Discussione:
Coprifuoco a sproposito
(troppo vecchio per rispondere)
Voce dalla Germania
2020-10-20 12:25:28 UTC
Permalink
Perché questo malvezzo su almeno due giornali di chiamare coprifuoco
quella che è solamente una chiusura anticipata di bar, ristoranti e
altri locali, come quella che c'è a Berlino?

Coprifuoco è la parola appropriata per Parigi, dove, se ho capito bene,
dalle 21 alle 6 devi giustificare alla polizia perché sei in giro. Idem
per Milano, se è vero che "per potersi spostare durante le ore del
coprifuoco dovrebbe essere necessaria una autocertificazione". Invece
non sarebbe vero se, come mi era parso di capire, fosse solo una
chiusura anticipata alle 22 o 23.

D'accordo, quando tutti i locali sono chiusi ed è buio ci sono pochi
motivi per uscire di casa, a meno che uno sia appassionato di
passeggiate notturne, ma se per esempio vado da un amico (cosa tuttora
lecita) e torno a mezzanotte o alle due, la polizia non ha nulla in
contrario.
Valerio Vanni
2020-10-20 17:23:09 UTC
Permalink
On Tue, 20 Oct 2020 14:25:28 +0200, Voce dalla Germania
Post by Voce dalla Germania
Perché questo malvezzo su almeno due giornali di chiamare coprifuoco
quella che è solamente una chiusura anticipata di bar, ristoranti e
altri locali, come quella che c'è a Berlino?
Perché non bastava l'adozione indiscriminata di forestierismi,
bisognava anche incasinare i termini italiani...

C'è comunque da dire una cosa, a loro discolpa: le notizie, qui,
trapelano via via su "quello che succederà".
"Al vaglio del governo questa cosa, forse succederà quest'altra".

Nei giorni che precedono i dpcm e le ordinanze girano le ipotesi più
disparate.
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Roberto Deboni DMIsr
2020-10-28 14:30:11 UTC
Permalink
Post by Valerio Vanni
On Tue, 20 Oct 2020 14:25:28 +0200, Voce dalla Germania
Post by Voce dalla Germania
Perché questo malvezzo su almeno due giornali di chiamare coprifuoco
quella che è solamente una chiusura anticipata di bar, ristoranti e
altri locali, come quella che c'è a Berlino?
Perché non bastava l'adozione indiscriminata di forestierismi,
bisognava anche incasinare i termini italiani...
C'è comunque da dire una cosa, a loro discolpa: le notizie, qui,
trapelano via via su "quello che succederà".
"Al vaglio del governo questa cosa, forse succederà quest'altra".
Nei giorni che precedono i dpcm e le ordinanze girano le ipotesi più
disparate.
Si tratta di abituare la cittadinanza, ad una accettazione,
dei capricci vessatori istituzionali. Ormai, prima di
uscire, mi devo collegare in rete per informarmi su cosa
potrei o non potrei fare, perche' sentiamo fin troppa voglia
di fare cassa con le multe.

Prima c'era un emergenza (*) che ci trovava tutti solidali,
direi quasi automaticamente, perche' era/pareva che la
situazione fosse grave. Ma poi nel tempo, si arrivano a
pretese arbitrarie, fuori da ogni logica razionale, a dire
di fare o non fare qualcosa. Come lo sono i coprifuoco o
le chiusura anticipate senza alcuna plausibilita' sanitaria,
ma, ho la sensazione, piu' legate a questioni di ordine
pubblico. Per esempio, negozi chiusi in massa ad una
certa ora, significa strade deserte ad ore "normali"
(e con l'anticipata oscurita' invernale, una sagra delle
opportunita' per la malavita o i violenti - chi, tipicamente
per ragioni di lavoro, si trova a passare per strada, anche
in auto, durante le ore di coprifuoco o chiusure anticipate
deve forse temere per la propria incolumita' ?)


(*) che oggi comincio a sospettare sia stata pompata: si', si',
ho visto le scene da fine del mondo degli ospedali, ma
stranamente, ancora oggi non so di nessuno che conoscevo che
sia morto ... il che significa: indubbiamente c'e' stata una
ondata di ricoveri, ma durante il periodo influenzale capitava
lo stesso, seppure questa volta e' stata piu' intensa
Volete un indizio ? I poderosi ospedali da campo o stile
"fiera" costruiti in emergenza non sono mai stati mostrati
pieni di pazienti, solo qualche persona, in sale vuote.
Se uno ha immagini o video che mostrano altro (per favore,
non quello delle corsie degli ospedali "permanenti", che in
Italia abbiamo visto sono in molte localita' "cronicamente"
affollate anche prima del Covid-19, ma di queste poderose
strutture d'emergenza piene di attivita' "clinica").
Non voglio negare nulla, ma comincio a diventare scettico
su quelli aspetti che sono tipici di una pandemia, ovvero
l'emergenza di strutture di straordinarieta'. Molto mostrate
dalle reti televisive, ma ... vuote.

Loading...