Discussione:
nessuno seppe se stupirsi che...
(troppo vecchio per rispondere)
Tony the Ice Man
2017-06-06 19:07:02 UTC
Permalink
Raw Message
Viene dal romanzo di Ugo Riccarelli, Il dolore perfetto.

Per il contesto: Annina non andava mai al cimitero per funerali, e a
questo punto nel romanzo, lei aveva una malattia della mente che si
arrotolò in una nebbia, nanostante che lei sembrava felice. L'autore
descrive il paradosso della sua mente.

"Quando morì la Rina, per esempio, pianse e, poco dopo, fece lo stesso
quando toccò all'Ettore, e nessuno seppe se stupirsi che li avesse
accompanati al cimitero o ritenere normale, perché causato dalla
malattia, un fatto altrimenti eccezionale."

Penso di capire il senso, ma non capisco la struttura della frase al
punto delle parole nel soggetto.

(Quelli che non parlano inglese, perdonatemi per l'uso di una lingua
straniera.) Penso che significhi "and no one knew if she accompanied
them to the cemetery, an unusual action, because she was confused, or if
instead the sickness had returned her to normal."

Si vede che la struttura in inglese (che ho riordinato per la chiarezza)
è molta diversa. In inglese, dire "se stupirsi che" significa "if
confused that" che cambia il senso della frase. Insomma, sembro
d'intuire il senso più di traddure la frase. Forse ci sono le virgole
nei posti sbagliati? Che ne pensate? La frase è facile di capire per gli
italiani, or anche a voi ha una struttura attorcigliata?

In generale, mi piace molto l'autore, ma a volte il suo italiano
complicato mi lascia in uno stato di stupirmi.
Mad Prof
2017-06-06 19:42:20 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Tony the Ice Man
"Quando morì la Rina, per esempio, pianse e, poco dopo, fece lo stesso
quando toccò all'Ettore, e nessuno seppe se stupirsi che li avesse
accompanati al cimitero o ritenere normale, perché causato dalla
malattia, un fatto altrimenti eccezionale."
Penso di capire il senso, ma non capisco la struttura della frase al
punto delle parole nel soggetto.
(Quelli che non parlano inglese, perdonatemi per l'uso di una lingua
straniera.) Penso che significhi "and no one knew if she accompanied
them to the cemetery, an unusual action, because she was confused, or if
instead the sickness had returned her to normal."
Non proprio. Io tradurrei:

"They didn't know whether to be surprised that she accompanied them to
the cemetery, or consider that fact -that they would have considered
exceptional in another situation- as normal, considering that it was due
to her sickness."

Comunque a me non sembra un fulgido esempio di lingua italiana. C'è da
dire poi che l'uso degli articoli determinativi di fronte ai nomi propri
("la Rina, l'Ettore") è dialettale, ma questa è una scelta stilistica
consapevole da parte dell'autore.
--
73 is the Chuck Norris of numbers.
Mad Prof
2017-06-06 19:55:31 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
"They didn't know whether to be surprised that she accompanied them to
the cemetery, or consider that fact -that they would have considered
exceptional in another situation- as normal, considering that it was due
to her sickness."
Forse meglio così:

"They didn't know whether to be surprised that she went with them to
the cemetery, or consider that fact -exceptional, under any other
circumstances- as a normal consequence of her sickness."
--
73 is the Chuck Norris of numbers.
Tony the Ice Man
2017-06-06 21:31:45 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Post by Mad Prof
"They didn't know whether to be surprised that she accompanied them to
the cemetery, or consider that fact -that they would have considered
exceptional in another situation- as normal, considering that it was due
to her sickness."
"They didn't know whether to be surprised that she went with them to
the cemetery, or consider that fact -exceptional, under any other
circumstances- as a normal consequence of her sickness.
Allora, "stupirsi" tratta di "nessuno," non di Annina. Ho pensato della
possibilità, ma insomma, il "fatto altrimenti eccezionale" al fin della
frase anche mi ha confuso.

Dunque,
"e nessuno seppe se stupirsi che li avesse accompanati al cimitero o
ritenere normale, perché causato dalla malattia, un fatto altrimenti
eccezionale."
diventa,
"and no one knew if they should be surprised that she had accompanied
them to the cemetery, a fact otherwise exceptional, or to consider it
normal because it was caused by the sickness."

Mettere "a fact otherwise exceptional" al fin della frase inglese cambia
il senso, perché dovrebbe significare che era eccezionale che la
malattia ha causato un'azione normale.

Mi stupisce che non funzioni* nello stesso modo in italiano.

*congiuntivo va bene qua?
Mad Prof
2017-06-06 22:20:22 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Tony the Ice Man
Mi stupisce che non funzioni* nello stesso modo in italiano.
*congiuntivo va bene qua?
Sì, perfetto.

Riguardo la frase, che giustamente tu definivi attorcigliata, è come se
fosse scritta così:

"Quando morì la Rina, per esempio, pianse e, poco dopo, fece lo stesso
quando toccò all'Ettore, e nessuno seppe se stupirsi che li avesse
accompanati al cimitero o ritenere normale (perché causato dalla
malattia) un fatto altrimenti eccezionale."

Se ometti l'inciso tra parentesi, l'ultima parte diventa:

ritenere normale un fatto altrimenti eccezionale.

che è una costruzione regolarissima. È l'inciso che la rende più
complicata…
--
73 is the Chuck Norris of numbers.
Bruno Campanini
2017-06-06 23:45:34 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Comunque a me non sembra un fulgido esempio di lingua italiana. C'è da
dire poi che l'uso degli articoli determinativi di fronte ai nomi propri
("la Rina, l'Ettore") è dialettale, ma questa è una scelta stilistica
consapevole da parte dell'autore.
A me appare invece come chiaro esempio di quel bello
stile giornalistico che nessun giornalista ormai più conosce.
Seppur con sintomi di "articolosi" e "virgolosi".

Rileggilo attentamente:
"Quando morì la Rina per esempio pianse,
e poco dopo fece lo stesso quando toccò all'Ettore,
e nessuno seppe se stupirsi che li avesse accompanati al cimitero
o ritenere normale, perché causato dalla malattia,
un fatto altrimenti eccezionale."

Penso sarà arduo rispettarne il costrutto nella traduzione
in altra lingua che non si conosca come le proprie tasche.

Bruno

Loading...