Discussione:
«Donna» di Mia Martini: frase incomprensibile
(troppo vecchio per rispondere)
Valerio Vanni
2017-03-09 00:07:06 UTC
Permalink
Raw Message
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della donna) hanno
dato la canzone in oggetto.

Mi è rimasta in mente una frase che mi pare incoerente:

"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"

Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Maurizio Pistone
2017-03-09 07:53:51 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
direi che è un passaggio molto espressivo, mi piace
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Wolfgang
2017-03-09 08:10:33 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Maurizio Pistone
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
direi che è un passaggio molto espressivo, mi piace
Quale figura retorica è questo passaggio dalla terza alla seconda
persona? Un anacoluto?

Ciao,
Wolfgang
Maurizio Pistone
2017-03-09 11:13:48 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Post by Maurizio Pistone
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
direi che è un passaggio molto espressivo, mi piace
Quale figura retorica è questo passaggio dalla terza alla seconda
persona? Un anacoluto?
non saprei, forse per questo mi piace
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Wolfgang
2017-03-09 12:21:08 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Maurizio Pistone
Post by Wolfgang
Post by Maurizio Pistone
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
direi che è un passaggio molto espressivo, mi piace
Quale figura retorica è questo passaggio dalla terza
alla seconda persona? Un anacoluto?
non saprei, forse per questo mi piace
Il testo completo della canzone, che si trova su
http://wikitesti.com/donna/,
contiene tantissimi scambi della persona, una continua oscillazione
tra la seconda e la terza.

Una sola occorrenza di questo mezzo stilistico va bene e può anche
essere bella. Ma le continue ripetizioni della stessa figura
retorica, qualunque ne sia la denominazione, danno un po' sui nervi.

L'autore Enzo Gragnaniello si trova su
https://it.wikipedia.org/wiki/Enzo_Gragnaniello

Ciao,
Wolfgang
Valerio Vanni
2017-03-09 13:03:44 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Il testo completo della canzone, che si trova su
http://wikitesti.com/donna/,
contiene tantissimi scambi della persona, una continua oscillazione
tra la seconda e la terza.
Non ci avevo fatto caso: già nelle prime frasi troviamo:

-
Donne piccole come stelle
c’è qualcuno le vuole belle
donna solo per qualche giorno
poi ti trattano come un porno
-

Però è una cosa di vedute già più ampie: la frase che ho citato
all'inizio mi urta l'orecchio come sgrammaticata.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Wolfgang
2017-03-09 13:13:09 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Valerio Vanni
Post by Wolfgang
Il testo completo della canzone, che si trova su
http://wikitesti.com/donna/,
contiene tantissimi scambi della persona, una continua oscillazione
tra la seconda e la terza.
-
Donne piccole come stelle
c'è qualcuno le vuole belle
donna solo per qualche giorno
poi ti trattano come un porno
-
Però è una cosa di vedute già più ampie: la frase che ho citato
all'inizio mi urta l'orecchio come sgrammaticata.
Ciò lo dici solo per paura che Bruno ti dia del fessacchiotto. :)

Ciao,
Wolfgang
ADPUF
2017-03-09 22:49:05 UTC
Permalink
Raw Message
Giovedì 9 marzo 2017 12:13:48 UTC+1 Maurizio Pistone ha
Post by Maurizio Pistone
Post by Wolfgang
Post by Maurizio Pistone
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
direi che è un passaggio molto espressivo, mi piace
Quale figura retorica è questo passaggio dalla terza
alla seconda persona? Un anacoluto?
non saprei, forse per questo mi piace
Il testo completo della canzone, che si trova su
http://wikitesti.com/donna/,
contiene tantissimi scambi della persona, una continua
oscillazione tra la seconda e la terza.
Una sola occorrenza di questo mezzo stilistico va bene e può
anche essere bella. Ma le continue ripetizioni della stessa
figura retorica, qualunque ne sia la denominazione, danno un
po' sui nervi.
A me fa pensare che oscilla da un discorso in generale a uno
particolare che la riguarda personalmente.


Ho sentito dire che Mia Martini (morta suicida) aveva molto
sofferto per la fama di "menagrama" che le era piombata
addosso nell'ambiente canoro.
L'autore Enzo Gragnaniello si trova su
https://it.wikipedia.org/wiki/Enzo_Gragnaniello
Che coincidenza! era l'autore suonato oggi a Fahrenheit su
Radio3 RAI 15-18.
(ogni giorno suonano un artista diverso negli intermezzi
musicali)
--
AIOE °¿°
Klaram
2017-03-10 16:27:10 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Giovedì 9 marzo 2017 12:13:48 UTC+1 Maurizio Pistone ha
Post by Valerio Vanni
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Il testo completo della canzone, che si trova su
http://wikitesti.com/donna/,
contiene tantissimi scambi della persona, una continua
oscillazione tra la seconda e la terza.
Una sola occorrenza di questo mezzo stilistico va bene e può
anche essere bella. Ma le continue ripetizioni della stessa
figura retorica, qualunque ne sia la denominazione, danno un
po' sui nervi.
A me fa pensare che oscilla da un discorso in generale a uno
particolare che la riguarda personalmente.
Oppure in terza persona l'apparenza, in seconda la realtà.

k
Bruno Campanini
2017-03-09 12:50:36 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Valerio Vanni
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della donna) hanno
dato la canzone in oggetto.
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
Una voluta sgrammaticatura... nella speranza che qualche
fessacchiotto la giudichi un'originalità.

Fama di loro il mondo esser non lassa
...

Bruno
Klaram
2017-03-10 16:27:53 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bruno Campanini
Post by Valerio Vanni
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della donna) hanno
dato la canzone in oggetto.
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
Una voluta sgrammaticatura... nella speranza che qualche
fessacchiotto la giudichi un'originalità.
In effetti, questa è un po' forzata.

k
=Catrame=
2017-03-09 19:21:46 UTC
Permalink
Raw Message
Addì 09/03/2017 , su it.cultura.linguistica.italiano -
it.cultura.linguistica.italiano , l'utente *Valerio Vanni* (
Post by Valerio Vanni
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della donna) hanno
dato la canzone in oggetto.
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
--
Tra il rosso ed il nero,
vince sempre lo zero.
Bruno Campanini
2017-03-09 19:49:32 UTC
Permalink
Raw Message
Post by =Catrame=
Addì 09/03/2017 , su it.cultura.linguistica.italiano -
it.cultura.linguistica.italiano , l'utente *Valerio Vanni* (
Post by Valerio Vanni
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della donna) hanno
dato la canzone in oggetto.
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.

Bruno
Valerio Vanni
2017-03-09 20:35:50 UTC
Permalink
Raw Message
On Thu, 09 Mar 2017 20:49:32 +0100, Bruno Campanini
Post by Bruno Campanini
Post by =Catrame=
Post by Valerio Vanni
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.
Io non la sento questa cacofonia... sono due sillabe molto semplici.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Bruno Campanini
2017-03-10 01:17:02 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Valerio Vanni
On Thu, 09 Mar 2017 20:49:32 +0100, Bruno Campanini
Post by Bruno Campanini
Post by =Catrame=
Post by Valerio Vanni
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche ipotizzare
una forzatura per la metrica, dato che non ce n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.
Io non la sento questa cacofonia... sono due sillabe molto semplici.
Come non la senti? quel sola-la genera cacofonia, ancorché lieve.
E nell'esecuzione canora magari è molto più evidente.

- necessità canora, ovvero
- pura eccentricità letteraria.
È comunque cosa voluta, non credo si tratti di errore.
Dovrebbero non averlo visto in troppi: autore, cantante,
orchestrali, editore.

In ogni caso bisognerebbe avere autorità
poetico-musical-letterale per far simili scorribande.

Bruno
v***@gmail.com
2017-03-11 10:54:45 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bruno Campanini
Post by Valerio Vanni
Post by =Catrame=
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Io non la sento questa cacofonia... sono due sillabe molto semplici.
Come non la senti? quel sola-la genera cacofonia, ancorché lieve.
E nell'esecuzione canora magari è molto più evidente.
Sarei d'accordo se fossero sequenze complesse (che so, "tr" "gr", fino a arrivare allo scioglilinga "Tre tigri contro tre tigri"), ma qui si tratta della sillaba più semplice in assoluto. Un bambino alle prime armi con la lingua riproduce senza problemi "la-la" (nota che la prima fase dell'apprendimento si chiama proprio "lallazione").

Ma ti danno fastidio le sillabe identiche, o sequenze di suoni simili?
Per esempio, "la lampada" ti suona meglio?
Bruno Campanini
2017-03-12 14:50:15 UTC
Permalink
Raw Message
Post by v***@gmail.com
Post by Bruno Campanini
Post by Valerio Vanni
Post by =Catrame=
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Io non la sento questa cacofonia... sono due sillabe molto semplici.
Come non la senti? quel sola-la genera cacofonia, ancorché lieve.
E nell'esecuzione canora magari è molto più evidente.
Sarei d'accordo se fossero sequenze complesse (che so, "tr" "gr", fino a
arrivare allo scioglilinga "Tre tigri contro tre tigri"), ma qui si tratta
della sillaba più semplice in assoluto. Un bambino alle prime armi con la
lingua riproduce senza problemi "la-la" (nota che la prima fase
dell'apprendimento si chiama proprio "lallazione").
Io quand'ero bambino sapevo fare il saluto al Duce e pronunciavo
correttamente ea-ea-a-là-là, qualunque cosa significasse - che
ancora ignoro - e quale ne fosse la corretta grafia.
Post by v***@gmail.com
Ma ti danno fastidio le sillabe identiche, o sequenze di suoni simili?
Per esempio, "la lampada" ti suona meglio?
No ad ambedue le domande.
Cercavo solo di trovare una spiegazione logica a una cazzata,
dimenticando che ogni tentativo volto a correggerne una può
solo condurre a determinarne un'altra.

Bruno
ADPUF
2017-03-15 21:38:31 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bruno Campanini
Post by Valerio Vanni
On Thu, 09 Mar 2017 20:49:32 +0100, Bruno Campanini
Post by Bruno Campanini
Post by =Catrame=
Post by Valerio Vanni
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche
ipotizzare una forzatura per la metrica, dato che non ce
n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un
"-la ti"
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.
Io non la sento questa cacofonia... sono due sillabe molto
semplici.
Come non la senti? quel sola-la genera cacofonia, ancorché
lieve. E nell'esecuzione canora magari è molto più evidente.
- necessità canora, ovvero
- pura eccentricità letteraria.
È comunque cosa voluta, non credo si tratti di errore.
Dovrebbero non averlo visto in troppi: autore, cantante,
orchestrali, editore.
In ogni caso bisognerebbe avere autorità
poetico-musical-letterale per far simili scorribande.
Penso che i testi delle canzoni siano mooolto discussi dagli
autori con i produttori.


A questo proposito ricordo di aver letto che quando Celentano
scrisse la canzone "Sta lontana da me" ci fu un dibattito fra
loro sul dilemma sta/stai.

Il nodo gordiano fu risolto dal capoClan con il concetto
che "sta" andava bene perché era rivolto a una donna.
:-)

http://www.ebay.it/itm/CELENTANO-sta-lontana-da-me-SPARTITO-CLAN-COPERTINA-MARRONE-/370886880176
--
AIOE °¿°
Valerio Vanni
2017-03-16 12:50:03 UTC
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Penso che i testi delle canzoni siano mooolto discussi dagli
autori con i produttori.
A questo proposito ricordo di aver letto che quando Celentano
scrisse la canzone "Sta lontana da me" ci fu un dibattito fra
loro sul dilemma sta/stai.
Non ho capito il dilemma.
Post by ADPUF
Il nodo gordiano fu risolto dal capoClan con il concetto
che "sta" andava bene perché era rivolto a una donna.
:-)
E non ne ho capito la soluzione :-)
Post by ADPUF
http://www.ebay.it/itm/CELENTANO-sta-lontana-da-me-SPARTITO-CLAN-COPERTINA-MARRONE-/370886880176
Comunque Celentano canta "stai".
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
ADPUF
2017-03-19 23:07:00 UTC
Permalink
Raw Message
On Wed, 15 Mar 2017 22:38:31 +0100, ADPUF
Post by ADPUF
A questo proposito ricordo di aver letto che quando Celentano
scrisse la canzone "Sta lontana da me" ci fu un dibattito fra
loro sul dilemma sta/stai.
Non ho capito il dilemma.
Erano incerti se usare "sta" o "stai".
Post by ADPUF
Il nodo gordiano fu risolto dal capoClan con il concetto
che "sta" andava bene perché era rivolto a una donna.
:-)
E non ne ho capito la soluzione :-)
Celentano disse che trattandosi di una donna andava bene "sta",
se fosse stato un uomo andava bene "stai" :-)

L'ho letto su un libretto-biografia anni fa.

Boh... dicerie?
Post by ADPUF
http://www.ebay.it/itm/CELENTANO-sta-lontana-da-me-SPARTITO-CLAN-COPERTINA-MARRONE-/370886880176
Comunque Celentano canta "stai".
Ma la copertina ha scritto "sta".
Misterium?
--
AIOE °¿°
Wolfgang
2017-03-10 08:56:29 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Bruno Campanini
Post by =Catrame=
Post by Valerio Vanni
Stamattina alla radio (probabilmente per la festa della
donna) hanno dato la canzone in oggetto.
"Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori"
Perché non un "la" al posto del "ti"? Non si può neanche
ipotizzare una forzatura per la metrica, dato che non ce
n'era bisogno?
perché cantando un "-la la" non é cosí musicale come un "-la ti"
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.
Io no. Sostituendo il verbo «è» con «sei», l'autore poteva
facilmente evitare sia la sgrammaticatura del cambio di persona sia
la cacofonia del susseguirsi di due «la»:

Donna come un mazzo di fiori,
quando *sei* sola ti fanno fuori

La virgola alla fine del primo verso l'ho aggiunta perché «Donna» ha
ora assunto la funzione di un vocativo.

Il fatto che l'autore abbia rinunciato a questa sostituzione
dell'«è», mezzo tanto semplice quanto efficace, comprova che la
sgrammaticatura non ha niente ha che vedere con la predetta
cacofonia. È voluta.

Ciao,
Wolfgang
v***@gmail.com
2017-03-11 10:59:03 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Post by Bruno Campanini
Credo proprio sia questo il motivo della sgrammaticatura.
Però la cacofonia andava evitata usando un testo corretto.
Io no. Sostituendo il verbo «è» con «sei», l'autore poteva
facilmente evitare sia la sgrammaticatura del cambio di persona sia
Donna come un mazzo di fiori,
quando *sei* sola ti fanno fuori
Solo che in questa maniera aggiungi una sillaba, non rientra nella melodia.

Io piuttosto avrei messo "se sei sola ti fanno fuori"
Wolfgang
2017-03-11 11:22:51 UTC
Permalink
Raw Message
Post by v***@gmail.com
Post by Wolfgang
[...]
Sostituendo il verbo «è» con «sei», l'autore poteva
facilmente evitare sia la sgrammaticatura del cambio di
Donna come un mazzo di fiori,
quando *sei* sola ti fanno fuori
Solo che in questa maniera aggiungi una sillaba, non rientra nella melodia.
Post by Wolfgang
quando *è* sola ti fanno fuori
Per me «è» fa tanto una sillaba quanto «sei», o sbaglio?
Post by v***@gmail.com
Io piuttosto avrei messo "se sei sola ti fanno fuori"
Ma così manca una sillaba.

Ciao,
Wolfgang
v***@gmail.com
2017-03-11 11:39:54 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Post by v***@gmail.com
Solo che in questa maniera aggiungi una sillaba, non rientra nella melodia.
Post by Wolfgang
quando *è* sola ti fanno fuori
Per me «è» fa tanto una sillaba quanto «sei», o sbaglio?
Nella scrittura sì, nella canzone no.
Prova a cercarla su youtube, la suddivisione sillabica è

quan-doès-so-la-ti-fan-no-fuo-ri

Confrontala con l'altra frase che sta sullo stesso tratto di melodia:
"chi si bagna vuole anche il sole"
Post by Wolfgang
Post by v***@gmail.com
Io piuttosto avrei messo "se sei sola ti fanno fuori"
Ma così manca una sillaba.
No, il -sei- va al posto del -doès-

Poi possiamo discutere su quali strutture possano descrivere il -doès-, ma forse è un discorso che meriterebbe una discussione separata. Comunque sia, lì ci sono una nota e una sillaba.
v***@gmail.com
2017-03-11 12:03:28 UTC
Permalink
Raw Message
Post by v***@gmail.com
Nella scrittura sì, nella canzone no.
Prova a cercarla su youtube, la suddivisione sillabica è
quan-doès-so-la-ti-fan-no-fuo-ri
Aggiungo una cosa: in italiano la sinalefe è il risultato normale dell'incontro tra due vocali in fonosintassi. Viene evitata come la peste solo se entrambe le vocali sono accentate ("Verrà Aldo" "Verrà Eva", che non saranno /ver'raldo/ e /verr'aEva/), va liscia come l'olio se entrambe sono atone e ha risultati variabili (non semplici, a dire il vero) se una delle due è accentata.

In inglese è il contrario, il risultato normale dell'incontro è una dialefe. Un inglese non si sogna nemmeno di dire "so if" in una sillaba sola. Non mi viene in mente neanche una canzone con una fusione del genere.

Mi preme dirlo perché sospetto che per la tua lingua madre valga lo stesso, e quindi il tuo istinto potrebbe portarti a prendere un abbaglio.
In ogni caso, è bene ascoltare la canzone.
Wolfgang
2017-03-11 12:37:24 UTC
Permalink
Raw Message
Post by v***@gmail.com
Post by v***@gmail.com
Nella scrittura sì, nella canzone no.
Prova a cercarla su youtube, la suddivisione sillabica è
quan-doès-so-la-ti-fan-no-fuo-ri
Aggiungo una cosa: in italiano la sinalefe è il risultato normale
dell'incontro tra due vocali in fonosintassi. Viene evitata come la
peste solo se entrambe le vocali sono accentate ("Verrà Aldo" "Verrà Eva",
che non saranno /ver'raldo/ e /verr'aEva/), va liscia come l'olio se
entrambe sono atone e ha risultati variabili (non semplici, a dire il
vero) se una delle due è accentata.
In inglese è il contrario, il risultato normale dell'incontro è una
dialefe. Un inglese non si sogna nemmeno di dire "so if" in una sillaba
sola. Non mi viene in mente neanche una canzone con una fusione del genere.
Mi preme dirlo perché sospetto che per la tua lingua madre valga lo stesso,
e quindi il tuo istinto potrebbe portarti a prendere un abbaglio.
In ogni caso, è bene ascoltare la canzone.
Noi tedeschi non conosciamo la sinalefe, ma solo l'elisione.
Pertanto il verso in questione lo leggeremmo così:

quand'è sola ti fanno fuori

Ho nel frattempo, seguendo il tuo consiglio, trovato una
registrazione della canzone abbastanza intellegibile su


Pur avendo parecchie volte ascoltato il verso in questione, non
riesco a percepire la «o» di «-doès-»; sento solo la «è», il che mi
risulta una conferma della predetta elisione della «o».

Comunque sia, che di sinalefe o elisione si tratti, non è possibile
sostituire «è» con «sei», come avevo erroneamente proposto prima
dell'ascolto.

Sono ormai al 100% d'accoro con quanto tu scrivi nei due ultimi post.

Ciao,
Wolfgang
v***@gmail.com
2017-03-11 13:55:22 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Noi tedeschi non conosciamo la sinalefe, ma solo l'elisione.
quand'è sola ti fanno fuori
Ho nel frattempo, seguendo il tuo consiglio, trovato una
registrazione della canzone abbastanza intellegibile su
http://youtu.be/AzpXdYUa14o
Pur avendo parecchie volte ascoltato il verso in questione, non
riesco a percepire la «o» di «-doès-»; sento solo la «è», il che mi
risulta una conferma della predetta elisione della «o».
Se hai ascoltato la canzone di Celentano, è difficile che tu abbia sentito la pronuncia di Mia Martini ;-)

Scherzi a parte, io ho ascoltato qui:


Secondo me c'è, ma è breve e la transizione è graduale. Non c'è il dittongo di "boa", se cerchi quello non lo trovi: il centro della sillaba è sicuramente /E/.

In pratica, penso che si tratti di un'approssimante.

Secondo me si sente più forte poco dopo "quando a casa".
p***@gmail.com
2017-03-11 14:05:34 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Wolfgang
Ma così manca una sillaba.
In questo recitativo di Brecht, tratto dall`Opera da Tre Soldi, non c`e` invece una sillaba in piu`?



Il verso in questione e`: "Zum Essen Brot zu kriegen und nicht einen Stein."
Loading...