Discussione:
vohabolario fiorentino
Aggiungi Risposta
Father McKenzie
2020-12-30 22:50:49 UTC
Rispondi
Permalink
https://digidownload.libero.it/SisMaXXXXXXXXXX/Vohabolario_Fiorentino.pdf

sembra interessante. Che ne pensano i toscani resenti nel gruppo?
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Wolfgang
2020-12-31 11:50:45 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
https://digidownload.libero.it/SisMaXXXXXXXXXX/Vohabolario_Fiorentino.pdf
sembra interessante. Che ne pensano i toscani resenti nel gruppo?
Non so cosa ne pensino i toscani, e tanto meno quelli *resenti*
checché questo participio significhi.

Nella parte intitolata «Proverbi e Modi di dire» mi sarei aspettato
soltanto dei fiorentinismi. Figurano invece tanti modi di dire che
si trovano un po' dappertutto, perfino nel tedesco, ad esempio:

A' I' BUIO, TUTTI I GATTI SON' BIGI
in tedesco: «Bei Nacht sind alle Katzen grau.»
(alla lettera «Di notte tutti i gatti sono grigi»).

ALLEVARE LA SERPE IN SENO
in tedesco: «Eine Schlange am Busen nähren»)
(alla lettera «Nutrire una serpe al seno»)

BATTERE I'-FFERRO QUANDE GL'È CÀRDO
in tedesco: «Das Eisen schmieden solange es heiß ist.»
(alla lettera «Forgiare il ferro finché è caldo.»)

CONOSCERE COME LE PROPRIE TASCHE
in tedesco: «Wie seine Westentasche kennen.»
(alla lettera «Conoscere come la tasca del proprio gilet.»)

ÈSSE' L'AGO DELLA BILANCIA
in tedesco: «Das Zünglein an der Waage sein.»
(alla lettera «Essere la linguetta della bilancia.»)

Sono convinto che una ricerca sistematica, per il cui compimento
sono però troppo pigro, fornirebbe molti esempi in più.

Con gli auguri di una buona fine e un miglior principio,
Wolfgang
Valerio Vanni
2020-12-31 14:52:19 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Wolfgang
Post by Father McKenzie
https://digidownload.libero.it/SisMaXXXXXXXXXX/Vohabolario_Fiorentino.pdf
sembra interessante. Che ne pensano i toscani resenti nel gruppo?
Non so cosa ne pensino i toscani, e tanto meno quelli *resenti*
checché questo participio significhi.
Significa che digitando si può mancare una "p" :-)
Post by Wolfgang
Nella parte intitolata «Proverbi e Modi di dire» mi sarei aspettato
soltanto dei fiorentinismi. Figurano invece tanti modi di dire che
E' vero. Forse chi l'ha fatto ignorava la diffusione esterna di quei
modi di dire.

Ma mi sembra che si sia spinto oltre, "importando" anche cose che non
c'entrano. Che so, "ciulare", voce tipicamente settentrionale.
Non presente qui da me, che sono al confine settentrionale della
Toscana.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Valerio Vanni
2021-01-02 19:15:09 UTC
Rispondi
Permalink
On Thu, 31 Dec 2020 15:52:19 +0100, Valerio Vanni
Post by Valerio Vanni
Post by Wolfgang
Nella parte intitolata «Proverbi e Modi di dire» mi sarei aspettato
soltanto dei fiorentinismi. Figurano invece tanti modi di dire che
E' vero. Forse chi l'ha fatto ignorava la diffusione esterna di quei
modi di dire.
Ci ho riguardato. Io potrei anche non accorgermi, dato che sto a 60 km
dalla città.

Ma cose come:

"raccontare per filo e per segno"
"prendere una cantonata"
"prendere in castagna"
"rosso di sera, bel tempo si spera"
"scoprire l'acqua calda"
"spaccare il capello in quattro"
"essere una mosca bianca"

non sono diffuse su tutto il territorio?

E come queste ne vedo tantissime.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Giovanni Drogo
2021-01-02 19:46:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Valerio Vanni
"raccontare per filo e per segno"
[...omissis...*
Post by Valerio Vanni
"essere una mosca bianca"
non sono diffuse su tutto il territorio?
si' confermo la familiarita' con tutte quelle citate

posi
2020-12-31 13:27:40 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
https://digidownload.libero.it/SisMaXXXXXXXXXX/Vohabolario_Fiorentino.pdf
sembra interessante. Che ne pensano i toscani resenti nel gruppo?
Pessima idea quella di trascrivere con "h" la "c" intervocalica, essendo
entrambi allofoni di /k/, o della "t" intervocalica con "'".

Complicazioni che non portano alcun vantaggio, ma solo svantaggi:
simboli aggiuntivi che nella migliore delle ipotesi complicano
l'ortografia ("un cane, due hani"), ma che possono anche generare
ambiguità di lettura, visto che sia la h sia l'apostrofo sono usati
anche per altri scopi.

Se oggi ci ritroviamo con una lettera come la "q", utile solo a
complicare l'ortografia, è probabilmente a causa di una scelta simile
fatta dagli antichi romani.
Dragonòt
2020-12-31 17:43:01 UTC
Rispondi
Permalink
Pessima idea quella di trascrivere con "h" la "c" intervocalica, [CUT], o della "t" intervocalica con "'".
Tali "c", "t" (anche "v") a quali consonanti IPA corrisponderebbero?
("un cane, due hani")
Anche l'"h" di "due hani" si considera intervocalica?

Bepe
posi
2020-12-31 19:09:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Dragonòt
Post by posi
Pessima idea quella di trascrivere con "h" la "c" intervocalica,
[CUT], o della "t" intervocalica con "'".
Tali "c", "t" (anche "v") a quali consonanti IPA corrisponderebbero?
Il fonema /k/ (indicato dalla lettera "c") ha due allofoni: [k] e [h].
Non ha senso usare lettere diverse.

Il fonema /t/ invece si realizza come [t] o come [θ].

Non ho mai sentito invece questa aspirazione della "v" di si parla nel
testo, ma pare che sia anche questa una [h].
Post by Dragonòt
Post by posi
("un cane, due hani")
Anche l'"h" di "due hani" si considera intervocalica?
Non sono toscano, ma suppongo di sì.
Giovanni Drogo
2021-01-01 11:33:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by posi
Non ho mai sentito invece questa aspirazione della "v" di si parla nel
testo,
non ho visto il testo. ma in *bergamasco* percepisco la frequente
sostituzione della "v" con un suono inesistente che mi viene di scrivere
con un apostrofo (che sia il mitico "stacco glottale" ?)

il vino -> el vì
un bicchiere di vino -> un bicer de 'ì

'egn a 'ed i a'i 'i'e -> vieni a vedere le api vive
valerio vanni
2021-01-01 13:35:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Dragonòt
Pessima idea quella di trascrivere con "h" la "c" intervocalica, [CUT], o della "t" intervocalica con "'".
Tali "c", "t" (anche "v") a quali consonanti IPA corrisponderebbero?
La "v"? La terza vocale della gorgia è /p/, realizzata come [ɸ].
Post by Dragonòt
("un cane, due hani")
Anche l'"h" di "due hani" si considera intervocalica?
Sì, quale sarebbe la consonante a contatto?
La "c" è sicuramente singola, perché il dittongo finale non genera RF.

Piuttosto, si può trovare /du'hani/.
Dragonòt
2021-01-01 16:10:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by valerio vanni
Post by Dragonòt
Pessima idea quella di trascrivere con "h" la "c" intervocalica, [CUT], o della "t" intervocalica con "'".
Tali "c", "t" (anche "v") a quali consonanti IPA corrisponderebbero?
La "v"? La terza vocale della gorgia è /p/, realizzata come [ɸ].
E' nel "Vohabolario" che si trovano casi di "v" rese con "'". Sono
andato a rivedermi un po' di doc sulla "gorgia toscana", e la "v" non è
mai menzionata. Qualche altra estensione trovata:
1) Treccani menziona ben 2 esiti di "k", una "fricativa glottidale
sonora" ed una "fricativa velare sorda";
2) la spirantizzazione coinvolge anche le affricate "c" e "g" dolci;
3) solo i coglionazzi della wiki italiana potevano pensare di scrivere
in una enciclopedia "è perfino sconsigliabile tentare di rappresentarne
la pronuncia", come se fosse una informazione enciclopedica.
Bepe
posi
2021-01-01 16:57:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Dragonòt
3) solo i coglionazzi della wiki italiana potevano pensare di scrivere
in una enciclopedia "è perfino sconsigliabile tentare di rappresentarne
la pronuncia", come se fosse una informazione enciclopedica.
Non capisco perché abbiano limitato tale considerazione solo alla t e p
e non anche alla c.

Ad ogni modo, perché non dovrebbe essere una "informazione enciclopedica"?
valerio vanni
2021-01-01 17:08:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Dragonòt
1) Treccani menziona ben 2 esiti di "k", una "fricativa glottidale
sonora" ed una "fricativa velare sorda";
Sono probabilmente esiti parziali, essendo varianti allofoniche.
La seconda l'ho sentita diverse volte.
Post by Dragonòt
2) la spirantizzazione coinvolge anche le affricate "c" e "g" dolci;
Ma solo la "g" è caratteristica della Toscana: l'altra è presente in tutto il centro italia.
Loading...