Discussione:
cartello uffici GTT bruppo trasporti torinese
(troppo vecchio per rispondere)
dibball
2018-04-01 20:08:43 UTC
Permalink
Raw Message
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS

perchè scrivono vendita e poi acquisto ??

ciao
Mad Prof
2018-04-01 22:57:41 UTC
Permalink
Raw Message
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
perchè scrivono vendita e poi acquisto ??
Alla fine dei conti, la differenza tra vendita e acquisto è solo questione
di prospettiva. Il vero problema di quella pessima traduzione è il tickets
messo alla fine. Avrebbero dovuto scrivere Ticket (singolare perché
apposizione) purchase and renewal.
--
Sanity is not statistical
Rapsòdo
2018-04-02 04:04:10 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
perchè scrivono vendita e poi acquisto ??
Alla fine dei conti, la differenza tra vendita e acquisto è solo
questione di prospettiva. Il vero problema di quella pessima
traduzione è il tickets messo alla fine. Avrebbero dovuto scrivere
Ticket (singolare perché apposizione) purchase and renewal.
credo che vada interpretato come: /Tickets
come deducesi dalla spaziatura e qui
http://tinyurl.com/y8uwxrp9

so', mattiniero, buona Pasquetta :-)
ADPUF
2018-04-02 20:10:04 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
perchè scrivono vendita e poi acquisto ??
Alla fine dei conti, la differenza tra vendita e acquisto è
solo questione di prospettiva. Il vero problema di quella
pessima traduzione è il tickets messo alla fine. Avrebbero
dovuto scrivere Ticket (singolare perché apposizione)
purchase and renewal.
Anche in tedesco è quasi uguale:
vendere: verkaufen
comprare: kaufen
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
https://en.wikipedia.org/wiki/Usenet
Anacleto Colombo
2018-04-02 10:59:05 UTC
Permalink
Raw Message
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
ticket sales and subscriptions ?
Tony the Ice Man
2018-04-02 15:10:37 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Anacleto Colombo
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
ticket sales and subscriptions ?
Per trasporto negli Stati Uniti, non si usa "subscription" per indicare
l'abbondamento, si dice "pass." Ticket and Pass Sales. Ticket and Pass
Purchase. "Subscription" si usa per il balleto, le riviste, o il
contributo annuale a NPR (National Public Radio).
Voce dalla Germania
2018-04-02 18:52:14 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Tony the Ice Man
Il giorno domenica 1 aprile 2018 22:06:42 UTC+2, dibball
Post by dibball
VENDITA E RINNOVO BIGLIETTI - PURCHASE AND RENEWAL TICKETS
ticket sales and subscriptions ?
Per trasporto negli Stati Uniti, non si usa "subscription"
per indicare l'abbondamento, si dice "pass." Ticket and Pass
Sales. Ticket and Pass Purchase. "Subscription" si usa per
il balleto, le riviste, o il contributo annuale a NPR
(National Public Radio).
A questo punto avrei due domande.
Una a te: per caso sai se "pass" per abbonamento nel settore
dei trasporti pubblici è di uso comune in tutti i paesi
anglofoni o limitato agli USA? In particolare, sai cosa
usano nel Regno Unito e specialmente in Inghilterra? Già che
ci siamo, ti regalo una t e scrivo ballet_t_o.

Poi vorrei chiedere a dibball: cosa intende il GTT per
rinnovo biglietti?
Come traduttore professionista (vedi il mio indirizzo mail)
ho imparato oltre trent'anni fa che dopo avere capito cosa
significa una determinata espressione nella lingua straniera
si possono fare lo stesso tanti errori di traduzione, ma se
uno non ha capito cosa significa, trovare una traduzione
corretta o almeno accettabile non è un terno al lotto, ma
una cinquina. Detto questo, cosa vuol dire "rinnovo
biglietti" nel tuo contesto???
Mad Prof
2018-04-02 19:03:25 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Voce dalla Germania
A questo punto avrei due domande.
Una a te: per caso sai se "pass" per abbonamento nel settore
dei trasporti pubblici è di uso comune in tutti i paesi
anglofoni o limitato agli USA? In particolare, sai cosa
usano nel Regno Unito e specialmente in Inghilterra?
A Londra si chiamano Travelcard, ma credo vada considerato un nome proprio,
più che un nome comune.

<https://tfl.gov.uk/fares-and-payments/ways-to-pay/travelcards>

Il nome generico è pass.

<https://www.tfgm.com/tickets-and-passes>
--
Sanity is not statistical
Rapsòdo
2018-04-02 19:04:31 UTC
Permalink
Raw Message
Voce dalla Germania ha postato:
[...]
Post by Voce dalla Germania
Come traduttore professionista
[...]

Avrei una domanda strana da porti...
Tu conosci quell'ormai "lontano" traduttore di Thomas Mann
che è stato Furio Jesi?
In caso affermativo, cosa ne pensi?
Voce dalla Germania
2018-04-02 19:28:28 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Rapsòdo
[...]
Post by Voce dalla Germania
Come traduttore professionista
[...]
Avrei una domanda strana da porti...
Tu conosci quell'ormai "lontano" traduttore di Thomas Mann
che è stato Furio Jesi?
In caso affermativo, cosa ne pensi?
Non lo conosco. Inoltre evito accuratamente le traduzioni
letterarie. Perché?
1) Le ritengo più difficili del mio pane quotidiano:
contratti, manuali di macchine, comunicati stampa ecc.
2) Quando leggo gli onorari proposti o addirittura imposti
(nel senso: o accetti o trovo qualcun altro) dalla
maggioranza delle case editrici italiane, dico semplicemente
vaffan....
Rapsòdo
2018-04-02 20:17:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Voce dalla Germania
Non lo conosco. Inoltre evito accuratamente le traduzioni
letterarie. Perché?
contratti, manuali di macchine, comunicati stampa ecc.
2) Quando leggo gli onorari proposti o addirittura imposti
(nel senso: o accetti o trovo qualcun altro) dalla
maggioranza delle case editrici italiane, dico semplicemente
vaffan....
«Qualcuno dice che si ammazzò perché era alcolizzato o perché non
andava d’accordo con la moglie o perché Garzanti l’aveva licenziato, ma
non basta questo a spiegare le cose. La ragione vera è che faceva quel
mestiere e ne era ossessionato fino al punto di decidere di farla
finita. Perché, vedi, non tutti se ne rendono conto, ma tradurre è un
mestiere micidiale che ti costringe ore e ore attaccato alla macchina
da scrivere a cercare parole che poi tu presti ad altri. E spesso sono
parole prestate a persone e a libri inutili e questo a poco a poco
logora e uccide».

cit. Luciano Bianciardi
Voce dalla Germania
2018-04-03 07:18:35 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Rapsòdo
Post by Voce dalla Germania
Non lo conosco. Inoltre evito accuratamente le traduzioni
letterarie. Perché?
contratti, manuali di macchine, comunicati stampa ecc.
2) Quando leggo gli onorari proposti o addirittura imposti
(nel senso: o accetti o trovo qualcun altro) dalla
maggioranza delle case editrici italiane, dico semplicemente
vaffan....
«Qualcuno dice che si ammazzò perché era alcolizzato o perché non
andava d’accordo con la moglie o perché Garzanti l’aveva licenziato, ma
non basta questo a spiegare le cose. La ragione vera è che faceva quel
mestiere e ne era ossessionato fino al punto di decidere di farla
finita. Perché, vedi, non tutti se ne rendono conto, ma tradurre è un
mestiere micidiale che ti costringe ore e ore attaccato alla macchina
da scrivere a cercare parole che poi tu presti ad altri. E spesso sono
parole prestate a persone e a libri inutili e questo a poco a poco
logora e uccide».
cit. Luciano Bianciardi
Citazione interessante, ma non la condivido per niente.
Voce dalla Germania
2018-04-04 15:58:53 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Voce dalla Germania
Post by Rapsòdo
Post by Voce dalla Germania
Non lo conosco. Inoltre evito accuratamente le traduzioni
letterarie. Perché?
contratti, manuali di macchine, comunicati stampa ecc.
2) Quando leggo gli onorari proposti o addirittura imposti
(nel senso: o accetti o trovo qualcun altro) dalla
maggioranza delle case editrici italiane, dico semplicemente
vaffan....
«Qualcuno dice che si ammazzò perché era alcolizzato o perché non
andava d’accordo con la moglie o perché Garzanti l’aveva licenziato, ma
non basta questo a spiegare le cose. La ragione vera è che faceva quel
mestiere e ne era ossessionato fino al punto di decidere di farla
finita. Perché, vedi, non tutti se ne rendono conto, ma tradurre è un
mestiere micidiale che ti costringe ore e ore attaccato alla macchina
da scrivere a cercare parole che poi tu presti ad altri. E spesso sono
parole prestate a persone e a libri inutili e questo a poco a poco
logora e uccide».
cit. Luciano Bianciardi
Citazione interessante, ma non la condivido per niente.
Aggioungo che invece condivido molto quest'altra dello
stesso autore, riportata qui anni fa da uno che si firmava abc:
"Una volta ricordo che riuscimmo a fare centocinquanta
cartelle in due giorni, perché ci
urgevano cinquantamila lire da dare al ginecologo, e ce la
facemmo ma poi per quarantott’ore
restammo fermi tutti e due, fra i postumi dell’intervento e
la sgobbata."

Caspiterina! Va bene che lavoro da solo e non in due, ma di
solito sono ben felice quando traduco VENTI cartelle in due
giorni.
150 cartelle da 1500 caratteri spazi compresi ovvero battute
= 225.000 caratteri diviso 300 battute al minuto (brava
dattilografa a quei tempi) = 750 minuti, pari a 12 ore e
mezzo di lavoro solo per scrivere a macchina sotto dettatura.
Rapsòdo
2018-04-04 16:05:11 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Voce dalla Germania
Post by Voce dalla Germania
Post by Rapsòdo
Post by Voce dalla Germania
Non lo conosco. Inoltre evito accuratamente le traduzioni
letterarie. Perché?
contratti, manuali di macchine, comunicati stampa ecc.
2) Quando leggo gli onorari proposti o addirittura imposti
(nel senso: o accetti o trovo qualcun altro) dalla
maggioranza delle case editrici italiane, dico semplicemente
vaffan....
«Qualcuno dice che si ammazzò perché era alcolizzato o perché non
andava d’accordo con la moglie o perché Garzanti l’aveva licenziato, ma
non basta questo a spiegare le cose. La ragione vera è che faceva quel
mestiere e ne era ossessionato fino al punto di decidere di farla
finita. Perché, vedi, non tutti se ne rendono conto, ma tradurre è un
mestiere micidiale che ti costringe ore e ore attaccato alla macchina
da scrivere a cercare parole che poi tu presti ad altri. E spesso sono
parole prestate a persone e a libri inutili e questo a poco a poco
logora e uccide».
cit. Luciano Bianciardi
Citazione interessante, ma non la condivido per niente.
Aggioungo che invece condivido molto quest'altra dello
"Una volta ricordo che riuscimmo a fare centocinquanta
cartelle in due giorni, perché ci
urgevano cinquantamila lire da dare al ginecologo, e ce la
facemmo ma poi per quarantott’ore
restammo fermi tutti e due, fra i postumi dell’intervento e
la sgobbata."
Caspiterina! Va bene che lavoro da solo e non in due, ma di
solito sono ben felice quando traduco VENTI cartelle in due
giorni.
150 cartelle da 1500 caratteri spazi compresi ovvero battute
= 225.000 caratteri diviso 300 battute al minuto (brava
dattilografa a quei tempi) = 750 minuti, pari a 12 ore e
mezzo di lavoro solo per scrivere a macchina sotto dettatura.
infatti m'era venuto lui in mente, proprio perché
ricordavo dei suoi discorsi sulle difficoltà economiche
del mestiere di traduttore e di come fosse trascurato, non riconosciuto
e sottopagato, e mi pare che, a quanto pare,
le cose non siano molto cambiate, almeno per la letteratura,
come dicevi tu
Rapsòdo
2018-04-04 16:21:54 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Rapsòdo
e sottopagato, e mi pare che, a quanto pare,
cacofonicamente parlando ;o)

dibball
2018-04-02 22:19:57 UTC
Permalink
Raw Message
<Poi vorrei chiedere a dibball: cosa intende il GTT per
<rinnovo biglietti?

si riferiva al rinnovo degli abbonamenti studenti.
Ma volevo sottolineare come vendita venisse tradotto con purchase!
Mad Prof
2018-04-02 22:42:24 UTC
Permalink
Raw Message
Post by dibball
<Poi vorrei chiedere a dibball: cosa intende il GTT per
<rinnovo biglietti?
si riferiva al rinnovo degli abbonamenti studenti.
Ma volevo sottolineare come vendita venisse tradotto con purchase!
Quello è veramente l’ultimo dei problemi…

<https://www.youngvoices.co.uk/venue_tickets/tickets-sheffield-arena-sheffield>
--
Sanity is not statistical
Voce dalla Germania
2018-04-03 07:32:00 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mad Prof
Post by dibball
<Poi vorrei chiedere a dibball: cosa intende il GTT per
<rinnovo biglietti?
si riferiva al rinnovo degli abbonamenti studenti.
Ma volevo sottolineare come vendita venisse tradotto con purchase!
Quello è veramente l’ultimo dei problemi…
<https://www.youngvoices.co.uk/venue_tickets/tickets-sheffield-arena-sheffield>
+1.
GTT può vendere biglietti e abbonamenti solo se qualcuno
glieli compra.
Poi, a seconda delle lingue e delle situazioni, prevarrà il
concetto della vendita o quello dell'acquisto o si parlerà
di tutti e due, come nel noto caso dei contratti di
compravendita immobiliare.

P.S. Mi sono permesso di modificare l'oggetto. Errori di
battitura ne facciamo tutti, ma una dozzina di messaggi su
un *b*ruppo, insomma, ...
Giovanni Drogo
2018-04-03 09:21:30 UTC
Permalink
Raw Message
anglofoni o limitato agli USA? In particolare, sai cosa usano nel
Regno Unito e specialmente in Inghilterra
A Londra almeno una trentina o piu' anni fa (quando collezionavo titoli
di viaggio e me ne ero fatti mandare degli esemplari) si usava "season
card" per l'abbonamento
Poi vorrei chiedere a dibball: cosa intende il GTT per rinnovo
biglietti?
Suppongo che abbiano contratto "vendita biglietti e rinnovo
abbonamenti" (dubito sia la "sostituzione biglietti", in caso di
cambio tariffa o di smagnetizzazione del supporto). Anche sulle
macchinette dell'ATM di Milano c'e' una traduzione che mi ha colpito
come scorretta quando la ho vista la prima volta (poi mi sono abituato,
non ci faccio piu' caso e non me la ricordo nemmeno)
Loading...