Discussione:
Le più belle tette della pittura...
Aggiungi Risposta
Bruno Campanini
2018-10-23 02:54:20 UTC
Rispondi
Permalink
... sono queste.

https://it.wikipedia.org/wiki/La_Fornarina

Qualcuno non è d'accordo?

Bruno
Maurizio Pistone
2018-10-23 07:08:30 UTC
Rispondi
Permalink
Hayez
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Klaram
2018-10-23 11:45:56 UTC
Rispondi
Permalink
Hayez
Giudizi estetici mirati e limitati. Come se davanti ai bronzi di Riace
una donna valutasse solo i pistolini (che non sono nemmeno un granché).
:))

k
Maurizio Pistone
2018-10-23 12:09:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
Giudizi estetici mirati e limitati
ho risposto alla domanda.
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Bruno Campanini
2018-10-23 18:17:17 UTC
Rispondi
Permalink
Hayez
Giudizi estetici mirati e limitati. Come se davanti ai bronzi di Riace una
donna valutasse solo i pistolini (che non sono nemmeno un granché). :))
k
I p..., in ibernaziuone, starebbero bene soltanto coperti
dall'apposita foglia, specie se di misura inferiore a quella canonica.

Io però speravo di venir contraddetto dall'indicazione di ben più
gagliardi argomenti.
In sostanza di quel quadro mi piacciono le suddette e l'arto
sinistro col bracciale e l'anello in posizione strana.
Il volto appuntito e le spalle cadenti... proprio no.

Bruno
Roger
2018-11-03 18:59:04 UTC
Rispondi
Permalink
Hayez
Sono d'accordissimo, soprattutto dopo aver visto sull'ultimo numero
dell'Espresso la riproduzione di Ruth, dipinta appunto da Hayez (a
proposito della mostra "Ottocento" di Forlì).
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Gennaro
2018-10-23 15:27:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Bruno Campanini
... sono queste.
https://it.wikipedia.org/wiki/La_Fornarina
Qualcuno non è d'accordo?
La moda delle tette è diventata una ossessione endemica dei giorni
nostri. Da semplice tratto femminile, sono diventate non solo un
parametro estetico fondamentale, ma un vero e proprio feticcio. Come si fa?
Klaram
2018-10-23 16:28:50 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Bruno Campanini
... sono queste.
https://it.wikipedia.org/wiki/La_Fornarina
Qualcuno non è d'accordo?
La moda delle tette è diventata una ossessione endemica dei giorni nostri. Da
semplice tratto femminile, sono diventate non solo un parametro estetico
fondamentale, ma un vero e proprio feticcio. Come si fa?
Beh,"semplice tratto" non direi, si tratta pur sempre di un carattere
sessuale secondario di valore simbolico potentissimo, anche se c'è chi
è più atttratto da altre parti, per esempio il lato b.

Però è anche soggetto alla moda: negli anni '50/60 c'erano le
maggiorate, poi sono venute di moda le magrissime e (quasi) piatte.
Negli ultimi anni c'è stato un ritorno al gigantismo, a tal punto che
certe donne sembrano delle caricature innaturali di se stesse.
Oggi, mi sembra che si stia tornando a una certa moderazione e molte
donne famose, che si sono fatte aumentare di qualche taglia, hanno
dichiarato di essere pentite.

Niente a che vedere con le donne citate nel filone, che sono molto
naturali e belle. :)

k
Roger
2018-10-23 16:58:45 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
Post by Bruno Campanini
... sono queste.
https://it.wikipedia.org/wiki/La_Fornarina
Qualcuno non è d'accordo?
La moda delle tette è diventata una ossessione endemica dei giorni nostri.
Da semplice tratto femminile, sono diventate non solo un parametro estetico
fondamentale, ma un vero e proprio feticcio. Come si fa?
Beh,"semplice tratto" non direi, si tratta pur sempre di un carattere
sessuale secondario di valore simbolico potentissimo, anche se c'è chi è più
atttratto da altre parti, per esempio il lato b.
[...]
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata a chiedere cosa hanno
di
particolare le tette dal punto di vista della cultura linguistica
italiana :-)
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Valerio Vanni
2018-10-23 17:01:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata a chiedere cosa hanno
di articolare le tette dal punto di vista della cultura linguistica
italiana :-)
Avrebbe anche ragione...
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
JaWo
2018-10-23 17:25:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Gennaro
...
La moda delle tette è diventata una ossessione endemica dei giorni
nostri. Da semplice tratto femminile, sono diventate non solo un
parametro estetico fondamentale, ma un vero e proprio feticcio. Come si fa?
 Beh,"semplice tratto" non direi, si tratta pur sempre di un carattere
sessuale secondario di valore simbolico potentissimo, anche se c'è chi
è più atttratto da altre parti, per esempio il lato b.
[...]
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata a chiedere cosa hanno di
particolare le tette dal punto di vista della cultura linguistica
italiana  :-)
Potrebbe essere un prestito dal germanico *titt- (> ted. Zitze)
Mad Prof
2018-10-23 21:27:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by JaWo
Potrebbe essere un prestito dal germanico *titt- (> ted. Zitze)
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…

<http://www.treccani.it/vocabolario/zizza>
--
Sanity is not statistical
Father McKenzie
2018-10-23 23:01:35 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi
sembrava fossero "puppe". Zizze l'ho sentito dire solo in Campania, così
come calabresi e siciliani sono i soli a dire "minne" (con la i: menne
invece in Puglia)
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
*GB*
2018-10-23 23:30:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi
sembrava fossero "puppe". Zizze l'ho sentito dire solo in Campania, così
come calabresi e siciliani sono i soli a dire "minne" (con la i: menne
invece in Puglia)
Per quella che vedete in foto qui:

https://it.wiktionary.org/wiki/tetta

riportano l'etimologia:

dal latino tĭtta ossia "capezzolo"

Nella voce inglese la foto è castamente di un omofono piumato (cincia):

https://en.wiktionary.org/wiki/tit

ma l'etimologia è più completa:

From Middle English tit, titte, tette, from Old English tit, titt,
from Proto-Germanic *titt- (“teat; nipple; breast”), from
Proto-Indo-European *tata- (“father; parent; nipple”). Cognate with
Saterland Frisian Tit, Dutch tiet, dialectal Dutch tet, German Zitze,
Titte, Yiddish ציצע‎ (tsitse). Probably related to an original meaning
“to suck”. Compare Albanian thith (“to suck, breast, tit”) and teat.

Nella voce tedesca la foto c'è ma fa abbastanza schifo:

https://de.wiktionary.org/wiki/Zitze

e l'etimologia (Herkunft) è praticamente inesistente.

Bye,

*GB*
Klaram
2018-10-24 11:14:51 UTC
Rispondi
Permalink
Ma perché? Povera bestia...
Post by *GB*
https://de.wiktionary.org/wiki/Zitze
k
Valerio Vanni
2018-10-24 00:15:31 UTC
Rispondi
Permalink
On Wed, 24 Oct 2018 01:01:35 +0200, Father McKenzie
Post by Father McKenzie
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi
sembrava fossero "puppe".
Anche "ciocce".
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
edi'®
2018-10-24 07:08:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi
sembrava fossero "puppe".


E.D.
Roger
2018-10-24 08:18:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi sembrava
fossero "puppe". Zizze l'ho sentito dire solo in Campania, così come
calabresi e siciliani sono i soli a dire "minne" (con la i: menne invece in
Puglia)
Mi pare che da qualche parte si dica anche "zinne".
Sbaglio? (Se sbalio mi coriggerete - cit.)
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Mad Prof
2018-10-24 10:20:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi sembrava
fossero "puppe". Zizze l'ho sentito dire solo in Campania, così come
calabresi e siciliani sono i soli a dire "minne" (con la i: menne invece in
Puglia)
Mi pare che da qualche parte si dica anche "zinne".
Sbaglio? (Se sbalio mi coriggerete - cit.)
Corretto. Sicuramente a Roma. Non so altrove.
Secondo Treccani anche questo sarebbe di origine longobarda:

<http://www.treccani.it/vocabolario/zinna>
--
Sanity is not statistical
Klaram
2018-10-24 11:15:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi sembrava
fossero "puppe". Zizze l'ho sentito dire solo in Campania, così come
calabresi e siciliani sono i soli a dire "minne" (con la i: menne invece in
Puglia)
Mi pare che da qualche parte si dica anche "zinne".
Sbaglio? (Se sbalio mi coriggerete - cit.)
Corretto. Sicuramente a Roma. Non so altrove.
<http://www.treccani.it/vocabolario/zinna>
In piemontese abbiamo due voci infantili: titin, poppa, da dal lat.
titta, e mimin (mamin), capezzolo.

k
Roger
2018-10-24 08:23:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Anche in italiano si dice zizze (<ts>i<ts><ts>e)…
Treccani mi sorprende. Ho dimorato un paio d'anni in Toscana e mi sembrava
fossero "puppe".
Ti sembra giusto:
http://youtu.be/7eS5Yy42hTI
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Father McKenzie
2018-10-23 22:58:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by JaWo
Potrebbe essere un prestito dal germanico *titt-
(> ted. Zitze)
da cui "zizze" napoletano. C'è un filo, o qualcosa, tra partenopei e
crucchi. Anche la tipica eslamazione "azz!" sembra sia un adattamento
abbreviato di "ach so!" (la vocale terminale ovviamente è non
pronunciata, o più correttamente ridotta a schwa
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
JaWo
2018-10-24 07:50:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by JaWo
Post by JaWo
Potrebbe essere un prestito dal germanico *titt-
(> ted. Zitze)
da cui "zizze" napoletano. C'è un filo, o qualcosa, tra partenopei e
crucchi. Anche la tipica eslamazione "azz!" sembra sia un adattamento
abbreviato di "ach so!" (la vocale terminale ovviamente è non
pronunciata, o più correttamente ridotta a schwa
MadProf dice che la parola 'zizze' esiste anche in italiano;
e per quanto riguarda 'azz', mi pare sia pura coincidenza con 'ach so'.
O come si potrebbe spiegarlo altrimenti?
Father McKenzie
2018-10-24 15:35:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by JaWo
'azz', mi pare sia pura coincidenza con 'ach so'.
O come si potrebbe spiegarlo altrimenti?
Pare che abbia preso piede dopo l'occupazione tedesca (i tedeschi furono
cacciati nelle "Quattro Giornate"già a fine settembre '43)
Sembra che sia venuta una conferma anche dal Goethe Institut (che ha una
filiale a Napoli)
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
Bruno Campanini
2018-10-24 23:25:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by JaWo
'azz', mi pare sia pura coincidenza con 'ach so'.
O come si potrebbe spiegarlo altrimenti?
Pare che abbia preso piede dopo l'occupazione tedesca (i tedeschi furono
cacciati nelle "Quattro Giornate"già a fine settembre '43)
Sembra che sia venuta una conferma anche dal Goethe Institut (che ha una
filiale a Napoli)
Sono maligno... ma io credo che quelli del Goethe Institut di Napoli,
che certamente non hanno un "azz" da fare tutto il giorno, s'inventino
a tempo perso qualche "azz"-ata ad uso e consumo degli allocchi
appassionati di linguistica... così, tanto per sbarcare il lunario.

Che da noi qui in Romagna, dove pur manca un istituto di tal pregio,
"azz!" è da quel dì il maldestro tentativo d'ingentilire,
letteralmente e verbalmente, la parola cazzo.

Cazzo!
Bruno
Ammammata
2018-10-25 06:26:05 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Thu 25 Oct 2018 01:25:20a, *Bruno Campanini* ha inviato su
Post by Bruno Campanini
"azz!" è da quel dì il maldestro tentativo d'ingentilire,
letteralmente e verbalmente, la parola cazzo
un po' come "cacchio!"
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
Post by Bruno Campanini
http://www.bb2002.it :) <<<<<
........... [ al lavoro ] ...........
*GB*
2018-10-25 06:42:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ammammata
Post by Bruno Campanini
"azz!" è da quel dì il maldestro tentativo d'ingentilire,
letteralmente e verbalmente, la parola cazzo
un po' come "cacchio!"
Cazzo! ---> Cacchio!

Cristo! --> Cribbio!

Bye,

*GB*
Ammammata
2018-10-25 07:06:38 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Thu 25 Oct 2018 08:42:22a, **GB** ha inviato su
Post by *GB*
Cazzo! ---> Cacchio!
Cristo! --> Cribbio!
Ostrega!
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
Post by *GB*
http://www.bb2002.it :) <<<<<
........... [ al lavoro ] ...........
JaWo
2018-10-25 07:19:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by *GB*
Post by Ammammata
Post by Bruno Campanini
"azz!" è da quel dì il maldestro tentativo d'ingentilire,
letteralmente e verbalmente, la parola cazzo
un po' come "cacchio!"
Cazzo! ---> Cacchio!
Cristo! --> Cribbio!
Tabuizzazioni come (c)azz(o) --> azz.
--
Potrebbe darsi
Mad Prof
2018-10-25 09:53:40 UTC
Rispondi
Permalink
Post by *GB*
Post by Ammammata
Post by Bruno Campanini
"azz!" è da quel dì il maldestro tentativo d'ingentilire,
letteralmente e verbalmente, la parola cazzo
un po' come "cacchio!"
Cazzo! ---> Cacchio!
Cristo! --> Cribbio!
Cacchio è sì un sostituto eufemistico per cazzo, però esiste come parola a
sé, non è un’alterazione creata apposta come cribbio…
--
Sanity is not statistical
edi'®
2018-10-25 10:21:33 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by *GB*
Post by Ammammata
un po' come "cacchio!"
Cazzo! ---> Cacchio!
Cristo! --> Cribbio!
Cacchio è sì un sostituto eufemistico per cazzo, però esiste come parola a
sé, non è un’alterazione creata apposta come cribbio…
Dinci, cribbio, madosca, cazzarola... sono eufemismi creati ad hoc per
mascherare bestemmie o turpiloquio.

Capperi, cacchio, cavolo, kaiser, Diaz, due, diesel, Diana, zio... sono
invece eufemismi che ricorrono a parole di senso compiuto, ma scelte
solo per assonanza con il termine che si vuole sostituire.

E.D.
Father McKenzie
2018-10-25 10:55:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by edi'®
Capperi, cacchio, cavolo, kaiser, Diaz, due, diesel, Diana,
Rientra anche Dimaio? :-D :-D
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
Mad Prof
2018-10-25 11:47:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by edi'®
Post by Mad Prof
Post by *GB*
Post by Ammammata
un po' come "cacchio!"
Cazzo! ---> Cacchio!
Cristo! --> Cribbio!
Cacchio è sì un sostituto eufemistico per cazzo, però esiste come parola a
sé, non è un’alterazione creata apposta come cribbio…
Dinci, cribbio, madosca, cazzarola... sono eufemismi creati ad hoc per
mascherare bestemmie o turpiloquio.
Capperi, cacchio, cavolo, kaiser, Diaz, due, diesel, Diana, zio... sono
invece eufemismi che ricorrono a parole di senso compiuto, ma scelte
solo per assonanza con il termine che si vuole sostituire.
Cazzarola appartiene alla seconda categoria.

<https://books.google.co.uk/books?id=0LtRAAAAcAAJ&pg=PA120&dq=Cazzarola&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwiCuKGzwqHeAhWJAcAKHTWdAlQQ6AEIQDAF>
--
Sanity is not statistical
Valerio Vanni
2018-10-25 12:15:43 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by edi'®
Capperi, cacchio, cavolo, kaiser, Diaz, due, diesel, Diana, zio... sono
invece eufemismi che ricorrono a parole di senso compiuto, ma scelte
solo per assonanza con il termine che si vuole sostituire.
Cazzarola appartiene alla seconda categoria.
<https://books.google.co.uk/books?id=0LtRAAAAcAAJ&pg=PA120&dq=Cazzarola&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwiCuKGzwqHeAhWJAcAKHTWdAlQQ6AEIQDAF>
Ah... quindi è una variante di "cassueruola".
Non l'avevo mai sentita, fuori dal significato figurato.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Mad Prof
2018-10-25 12:21:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Valerio Vanni
Post by Mad Prof
Post by edi'®
Capperi, cacchio, cavolo, kaiser, Diaz, due, diesel, Diana, zio... sono
invece eufemismi che ricorrono a parole di senso compiuto, ma scelte
solo per assonanza con il termine che si vuole sostituire.
Cazzarola appartiene alla seconda categoria.
<https://books.google.co.uk/books?id=0LtRAAAAcAAJ&pg=PA120&dq=Cazzarola&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwiCuKGzwqHeAhWJAcAKHTWdAlQQ6AEIQDAF>
Ah... quindi è una variante di "cassueruola".
Non l'avevo mai sentita, fuori dal significato figurato.
Sì.

<http://www.treccani.it/vocabolario/casseruola>

Pensavo fosse comune in tutta l’Italia centrale. Anche in Corsica, a quanto
pare…

<http://gbatti-alinguacorsa.pagesperso-orange.fr/lexiques/lex-cl.htm>
--
Sanity is not statistical
Giacobino da Tradate
2018-10-25 12:29:21 UTC
Rispondi
Permalink
Cacchio ... esiste come parola a sé
Ah. E cosa significa?
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Mad Prof
2018-10-25 12:39:25 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
Cacchio ... esiste come parola a sé
Ah. E cosa significa?
<http://www.treccani.it/vocabolario/cacchio1>

càcchio s. m. [lat. catŭlus «gattino, cagnolino» e in genere il nato di
qualsiasi animale]. – Getto infruttifero di un albero coltivato, della
vite, del pomodoro, ecc.
--
Sanity is not statistical
Tony the Ice Man
2018-10-23 17:58:47 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Gennaro
Post by Bruno Campanini
... sono queste.
https://it.wikipedia.org/wiki/La_Fornarina
Qualcuno non è d'accordo?
La moda delle tette è diventata una ossessione endemica dei giorni
nostri. Da semplice tratto femminile, sono diventate non solo un
parametro estetico fondamentale, ma un vero e proprio feticcio. Come si fa?
 Beh,"semplice tratto" non direi, si tratta pur sempre di un carattere
sessuale secondario di valore simbolico potentissimo, anche se c'è chi
è più atttratto da altre parti, per esempio il lato b.
[...]
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata a chiedere cosa hanno di
particolare le tette dal punto di vista della cultura linguistica
italiana  :-)
Mi sembra che siano immersi nella cultura.
https://it.wikipedia.org/wiki/Cassatella_di_sant%27Agata
Ammammata
2018-10-24 07:36:50 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Tue 23 Oct 2018 06:58:45p, *Roger* ha inviato su
Post by Roger
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata
eh? (cit.)
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
Post by Roger
http://www.bb2002.it :) <<<<<
........... [ al lavoro ] ...........
Roger
2018-10-24 08:20:11 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ammammata
Il giorno Tue 23 Oct 2018 06:58:45p, *Roger* ha inviato su
Post by Roger
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata
eh? (cit.)
L'argomento è stato riportato IT da JaWo con la denominazione delle
tette
nelle varie regioni (e non solo) :-)
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
abc
2018-10-24 17:07:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ammammata
Il giorno Tue 23 Oct 2018 06:58:45p, *Roger* ha inviato su
Post by Roger
Strano che non sia ancora intervenuto Ammammata
eh? (cit.)
L'argomento è stato riportato IT da JaWo con la denominazione delle tette
nelle varie regioni (e non solo) :-)
Si potrebbe inserire anche qualche citazione letteraria:

LODE ALLE TETTE

Tette fatte de latte, e de zonchiada,
pastizzetti, che ’l genio m’incitè,
pometti, che la vita consolè,
cara composizion inzuccarada.
Tette bianche de neve nevegada,
cussinello, dove dormirave un Re,
panna impetrìa, che ’l gusto innamorè,
latesini per dar la papolada.
Tette de zensamin, de cao de late,
tette, che al zensamin sè do zucconi,
tette, che nel mio cuor sempre combate,
Tette, de darghe mille morsegoni,
Tette, che sè per mi le cose mate,
tette, chi no ve basa è gran cogioni.

Giorgio Baffo (1694 – 1768)
Loading...