Discussione:
Sconvocare
Aggiungi Risposta
Mad Prof
2020-10-05 16:45:54 UTC
Rispondi
Permalink
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
--
Sanity is not statistical
Wolfgang
2020-10-05 18:05:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo
che il Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine
addirittura del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
È vero, su www.treccani.it/vocabolario/ il verbo non si trova, però
si discute la domanda

            «È giusto scrivere "sconvocare” per
            disdire una assemblea, una riunione?»

su questa pagina:
www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/domande_e_risposte/lessico/lessico_278.html

Si ha l'impressione che gli addetti ai diversi riparti del Treccani
non collaborino.

Ciao,
Wolfgang
Mad Prof
2020-10-05 21:07:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Wolfgang
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo
che il Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine
addirittura del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
È vero, su www.treccani.it/vocabolario/ il verbo non si trova, però
si discute la domanda
            «È giusto scrivere "sconvocare” per
            disdire una assemblea, una riunione?»
www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/domande_e_risposte/lessico/lessico_278.html
Si ha l'impressione che gli addetti ai diversi riparti del Treccani
non collaborino.
Comunque quello del 1683 sembra più un caso isolato. Cercando su Google
Libri si trovano poche occorrenze, quasi tutte provenienti da atti
parlamentari e simili.
--
Sanity is not statistical
Voce dalla Germania
2020-10-05 18:21:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
A me pare invece un'idea brillante, se si tratta di annullare la
convocazione di un'assemblea. Mille volte meglio di qualche anglicismo.
Però, non avendo letto in dettaglio le vicende sanitarie di Beatrice
Lorenzin, ma solo che si è beccata il Covid, non sono sicuro che ci sia
davvero un collegamento con qualche assemblea da rinviare a causa della
sua posivitità.
Voi, però, vivete quasi tutti in Italia e potrete sicuramente illuminarmi.
Mad Prof
2020-10-05 19:16:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Voce dalla Germania
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
A me pare invece un'idea brillante, se si tratta di annullare la
convocazione di un'assemblea. Mille volte meglio di qualche anglicismo.
Però, non avendo letto in dettaglio le vicende sanitarie di Beatrice
Lorenzin, ma solo che si è beccata il Covid, non sono sicuro che ci sia
davvero un collegamento con qualche assemblea da rinviare a causa della
sua posivitità.
Voi, però, vivete quasi tutti in Italia e potrete sicuramente illuminarmi.
<https://www.lastampa.it/politica/2020/10/05/news/loreenzin-ho-il-covid-non-so-come-l-ho-preso-1.39384168>

«L’ex ministra della Salute positiva al tampone. Alla Camera sconvocata la
commissione Bilancio sul Recovery fund.»
--
Sanity is not statistical
Roger
2020-10-06 07:57:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"

https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Bruno Campanini
2020-10-06 18:23:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Si "sconvoca" un'assemblea annullandone la convocazione e non
sciogliendone una già in attività.
Fra sciogliere e "sconvocare" c'è di mezzo il mare.

Bruno
Mad Prof
2020-10-10 12:56:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
--
Sanity is not statistical
Roger
2020-10-10 14:49:57 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Klaram
2020-10-10 16:18:41 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Rimaniamo su convocazione, si può benissimo dire: "revocare una
convocazione".

In questo caso hanno lo stesso significato, ma è vero che "revocare" è
più generico, infatti occorre specificare che cosa si revoca, con
"sconvocare" no.

Come in questo caso:
Fiorentina ai ferri corti con Ljajic: "sconvocato" per la partita col
Catania.

k
Roger
2020-10-10 17:04:40 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Rimaniamo su convocazione, si può benissimo dire: "revocare una
convocazione".
Come si può dire: "annullare", "disdire".
Post by Klaram
In questo caso hanno lo stesso significato, ma è vero che "revocare" è più
generico, infatti occorre specificare che cosa si revoca, con "sconvocare"
no.
Certo: un incarico, un ordine, un provvedimento, una decisione, ecc. li
puoi revocare, ma non li puoi convocare :-)
Post by Klaram
Fiorentina ai ferri corti con Ljajic: "sconvocato" per la partita col
Catania.
Infatti: non si può dure "revocato".
Tuttavia si può dire "revocata la convoca di Ljajic", come si può anche
dire "annullata la convoca...".
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Kiuhnm
2020-10-10 17:14:29 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
 Rimaniamo su convocazione, si può benissimo dire: "revocare una
convocazione".
Come si può dire: "annullare", "disdire".
 In questo caso hanno lo stesso significato, ma è vero che "revocare"
è più generico, infatti occorre specificare che cosa si revoca, con
"sconvocare" no.
Certo: un incarico, un ordine, un provvedimento, una decisione, ecc. li
puoi revocare, ma non li puoi convocare :-)
 Fiorentina ai ferri corti con Ljajic: "sconvocato" per la partita col
Catania.
Infatti: non si può dure "revocato".
Tuttavia si può dire "revocata la convoca di Ljajic", come si può anche
dire "annullata la convoca...".
Convocazione, non convoca.
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come un turco è offensivo è
offensivo.
Giovanni Drogo
2020-10-10 20:15:44 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Kiuhnm
Convocazione, non convoca.
Effettivamente "convoca" non la avevo mai sentito.

"determina" ahime' si' (anche la piu' comune "delibera") soprattutto
dopo che il 'nuovo' Direttore Generale ha spiegato ai direttori di
struttura che loro "determinano" e non "decretano" ne' "dispongono".

(dopo di che in alcuni papiri che facciamo per gioco per i neo-assunti o
quelli che se ne vanno, abbiamo inventato "la disponga" :-)

PS
dubbio ... ma dopo uno smiley :-) ci va la chiusa parentesi ?
Facciamo come nell'EXEC del VM/CMS e non mettiamocela
Mad Prof
2020-10-10 17:39:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione. Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
--
Sanity is not statistical
Kiuhnm
2020-10-10 18:30:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione. Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
"Mangiare" si può usare per dire che si vuole "mangiare una mela", ma
questo non significa che tra i significati di "mangiare" ci sia anche
"mangiare una mela".
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come
un turco è offensivo è offensivo.
Mad Prof
2020-10-10 19:07:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Kiuhnm
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione. Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
"Mangiare" si può usare per dire che si vuole "mangiare una mela", ma
questo non significa che tra i significati di "mangiare" ci sia anche
"mangiare una mela".
Mi pare un'analogia che non regge.
--
Sanity is not statistical
Kiuhnm
2020-10-10 20:38:44 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Kiuhnm
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla ribalta
il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione. Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
"Mangiare" si può usare per dire che si vuole "mangiare una mela", ma
questo non significa che tra i significati di "mangiare" ci sia anche
"mangiare una mela".
Mi pare un'analogia che non regge.
Secondo me regge.
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come
un turco è offensivo è offensivo.
Roger
2020-10-10 19:26:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione.
No, c'è quello di "annullare", senza altri riferimenti.
Post by Mad Prof
Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
Certamente, questo non vuol dire che revocare sia il contrario di
convocare.
Diresti che "annullare" è il contrario di "convocare"?
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Mad Prof
2020-10-10 21:11:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione.
No, c'è quello di "annullare", senza altri riferimenti.
Post by Mad Prof
Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
Certamente, questo non vuol dire che revocare sia il contrario di
convocare.
Diresti che "annullare" è il contrario di "convocare"?
Anche convocare richiede la specificazione di cosa viene convocato. Sopra o
tu o Klaram portavate l'esempio di convocare un calciatore per la partita,
che ha significato ben diverso dal convocare una riunione. Comunque il
punto è: se si può revocare una riunione, che bisogno c'è di sconvocarla…?
--
Sanity is not statistical
Kiuhnm
2020-10-10 23:20:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine addirittura
del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione.
No, c'è quello di "annullare", senza altri riferimenti.
Post by Mad Prof
Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
Certamente, questo non vuol dire che revocare sia il contrario di
convocare.
Diresti che "annullare" è il contrario di "convocare"?
Anche convocare richiede la specificazione di cosa viene convocato. Sopra o
tu o Klaram portavate l'esempio di convocare un calciatore per la partita,
che ha significato ben diverso dal convocare una riunione. Comunque il
punto è: se si può revocare una riunione, che bisogno c'è di sconvocarla…?
Avevo capito, senza essermi documentato (mea culpa) che fosse /la
persona/ ad essere sconvocata. Se invece si sconvoca la riunione allora
tanto vale usare revocare, annullare, disdire, ecc...
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come
un turco è offensivo è offensivo.
Roger
2020-10-11 08:16:50 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
Post by Mad Prof
Le vicende sanitarie di Beatrice Lorenzin oggi hanno portato alla
ribalta il termine "sconvocata".
Pensavo si trattasse del solito neologismo gergale, invece vedo che il
Devoto-Oli riporta il verbo sconvocare, indicando un'origine
addirittura del 1683. Sul Treccani invece non c'è.
A me pare parecchio brutto.
Con più o meno la stessa definizione (annullare, sciogliere la
convocazione
di un'assemblea) e con la stessa origine (1683) è riportato su
Gabrielli
Zingarelli
De Mauro
Quest'ultimo lo classifica come "comune"
https://dizionario.internazionale.it/parola/sconvocare
Ma il contrario di convocare non è revocare?
Direi di no.
"Convocare" si riferisce ad un'assemblea, una riunione.
"Revocare" è un termine generico che può riferirsi a molte cose, un
incarico,
un ordine, ub provvedimento, una decisione...
Certamente si può riferire anche ad una convoca, ma non per questo è
il suo termine contrario.
Che abbia diversi significati è vero, ma tra questi c'è quello di annullare
una convocazione.
No, c'è quello di "annullare", senza altri riferimenti.
Post by Mad Prof
Se si può revocare uno sciopero, perché non si può revocare
la convocazione di una commissione parlamentare?
Certamente, questo non vuol dire che revocare sia il contrario di
convocare.
Diresti che "annullare" è il contrario di "convocare"?
Anche convocare richiede la specificazione di cosa viene convocato. Sopra o
tu o Klaram portavate l'esempio di convocare un calciatore per la partita,
che ha significato ben diverso dal convocare una riunione. Comunque il
punto è: se si può revocare una riunione, che bisogno c'è di sconvocarla…?
E se si può annullare una riunione che bisogno c'è di revocarla? :-)

Ricordo che questa appendice di discussione è nata dalla tua ipotesi
che "revocare" fosse il *contrario* di "convocare".
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Mad Prof
2020-10-11 08:25:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
E se si può annullare una riunione che bisogno c'è di revocarla? :-)
Certo: si può annullare, disdire, perfino cancellare (ma forse qui gioca
qualche influenza l'inglese cancel). Se poi vogliamo usare un verbo più
affine a convocare, c'è revocare.
<http://www.dircomm.it/2009/n.2/01.html>
Sconvocare, oltre ad essere brutto, aggiunge qualcosa?
Post by Roger
Ricordo che questa appendice di discussione è nata dalla tua ipotesi
che "revocare" fosse il *contrario* di "convocare".
E lo confermo, ma davo per implicito che mi riferissi al caso specifico
convocare/revocare un'assemblea, non a tutti i possibili significati dei
due verbi.
--
Sanity is not statistical
Mad Prof
2020-10-11 08:42:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
E se si può annullare una riunione che bisogno c'è di revocarla? :-)
Certo: si può annullare, disdire, perfino cancellare (ma forse qui gioca
qualche influenza l'inglese cancel). Se poi vogliamo usare un verbo più
affine a convocare, c'è revocare.
<http://www.dircomm.it/2009/n.2/01.html>
Prevengo una possibile obiezione: nel link in alto si parla di "revocare la
convocazione dell'assemblea", ma allo stesso modo potrebbe dirsi "annullare
la convocazione dell'assemblea". Questo non toglie che si possa dire più
semplicemente "revocare/annullare l'assemblea".

<http://www.inchiostroverde.it/2018/06/14/ilva-piano-taranto-dibattito-revocato-attesa-incontrare-maio/>
--
Sanity is not statistical
Roger
2020-10-11 10:09:25 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
E se si può annullare una riunione che bisogno c'è di revocarla? :-)
Certo: si può annullare, disdire, perfino cancellare (ma forse qui gioca
qualche influenza l'inglese cancel). Se poi vogliamo usare un verbo più
affine a convocare, c'è revocare.
<http://www.dircomm.it/2009/n.2/01.html>
Sconvocare, oltre ad essere brutto, aggiunge qualcosa?
Post by Roger
Ricordo che questa appendice di discussione è nata dalla tua ipotesi
che "revocare" fosse il *contrario* di "convocare".
E lo confermo, ma davo per implicito che mi riferissi al caso specifico
convocare/revocare un'assemblea, non a tutti i possibili significati dei
due verbi.
Conferma pure e io confermo il mio dissenso.
Perché se sostieni che il contrario di convocare è revocare, allo
stesso modo
dovresti sostenenere che anche annullare, disdire, cancellare, sono
altrettanti
contrari di convocare.

Per me l'unico "contrario" di "convocare" è "sconvocare", dato che
richiama
il verbo stesso premettendo la "s" privativa.
Gli altri sono verbi generici che, nel caso, esprimono lo stesso
concetto.
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Klaram
2020-10-11 11:42:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
E lo confermo, ma davo per implicito che mi riferissi al caso specifico
convocare/revocare un'assemblea, non a tutti i possibili significati dei
due verbi.
Conferma pure e io confermo il mio dissenso.
Perché se sostieni che il contrario di convocare è revocare, allo stesso modo
dovresti sostenenere che anche annullare, disdire, cancellare, sono
altrettanti
contrari di convocare.
Per me l'unico "contrario" di "convocare" è "sconvocare", dato che richiama
il verbo stesso premettendo la "s" privativa.
Gli altri sono verbi generici che, nel caso, esprimono lo stesso concetto.
Anche secondo me, il più forte contrario di con-vocare è s-convocare.

Tutti gli altri, compreso re-vocare, funzionano solo se c'è l'oggetto
e se quest'ultimo è assemblea, riunione e simili, ma se l'oggetto sono
i partecipanti, non funzionano più.

Vi convoco, per domani alle... ecc. ecc., poi cambio idea e vi
sconvoco. Punto.
Ma non posso revocarvi, annullarvi, disdirvi ecc.

k
Kiuhnm
2020-10-11 18:17:57 UTC
Rispondi
Permalink
 Vi convoco, per domani alle... ecc. ecc., poi cambio idea e vi
sconvoco. Punto.
Non ho trovato questo uso di "sconvocare" nei dizionari che ho consultato.
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come
un turco è offensivo è offensivo.
Klaram
2020-10-12 12:17:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Kiuhnm
 Vi convoco, per domani alle... ecc. ecc., poi cambio idea e vi sconvoco.
Punto.
Non ho trovato questo uso di "sconvocare" nei dizionari che ho consultato.
E io, prima d'ora, non avevo mai usato il termine "sconvocare" tout
court. :))

k

Loading...