Discussione:
cosa vuol dire cotte?
Aggiungi Risposta
Baduz
2017-07-11 00:05:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
qui:

Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza, le sue
impavide autoassoluzioni (per lui, il cretino è sempre «un altro»); e
comunque il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente, «inferiore»,
anche quando − agghiacciante fenomeno − vi si abbandona egli stesso.

grazie
Mad Prof
2017-07-11 05:08:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza, le sue
impavide autoassoluzioni (per lui, il cretino è sempre «un altro»); e
comunque il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente, «inferiore»,
anche quando − agghiacciante fenomeno − vi si abbandona egli stesso.
<http://www.treccani.it/vocabolario/cotta2>

«2. Indumento militare in uso nel medioevo; in partic., c. d’arme,
sopravveste di tela o di seta, priva di maniche e lunga fino al ginocchio,
portata dai cavalieri sopra l’armatura; c. di maglia, indumento fatto di
maglia di ferro, lungo sino a metà coscia, usato come arma difensiva fino
al 14° sec., e poi sostituito dall’armatura a piastre metalliche.»
--
73 is the Chuck Norris of numbers.
Giacobino da Tradate
2017-07-11 08:08:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Baduz
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza
cotta = corazza medioevale fatta di tantissimi anellini di acciaio

https://tinyurl.com/ya7tdah9
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Giovanni Drogo
2017-07-11 08:57:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
cotta = corazza medioevale fatta di tantissimi anellini di acciaio
cotta e' anche un indumento "normale" che ora usano solo i sacerdoti.
Quella corazzata e' comunemente detta "cotta di maglia"
ADPUF
2017-07-14 19:34:06 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giovanni Drogo
Post by Giacobino da Tradate
cotta = corazza medioevale fatta di tantissimi anellini di
acciaio
cotta e' anche un indumento "normale" che ora usano solo i
sacerdoti.
Ah sì, quando ero chierichetto mettevo la cotta bianca (coi
pizzi, che vergogna!) sopra la tonaca nera.

Era il rito tridentino... tutto un sfolgorio di luccicamenti a
maggior gloria del Signore.

Bello quando si faceva messa grande con l'incenso... i due
chierichetti con l'incenso erano scelti fra i più anziani ed
esperti, bisognava tener acceso il fornello senza far fumo,
poi al momento giusto si buttava dentro una cucchiaiata e si
sventolava per dare aria, poi si passava al celebrante che
affumicava tutto.
--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Voce dalla Germania
2017-07-15 08:10:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Bello quando si faceva messa grande con l'incenso... i due
chierichetti con l'incenso erano scelti fra i più anziani ed
esperti, bisognava tener acceso il fornello senza far fumo,
poi al momento giusto si buttava dentro una cucchiaiata e si
sventolava per dare aria, poi si passava al celebrante che
affumicava tutto.
Mi permetti di correggere una lettera?
... che affumicava tutti.
ADPUF
2017-07-28 18:39:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Voce dalla Germania
Post by ADPUF
Bello quando si faceva messa grande con l'incenso... i due
chierichetti con l'incenso erano scelti fra i più anziani ed
esperti, bisognava tener acceso il fornello senza far fumo,
poi al momento giusto si buttava dentro una cucchiaiata e si
sventolava per dare aria, poi si passava al celebrante che
affumicava tutto.
Mi permetti di correggere una lettera?
... che affumicava tutti.
Beh, non mi pare che il fumo fosse diretto contro la gente...
d'altra parte l'ho visto fare nei funerali (col rito attuale)
sulla bara del defunto, per cui sì hai ragione.

Del resto si dice "incensare qualcuno".
--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Maurizio Pistone
2017-07-11 10:12:05 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza, le sue
impavide autoassoluzioni (per lui, il cretino è sempre «un altro»); e
comunque il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente, «inferiore»,
anche quando ? agghiacciante fenomeno ? vi si abbandona egli stesso.
grazie
3 fig. Innamoramento improvviso e violento: ha preso, si è preso una
bella c.; non gli è passata la c. - estens. Infatuazione improvvisa per
qualcosa: ora ha preso la c. per i cavalli

4 fig., pop. Sbornia, ubriacatura
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Giacobino da Tradate
2017-07-11 11:25:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Maurizio Pistone
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza
e' chiaro che in questo testo la cotta e' una psicologia catafratta che
le armi verbali "non scalfiscono".
Post by Maurizio Pistone
3 fig. Innamoramento improvviso e violento: ha preso, si è preso una
bella c.; non gli è passata la c. - estens. Infatuazione improvvisa per
qualcosa: ora ha preso la c. per i cavalli
la cotta amorosa ha a che fare con il cuocere e col rammollire.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
ADPUF
2017-07-14 19:34:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
Post by Maurizio Pistone
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile.
Dileggio, sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte
d'inconsapevolezza
e' chiaro che in questo testo la cotta e' una psicologia
catafratta che le armi verbali "non scalfiscono".
Non era meglio allora "corazze" ?
Post by Giacobino da Tradate
Post by Maurizio Pistone
3 fig. Innamoramento improvviso e violento: ha preso, si è
preso una bella c.; non gli è passata la c. - estens.
Infatuazione improvvisa per qualcosa: ora ha preso la c. per
i cavalli
la cotta amorosa ha a che fare con il cuocere e col
rammollire.
Infatti facilmente l'innamorato piange, di gioia o di dolore.
Però non tutto si rammollisce, se c'è corrispondenza d'affetti.
--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
androidino da tradate
1970-01-01 00:00:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Post by Giacobino da Tradate
Post by Baduz
Dileggio, sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte
d'inconsapevolezza
psicologia
catafratta che le armi verbali "non scalfiscono".
Non era meglio allora "corazze" ?
Beh, dillo all'autore, è una scelta stilistica.

Secondo voleva evocare il furbo di sette cotte, praticamente
imbattibile.

In cui peraltro le cotte del furbo non sono corazze ma le ripetute
cotture e distillazioni dell'acquavite.
--
illuminismo e razionalità
Klaram
2017-07-15 11:44:59 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ADPUF
Post by Giacobino da Tradate
Post by Maurizio Pistone
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile.
Dileggio, sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte
d'inconsapevolezza
e' chiaro che in questo testo la cotta e' una psicologia
catafratta che le armi verbali "non scalfiscono".
Non era meglio allora "corazze" ?
Post by Giacobino da Tradate
Post by Maurizio Pistone
3 fig. Innamoramento improvviso e violento: ha preso, si è
preso una bella c.; non gli è passata la c. - estens.
Infatuazione improvvisa per qualcosa: ora ha preso la c. per
i cavalli
Non sappiamo se l'autore per "cotta" intendesse "corazza" o
"infatuazione improvvisa...".
Io propendo per la seconda ipotesi perché ha usato il plurale, come se
fossero cotte ripetute, appunto.
Se si trattasse di un atteggiamento costante avrebbe detto "la sua
cotta (o meglio corazza) di inconsapevolezza".

k
Mad Prof
2017-07-15 22:16:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Klaram
Non sappiamo se l'autore per "cotta" intendesse "corazza" o
"infatuazione improvvisa...".
Io propendo per la seconda ipotesi perché ha usato il plurale, come se
fossero cotte ripetute, appunto.
Se si trattasse di un atteggiamento costante avrebbe detto "la sua
cotta (o meglio corazza) di inconsapevolezza".
Cotte nel senso di infatuazione non sta in piedi. L'uso del verbo scalfire
indica chiaramente che si stava riferendo all'indumento protettivo…
--
73 is the Chuck Norris of numbers.
Klaram
2017-07-16 16:07:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Post by Klaram
Non sappiamo se l'autore per "cotta" intendesse "corazza" o
"infatuazione improvvisa...".
Io propendo per la seconda ipotesi perché ha usato il plurale, come se
fossero cotte ripetute, appunto.
Se si trattasse di un atteggiamento costante avrebbe detto "la sua
cotta (o meglio corazza) di inconsapevolezza".
Cotte nel senso di infatuazione non sta in piedi. L'uso del verbo scalfire
indica chiaramente che si stava riferendo all'indumento protettivo…
Quante volte hai sentito usare cotta, in senso figurato, per corazza?

Mah, forse lo stiamo sopravvalutando.

k
Roberto Deboni DMIsr
2017-07-29 01:39:28 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza, le sue
impavide autoassoluzioni (per lui, il cretino è sempre «un altro»); e
comunque il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente,
«inferiore», anche quando − agghiacciante fenomeno − vi si abbandona
egli stesso.
Dal contesto, la descrizione e' quella del "cretino".

E quindi gli attacchi descritti vanno a cozzare contro una
sua corazza fatta di "inconsapevolezza" ed una altra
corazza fatta di autoassoluzioni.

Quindi "cotta" e' intendibile nel significato di "corazza".
Roberto Deboni DMIsr
2017-07-29 01:40:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Baduz
Sconfiggerlo è ovviamente impossibile. Odiarlo è inutile. Dileggio,
sarcasmo, ironia non scalfiscono le sue cotte d'inconsapevolezza, le sue
impavide autoassoluzioni (per lui, il cretino è sempre «un altro»); e
comunque il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente,
«inferiore», anche quando − agghiacciante fenomeno − vi si abbandona
egli stesso.
Dal contesto, la descrizione e' quella del "cretino".
E quindi gli attacchi descritti vanno a cozzare contro una
sua corazza fatta di "inconsapevolezza" ed una altra
corazza fatta di autoassoluzioni.
Quindi "cotta" e' intendibile nel significato di "corazza".
Mannaggia! Baduz non puo' leggermi.
Giacobino da Tradate
2017-07-29 17:34:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Roberto Deboni DMIsr
Quindi "cotta" e' intendibile nel significato di "corazza".
Mannaggia! Baduz non puo' leggermi.
egli puo'.

Io posso, pur avendo aioe.

Deduco: si direbbe che ti abbiano riabilitato.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Roberto Deboni DMIsr
2017-08-02 15:14:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Roberto Deboni DMIsr
Quindi "cotta" e' intendibile nel significato di "corazza".
Mannaggia! Baduz non puo' leggermi.
egli puo'.
Io posso, pur avendo aioe.
Deduco: si direbbe che ti abbiano riabilitato.
Grazie della informazione e confermo.
Anche nel gruppo IHFDT, visto ora.
Enrica
2017-08-03 18:30:48 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
"Roberto Deboni DMIsr" , non scrivi più sul gruppo consumatori tutela?
Loading...