Discussione:
Regnamo o regniamo? Regnate o regniate?
(troppo vecchio per rispondere)
Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
2006-04-27 13:11:57 UTC
Permalink
"Nei verbi con tema uscente in -gn, alla prima persona plurale di indicativo
e congiuntivo e alla seconda plurale del congiuntivo, la i della desinenza
viene assorbita dal suono gn. Può essere opportuno mantenerla graficamente
per analogia con tutti gli altri indicativi e congiuntivi in -iamo e con i
congiuntivi in -iate, ma forme come regnamo o regnate non possono comunque
essere considerate erronee".

Siete d'accordo?
Epimeteo
2006-04-27 13:37:42 UTC
Permalink
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
"Nei verbi con tema uscente in -gn, alla prima persona plurale di
indicativo e congiuntivo e alla seconda plurale del congiuntivo, la i
della desinenza viene assorbita dal suono gn. Può essere opportuno
mantenerla graficamente per analogia con tutti gli altri indicativi e
congiuntivi in -iamo e con i congiuntivi in -iate, ma forme come regnamo o
regnate non possono comunque essere considerate erronee".
E chi lo dice?
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
Siete d'accordo?
No.
Io leggo con gli occhi, mica con le orecchie... :-))

La forma "regnamo" è sbagliata, qualunque sia il modo, mentre "regnate" è
giusta solo se si tratta di modo indicativo.
Questo succede oggi. Tra mille anni invece, chissà...

Ciao,
Epimeteo
--
"Il re fa rullare i tamburi,
Il re fa rullare i tamburi,
vuol sceglier fra le dame
un nuovo e fresco amore
ed è la prima che ha veduto
che gli ha rapito il cuore..."
(cit. regale)
Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
2006-04-27 13:47:17 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
"Nei verbi con tema uscente in -gn, alla prima persona plurale di
indicativo e congiuntivo e alla seconda plurale del congiuntivo, la i
della desinenza viene assorbita dal suono gn. Può essere opportuno
mantenerla graficamente per analogia con tutti gli altri indicativi e
congiuntivi in -iamo e con i congiuntivi in -iate, ma forme come
regnamo o regnate non possono comunque essere considerate erronee".
E chi lo dice?
http://www.garzantilinguistica.it/dubbi_ita.html
Post by Epimeteo
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
Siete d'accordo?
No.
Io leggo con gli occhi, mica con le orecchie... :-))
La forma "regnamo" è sbagliata, qualunque sia il modo, mentre
"regnate" è giusta solo se si tratta di modo indicativo.
Questo succede oggi. Tra mille anni invece, chissà...
Infatti le argomentazioni non mi parevano particolarmente forti, tuttavia la
fonte mi pareva autorevole.
FB
2006-04-27 13:47:49 UTC
Permalink
Epimeteo ha scritto:
[...]
Post by Epimeteo
La forma "regnamo" è sbagliata, qualunque sia il modo
Già: "regnamo", "annamo", "famo"...

[...]

Ciao, FB
Mimmo
2006-05-06 03:06:32 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Io leggo con gli occhi, mica con le orecchie... :-))
Mi piace questa frase. Grazie.
Saluti dalla California,
Mimmo

http://languageblogger.blogspot.com/

Maurizio Pistone
2006-04-27 14:43:33 UTC
Permalink
http://www.mauriziopistone.it/testi/discussioni/gramm01_sogniamo.html
--
Maurizio Pistone - Torino
strenua nos exercet inertia Hor.
http://www.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
2006-04-27 15:12:52 UTC
Permalink
Post by Maurizio Pistone
http://www.mauriziopistone.it/testi/discussioni/gramm01_sogniamo.html
Insomma, la frase iniziale non era poi così sbagliata
Roger
2006-04-27 17:11:50 UTC
Permalink
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
Post by Maurizio Pistone
http://www.mauriziopistone.it/testi/discussioni/gramm01_sogniamo.html
Insomma, la frase iniziale non era poi così sbagliata
Secondo me sì, era ed è sbagliata, sbagliatissima.
La desinenza -iamo per la prima persona plurale dell'indicativo presente di
TUTTI i verbi della lingua italiana è una delle pochissime regole che non ha
eccezioni.
Chi ne vuole fare una solo per una questione di pronuncia è un comunista,
fascista, no-global, disobbediente e antagonista.

Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
2006-04-27 16:28:53 UTC
Permalink
Post by Roger
Chi ne vuole fare una solo per una questione di pronuncia è un
comunista, fascista, no-global, disobbediente e antagonista.
LOL, mi hai convinto, soprattutto con "antagonista"
Epimeteo
2006-04-27 17:27:39 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
Insomma, la frase iniziale non era poi così sbagliata
Secondo me sì, era ed è sbagliata, sbagliatissima.
La desinenza -iamo per la prima persona plurale dell'indicativo presente
di TUTTI i verbi della lingua italiana è una delle pochissime regole che
non ha eccezioni.
Direi che non è neanche una regola: è la desinenza di una forma verbale.
Le desinenze cambiano con il verbo?
Post by Roger
Chi ne vuole fare una solo per una questione di pronuncia è un comunista,
fascista, no-global, disobbediente e antagonista.
...ma soprattutto pronto ad ogni inciucio.

Con questo modo di ragionare, non è poi così sbagliato dire "dove 6" invece
di "dove sei".

O tempura o more...

Epimeteo
--
http://www.worldjumpday.org/
"Il 20 luglio 2006, alle 13:39:13 in punto, si salta tutti insieme e si
cambia l'orbita della Terra.
Mi raccomando, non mancate!"
(cit. astronomica)
Xelloss
2006-04-27 18:58:28 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Direi che non è neanche una regola: è la desinenza di una forma verbale.
Le desinenze cambiano con il verbo?
Perché no?
--
Xelloss
Epimeteo
2006-04-28 04:54:50 UTC
Permalink
Post by Xelloss
Post by Epimeteo
Direi che non è neanche una regola: è la desinenza di una forma verbale.
Le desinenze cambiano con il verbo?
Perché no?
Perché sì?

Epimeteo
--

"...e tornare a casa a piedi dandoti del lei.
Perché no? Perché no? Perché no?
Perché no?
Scusi lei mi ama o no?
Non lo so però ci sto..."
(cit. problematica)
Roger
2006-04-28 07:46:34 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Post by Xelloss
Post by Epimeteo
Le desinenze cambiano con il verbo?
Perché no?
Perché sì?
Evidentemente non riesco ad interpretare il senso della tua domanda:
"Le desinenze cambiano con il verbo?"
Perché credo (ma, vista la domanda, non ne sono tanto sicuro :-))
anche tu sappia che le desinenze verbali cambiano a seconda
della coniugazione e a seconda della regolarità o irregolarità del verbo.
Post by Epimeteo
Epimeteo
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Epimeteo
2006-04-28 14:16:17 UTC
Permalink
Post by Roger
"Le desinenze cambiano con il verbo?"
Perché credo (ma, vista la domanda, non ne sono tanto sicuro :-))
anche tu sappia che le desinenze verbali cambiano a seconda
della coniugazione e a seconda della regolarità o irregolarità del verbo.
Questo lo so ma, sia pure in modo sciatto, volevo dire che non c'è motivo
che due verbi perfettamente regolari, come "amare" e "guadagnare", abbiano
desinenze diverse.

Ciao,
Epimeteo
--
"Pretty woman,
walking down the street,
pretty woman,
the kind I like to meet,
pretty woman,
I don't believe you, you're not the truth..."
(cit. amore & guadagno)
Roger
2006-04-28 21:52:20 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Questo lo so ma, sia pure in modo sciatto, volevo dire che non c'è motivo
che due verbi perfettamente regolari, come "amare" e "guadagnare", abbiano
desinenze diverse.
Evidentemente i sostenitori della correttezza della forma senza 'i'
confondono
desinenza con pronuncia.
Post by Epimeteo
Ciao,
Epimeteo
Ciao,
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Xelloss
2006-05-01 10:53:55 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Questo lo so ma, sia pure in modo sciatto, volevo dire che non c'è motivo
che due verbi perfettamente regolari, come "amare" e "guadagnare", abbiano
desinenze diverse.
Guarda un po' il francese, invece...

parler: nous parlONS
manger: nous mangEONS
--
Xelloss
FB
2006-05-01 11:41:00 UTC
Permalink
Post by Xelloss
Post by Epimeteo
Questo lo so ma, sia pure in modo sciatto, volevo dire che non c'è motivo
che due verbi perfettamente regolari, come "amare" e "guadagnare", abbiano
desinenze diverse.
Guarda un po' il francese, invece...
parler: nous parlONS
manger: nous mangEONS
L'eccezione è "mangeons", però.

Ciao, FB
Roger
2006-05-01 11:49:40 UTC
Permalink
Post by Xelloss
Post by Epimeteo
Questo lo so ma, sia pure in modo sciatto, volevo dire che non c'è motivo
che due verbi perfettamente regolari, come "amare" e "guadagnare", abbiano
desinenze diverse.
Guarda un po' il francese, invece...
parler: nous parlONS
manger: nous mangEONS
Il paragone non regge e non credo sia necessario spiegarne il perché.
Post by Xelloss
Xelloss
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Xelloss
2006-05-01 13:09:07 UTC
Permalink
Post by Roger
Il paragone non regge e non credo sia necessario spiegarne il perché.
E che mi dici di "tu mangi", che se volessimo seguire la regola delle
desinenze uguali per tutti i verbi regolari dovrebbe essere "tu mangii"?
--
Xelloss
Roger
2006-05-01 18:26:26 UTC
Permalink
Post by Xelloss
E che mi dici di "tu mangi", che se volessimo seguire la regola delle
desinenze uguali per tutti i verbi regolari dovrebbe essere "tu mangii"?
La "i" di mangiare ha la funzione di dare alla "g" il suono palatale.
Quando al tema "mang-" segue una desinenza che inizia per -i (tu mangi, noi
mangiamo) o per -e (io mangerò) la "i" cade perché non più necessaria.
Post by Xelloss
Xelloss
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Xelloss
2006-05-01 18:32:56 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Xelloss
E che mi dici di "tu mangi", che se volessimo seguire la regola delle
desinenze uguali per tutti i verbi regolari dovrebbe essere "tu mangii"?
La "i" di mangiare ha la funzione di dare alla "g" il suono palatale.
Quando al tema "mang-" segue una desinenza che inizia per -i (tu mangi,
noi mangiamo) o per -e (io mangerò) la "i" cade perché non più necessaria.
Perfetto, lo capisco: quella -i- è solo un segno grafico. Ma anche la -i- in
"sogniamo" è un segno grafico (oppure tu la pronunci?). Come la mettiamo?
--
Xelloss
Father McKenzie
2006-05-01 18:45:14 UTC
Permalink
It was a time I remember oh so well, the night they drove old Dixie
down, and all the bells were ringin', the night they drove old Dixie
Post by Xelloss
Perfetto, lo capisco: quella -i- è solo un segno grafico. Ma anche la -i- in
"sogniamo" è un segno grafico (oppure tu la pronunci?). Come la mettiamo?
Gn non ha bisogno della i per avere la pronuncia dolce anche di fronte
ad a, o, u: esistono ben parole come gnomo e gnu,
Infatti si dice: io sogno (soño), tu sogni, egli sogna (soña).
-iamo è tutt'intera desinenza di 1^ persona plurale.
Per mangio il discorso è diverso: senza i diresti mango, manga.
La i scompare di fronte a i ed e: mangi, mangerai, mangeremo.

--
Oh! je voudrais tant que tu te souviennes
Des jours heureux où nous étions amis
En ce temps-là l'usenet était plus belle,
Et le soleil plus brûlant qu'aujourd'hui.
Les posts morts se ramassent à la pelle
Tu vois, je n'ai pas oublié...
Roger
2006-05-01 19:02:33 UTC
Permalink
Post by Xelloss
Perfetto, lo capisco: quella -i- è solo un segno grafico. Ma anche la -i-
in "sogniamo" è un segno grafico (oppure tu la pronunci?). Come la
mettiamo?
La "i" di sogniamo non è un segno grafico.
Essa fa parte integrante della desinenza "-iamo"
Desinenza che caratterizza la prima persona plurale dell'indicativo
presente di tutti i verbi della lingua italiana, senza eccezioni e senza
distinzione
tra le coniugazioni e tra regolari e irregolari.

Il fatto che la pronuncia non la faccia sentire non esime dall'obbligo
di scriverla
Post by Xelloss
Xelloss
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Xelloss
2006-05-01 20:00:58 UTC
Permalink
Post by Roger
La "i" di sogniamo non è un segno grafico.
Essa fa parte integrante della desinenza "-iamo"
Desinenza che caratterizza la prima persona plurale dell'indicativo
presente di tutti i verbi della lingua italiana, senza eccezioni e senza
distinzione
tra le coniugazioni e tra regolari e irregolari.
Il fatto che la pronuncia non la faccia sentire non esime dall'obbligo
di scriverla
Anche -i è la desinenza della seconda singolare dell'indicativo di tutti i
verbi della lingua italiana senza eccezioni. Il fatto che la pronuncia non
la faccia sentire non ci esime dall'obbligo di scrivere "tu mangii".
--
Xelloss
Xelloss
2006-05-01 20:05:04 UTC
Permalink
Post by Roger
La "i" di sogniamo non è un segno grafico.
Lo è, se non viene pronunciata.
Post by Roger
Essa fa parte integrante della desinenza "-iamo"
Desinenza che caratterizza la prima persona plurale dell'indicativo
presente di tutti i verbi della lingua italiana, senza eccezioni e senza
distinzione
tra le coniugazioni e tra regolari e irregolari.
Il fatto che la pronuncia non la faccia sentire non esime dall'obbligo
di scriverla
E no. Se in certi casi la pronuncia non la fa sentire, vuol dire che in quei
casi la desinenza non è più "-iamo" ma "-amo".
--
Xelloss
Roger
2006-05-01 20:27:43 UTC
Permalink
Post by Xelloss
E no. Se in certi casi la pronuncia non la fa sentire, vuol dire che in
quei casi la desinenza non è più "-iamo" ma "-amo".
Mi arrendo :-)
Post by Xelloss
Xelloss
Ciao,
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Father McKenzie
2006-05-01 20:51:09 UTC
Permalink
It was a time I remember oh so well, the night they drove old Dixie
down, and all the bells were ringin', the night they drove old Dixie
Post by Roger
Post by Xelloss
E no. Se in certi casi la pronuncia non la fa sentire, vuol dire che in
quei casi la desinenza non è più "-iamo" ma "-amo".
Mi arrendo :-)
Ci arrendamo.

--
“il vero amore / è negli occhi dei cani vagabondi”
Federico Fiumani
Epimeteo
2006-05-02 05:30:13 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
It was a time I remember oh so well, the night they drove old Dixie
down, and all the bells were ringin', the night they drove old Dixie
Post by Roger
Post by Xelloss
E no. Se in certi casi la pronuncia non la fa sentire, vuol dire che in
quei casi la desinenza non è più "-iamo" ma "-amo".
Mi arrendo :-)
Ci arrendamo.
Padre, che famo?
Damo ragione a Xelloss?

Per la verità, quando dico "insegniamo", sia pure impercettibilmente la "i"
io la sento. Anzi, se vedessi scritto "insegnamo", lo pronuncerei in modo
diverso, con la "a" più piatta e aperta.

La salutamo,
Epimeteo
--
"...così insegniamo agli elefanti a mettere le ali,
insegniamo ai parlamenti a mettere le ali,
insegniamo ai comandanti a mettere le ali...
Non è mai troppo tardi,
non si è mai troppo vecchi ..."
(cit. didattica)
Father McKenzie
2006-05-02 06:06:27 UTC
Permalink
It was a time I remember oh so well, the night they drove old Dixie
down, and all the bells were ringin', the night they drove old Dixie
Post by Epimeteo
Padre, che famo?
Damo ragione a Xelloss?
¡ Aqui nadie se rinde !
Combattamo su quell'ultimo ponte finché resistamo, poi vedamo.
Post by Epimeteo
Per la verità, quando dico "insegniamo", sia pure impercettibilmente la "i"
io la sento.
In effetti anch'io, ma, poiché questa materia è fatta d'impercettibili
sospiri, mi vergognavo a palesare la mia sensazione uditiva.

--
“il vero amore / è negli occhi dei cani vagabondi”
Federico Fiumani
Roger
2006-05-02 06:57:37 UTC
Permalink
Questo messaggio potrebbe essere inappropriato. Clicca per visualizzarlo
Epimeteo
2006-05-02 16:17:34 UTC
Permalink
Post by Roger
[...]
Riesci a percepire una "i" impercettibile? :-)
Sì, con il sesto senso.

Epy
--
«Era il sogno della tua vita e quando ti ho visto lì, dentro la televisione,
non ci potevo credere che eri tu».
(cit. di una mamma del Grande Fratello)
Roger
2006-04-27 20:56:30 UTC
Permalink
Post by Epimeteo
Direi che non è neanche una regola: è la desinenza di una forma verbale.
Le desinenze cambiano con il verbo?
Hai qualche dubbio?
Post by Epimeteo
Epimeteo
Roger
--
FAQ di ICLIt:
http://www.mauriziopistone.it/linguaitaliana.html

"In certi paesi i cacciatori di teste non avrebbero un compito facile."
(Stanislaw J. Lec)
Epimeteo
2006-04-28 04:55:11 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Epimeteo
Direi che non è neanche una regola: è la desinenza di una forma verbale.
Le desinenze cambiano con il verbo?
Hai qualche dubbio?
Hai qualche spiegazione?

Epimeteo
--
"Mi spezzo, ma non mi spiego."
(cit. inflessibile)
Fiorelisa
2006-04-27 14:49:01 UTC
Permalink
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
"Nei verbi con tema uscente in -gn, alla prima persona plurale di indicativo
e congiuntivo e alla seconda plurale del congiuntivo, la i della desinenza
viene assorbita dal suono gn. Può essere opportuno mantenerla graficamente
per analogia con tutti gli altri indicativi e congiuntivi in -iamo e con i
congiuntivi in -iate, ma forme come regnamo o regnate non possono comunque
essere considerate erronee".
Siete d'accordo?
Sì.
Xelloss
2006-04-27 16:00:44 UTC
Permalink
Post by Gabriel Pontello (Ifix Tcen Tcen)
"Nei verbi con tema uscente in -gn, alla prima persona plurale di
indicativo e congiuntivo e alla seconda plurale del congiuntivo, la i
della desinenza viene assorbita dal suono gn. Può essere opportuno
mantenerla graficamente per analogia con tutti gli altri indicativi e
congiuntivi in -iamo e con i congiuntivi in -iate, ma forme come regnamo o
regnate non possono comunque essere considerate erronee".
Siete d'accordo?
Certamente.
--
Xelloss
Continua a leggere su narkive:
Loading...