comprare dei libri, scritti putacaso da autori e con concetti di
sinistra, da buttare nella spazzatura e da chiedere il rimborso (non
erano tutti libri di politica, il che la dice lunga sui libri e sugli
autori di sinistra).
Giacobino da Tradate
2017-07-29 17:41:36 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ilChierico
Io pero' vorrei sapere anche cosa si leggono, perche' mi e' capitato di
comprare dei libri, scritti putacaso da autori e con concetti di
sinistra, da buttare nella spazzatura e da chiedere il rimborso
basterebbe entrare nell'ottica che la narrativa, cioe' la letteratura,
appartiene alla categoria dell'intrattenimento e non della cultura.

Diventa cultura forse, a volta, dopo tanti anni, a posteriori, quando
diventa un riferimento condiviso di piu' generazioni.

voglio dire , i lirici greci del liceo classico, erano i testi delle
canzonette della loro epoca.

C'e' il rischio che perfino Camilleri diventi un classico!
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Roberto Deboni DMIsr
2017-08-02 15:10:46 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ilChierico
Post by Roberto Deboni DMIsr
Questo potrebbe spiegare anche perche' in Italia credono cosi'
tanto alle fattuchiere ed ai maghi.
Io pero' vorrei sapere anche cosa si leggono,
Sospetta che dove si legga di piu', e' maggiore il numero di
quelli che leggono spazzatura ?

Una teoria come l'altra, ma fino a prova contraria, voglio
presumere che il rapporto di "letture spazzature" su letture
che fanno crescere la persona sia uguale a prescindere dal
rapporto numerico sulla popolazione di chi legge verso chi
no.

Ricordo che la lettura presuppone un momento mentale di
particolare attenzione, financo di introspezione.
E', a mio parere, l'indizio di una persona che sa anche
staccarsi dall'assordante bailame quotidiano dei media
audio-visivi. E quindi tra chi legge libri e' piu' facile
trovare persone "resistenti" alla propaganda suadente della
superficilita'.
Post by ilChierico
perche' mi e' capitato di
comprare dei libri, scritti putacaso da autori e con concetti di
sinistra, da buttare nella spazzatura e da chiedere il rimborso (non
erano tutti libri di politica, il che la dice lunga sui libri e sugli
autori di sinistra).
Il cesto delle occasioni ?
Eppure, pescando tra i classici, ho trovato dei tesori,
che altrimenti non avrei letto.

Loading...