Discussione:
A proposito di pronuncia
(troppo vecchio per rispondere)
Rapsòdo
2018-03-16 10:37:38 UTC
Permalink
In tempi abbastanza recenti sento sempre più spesso
una certa maniera di pronunciare le frasi
che in sé fondamentalmente è corretta.
Quello che mi colpisce (e disturba)
è la tonalità che sembra quella di un interprete
che traduce il discorso di un altro.
Però da non confondere con il bilingue
con l'italiano come seconda lingua;
qualcosa è diverso anche se non saprei qualificarlo.
Mi pare che tra i giovanissimi il fenomeno
sia in costante aumento.
Qualcuno ha notato la stessa cosa
e ne sa dare una spiegazione?
Voce dalla Germania
2018-03-16 11:27:52 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
In tempi abbastanza recenti sento sempre più spesso
una certa maniera di pronunciare le frasi
che in sé fondamentalmente è corretta.
Quello che mi colpisce (e disturba)
è la tonalità che sembra quella di un interprete
che traduce il discorso di un altro.
Però da non confondere con il bilingue
con l'italiano come seconda lingua;
qualcosa è diverso anche se non saprei qualificarlo.
Mi pare che tra i giovanissimi il fenomeno
sia in costante aumento.
Qualcuno ha notato la stessa cosa
e ne sa dare una spiegazione?
Domanda di un interprete professionale ormai bilingue, ma
con l'italiano come madrelingua: potresti descrivere quella
tonalità e spiegarci perché ti dà fastidio?
Rapsòdo
2018-03-16 11:39:10 UTC
Permalink
Post by Voce dalla Germania
Post by Rapsòdo
In tempi abbastanza recenti sento sempre più spesso
una certa maniera di pronunciare le frasi
che in sé fondamentalmente è corretta.
Quello che mi colpisce (e disturba)
è la tonalità che sembra quella di un interprete
che traduce il discorso di un altro.
Però da non confondere con il bilingue
con l'italiano come seconda lingua;
qualcosa è diverso anche se non saprei qualificarlo.
Mi pare che tra i giovanissimi il fenomeno
sia in costante aumento.
Qualcuno ha notato la stessa cosa
e ne sa dare una spiegazione?
Domanda di un interprete professionale ormai bilingue, ma
con l'italiano come madrelingua: potresti descrivere quella
tonalità e spiegarci perché ti dà fastidio?
Mi riesce difficile spiegarlo, ma ci provo.
Prendiamo una parola: europee.
Quelle "ee" finali assumono un tono alto e marcato
quasi con sospensione.
Così con molte altre parole.
Ci provo anche a dire perché mi dà fastidio...
è come il pronunciatore fosse chiuso in sé
senza essere in vero contatto con l'uditore.
Rapsòdo
2018-03-16 11:40:52 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
è come il pronunciatore fosse chiuso in sé
è come se... naturalmente
Bruno Campanini
2018-03-16 14:29:32 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
Post by Rapsòdo
è come il pronunciatore fosse chiuso in sé
è come se... naturalmente
Tu ti rammarichi di aver omesso un se,
io avrei omesso "è" e "se": come il presentatore fosse...

Bruno
Rapsòdo
2018-03-16 14:53:53 UTC
Permalink
Rapsòdo
Post by Rapsòdo
è come se... naturalmente
Tu ti rammarichi di aver omesso un se,
io avrei omesso "è" e "se": come il presentatore fosse...
Bruno
a me suona male la tua,
non scriverei mai così...
ma se sbalio ditemelo
Bruno Campanini
2018-03-16 15:19:11 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
Rapsòdo
Post by Rapsòdo
è come se... naturalmente
Tu ti rammarichi di aver omesso un se,
io avrei omesso "è" e "se": come il presentatore fosse...
Bruno
a me suona male la tua,
non scriverei mai così...
ma se sbalio ditemelo
I se e i che, quando si possono omettere, li ometto.
C'è chi beve il caffè amaro, chi è gay... de gustibus
non est disputandum.

Bruno
Rapsòdo
2018-03-16 15:25:16 UTC
Permalink
Post by Bruno Campanini
Post by Rapsòdo
Rapsòdo
Post by Rapsòdo
è come se... naturalmente
Tu ti rammarichi di aver omesso un se,
io avrei omesso "è" e "se": come il presentatore fosse...
Bruno
a me suona male la tua,
non scriverei mai così...
ma se sbalio ditemelo
I se e i che, quando si possono omettere, li ometto.
C'è chi beve il caffè amaro, chi è gay... de gustibus
non est disputandum.
ah... capito
però c'è un pregiudizio verso noi diversamente coincisi! :)
Rapsòdo
2018-03-17 10:54:33 UTC
Permalink
Rapsòdo ha postato:

[...]
Post by Rapsòdo
Quello che mi colpisce (e disturba)
è la tonalità che sembra quella di un interprete
che traduce il discorso di un altro
[...]


O meglio, come se leggesse una favola.
Spero che sia capitato solo a me
per quel fenomeno strano di carotaqggio solitario
nel quale uno può "far buca"
ed altri non averne nessun riscontro.
Per cui non può essere generalizzato.

ADPUF
2018-03-16 22:14:19 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
In tempi abbastanza recenti sento sempre più spesso
una certa maniera di pronunciare le frasi
che in sé fondamentalmente è corretta.
Quello che mi colpisce (e disturba)
è la tonalità che sembra quella di un interprete
che traduce il discorso di un altro.
Però da non confondere con il bilingue
con l'italiano come seconda lingua;
qualcosa è diverso anche se non saprei qualificarlo.
Mi pare che tra i giovanissimi il fenomeno
sia in costante aumento.
Qualcuno ha notato la stessa cosa
e ne sa dare una spiegazione?
La prosodia?
Il tono musicale della frase?

C'è uno alla radio che parla come se facesse domande (in su) e
fa le domande come se rispondesse (in giù).
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
https://en.wikipedia.org/wiki/Usenet
Rapsòdo
2018-03-16 22:35:16 UTC
Permalink
Post by ADPUF
La prosodia?
Il tono musicale della frase?
[...]

Bravo!
Faccio un altro esempio cercando di rendere
quel tipo di prosodia.

Hai fatto bene il tuo laa
. voo ro

in questo caso c'è un abbassamento
Loading...