Discussione:
calepino
Aggiungi Risposta
Giacobino da Tradate
2020-10-15 10:12:45 UTC
Rispondi
Permalink
ho sempre usato "calepino" come sinonimo scherzoso di "libriccino" (es.
il taccuino delle password).

Scopro adesso che il calepino invece sarebbe un grosso dizionario
vecchio e malandato.
--
"Le Mondine" Fan Club
Klaram
2020-10-15 11:29:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
ho sempre usato "calepino" come sinonimo scherzoso di "libriccino" (es.
il taccuino delle password).
Scopro adesso che il calepino invece sarebbe un grosso dizionario
vecchio e malandato.
"Calepino" viene nome del primo dizionario di latino per le scuole,
pubblicato a Reggio Emilia, nel 1502, da Ambrogio dei Conti di Calepio
(oggi Caleppio), quindi è un vecchio grosso dizionario.
Il termine ha preso poi altri significati, es. in calabrese:
"calepinu" libro voluminoso, ma anche discorso noioso, e "calepini"
frottole e intrighi.
L'accezione attuale contraria, che molti usano, di libricino sarà
dovuta al fatto che "calepino" sembra un diminutivo?

k
Roger
2020-10-15 14:57:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
Post by Giacobino da Tradate
ho sempre usato "calepino" come sinonimo scherzoso di "libriccino" (es.
il taccuino delle password).
Scopro adesso che il calepino invece sarebbe un grosso dizionario
vecchio e malandato.
"Calepino" viene nome del primo dizionario di latino per le scuole,
pubblicato a Reggio Emilia, nel 1502, da Ambrogio dei Conti di Calepio (oggi
Caleppio), quindi è un vecchio grosso dizionario.
Il termine ha preso poi altri significati, es. in calabrese: "calepinu"
libro voluminoso, ma anche discorso noioso, e "calepini" frottole e intrighi.
L'accezione attuale contraria, che molti usano, di libricino sarà dovuta al
fatto che "calepino" sembra un diminutivo?
Lo Zingarelli dà anche l'accezione di "taccuino", citando anche l'uso
fattone dal Bacchelli:

Loading Image...
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Giacobino da Tradate
2020-10-15 17:42:51 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Thu, 15 Oct 2020 16:57:46 +0200
Post by Roger
Lo Zingarelli dà anche l'accezione di "taccuino", citando anche l'uso
io avevo in mente La giara di Pirandello (sellate la mula! consultate
il calepino!) e mi si confermava la convinzione che il calepino fosse
una specie di bigino.
--
"Le Mondine" Fan Club
Father McKenzie
2020-10-16 10:55:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
Il termine ha preso poi altri significati, es. in calabrese: "calepinu"
libro voluminoso, ma anche discorso noioso,
Sarà, ma non ricordo di averlo mai sentito né nell'una né nell'altra
accezione. Per il primo userei "mattunazzu" o "papiellu" (usato in tutto
il meridione). Nel secondo caso c'è ampia scelta di locuzioni derivanti
dalla sfera sessuale (che p..., chi discursu 'e mm..., chi rumpimentu 'i
c...). Però in Calabria coesistono diverse parlate anche molto diverse.
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Klaram
2020-10-16 12:20:18 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Klaram
Il termine ha preso poi altri significati, es. in calabrese: "calepinu"
libro voluminoso, ma anche discorso noioso,
Sarà, ma non ricordo di averlo mai sentito né nell'una né nell'altra
accezione. Per il primo userei "mattunazzu" o "papiellu" (usato in tutto il
meridione). Nel secondo caso c'è ampia scelta di locuzioni derivanti dalla
sfera sessuale (che p..., chi discursu 'e mm..., chi rumpimentu 'i c...).
Però in Calabria coesistono diverse parlate anche molto diverse.
L'ho trovato sul Battisti-Alessio, che è un calepone etimologico in
cinque volumi. :))

In rete ho trovato questo:

RUSSI ITALO Lu calepinu brindisinu: Vucabbularieddu brindisinu, Ed.
1996 ...

Non è calabrese ma brindisino. La cosa interessante, però, è che anche
per l'autore "calepino" sembra essere un diminutivo, infatti lo chiama
"vocabolarieddu".

k
Mad Prof
2020-10-16 15:36:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
RUSSI ITALO Lu calepinu brindisinu: Vucabbularieddu brindisinu, Ed.
1996 ...
Non è calabrese ma brindisino.
1500 anni fa lo sarebbe stato… ;-)

<https://www.senzacolonnenews.it/il-blog-di-gianfranco-perri/item/10087-quando-e-perche-noi-brindisini-da-calabresi-diventammo-pugliesi.html>
--
Sanity is not statistical
Giovanni Drogo
2020-10-16 12:30:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Klaram
a Reggio Emilia, nel 1502, da Ambrogio dei Conti di Calepio (oggi
Caleppio)
Dove si trova/va questa localita' ?

Io conosco solo la Val Calepio nella bergamasca, e Caleppio di Settala a
SE di Milano (incidentalmente io dico Calepio chiusa e CalEppio aperta)
Roger
2020-10-16 12:57:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giovanni Drogo
a Reggio Emilia, nel 1502, da Ambrogio dei Conti di Calepio (oggi Caleppio)
Dove si trova/va questa localita' ?
Io conosco solo la Val Calepio nella bergamasca, e Caleppio di Settala a SE
di Milano (incidentalmente io dico Calepio chiusa e CalEppio aperta)
Ci sarebbe anche Castelli Calepio, comune vicino a Bergamo che ospita
un castello "Conti Calepio", un "Ospizio Calepio" e una lapide
"Caleppio[con due p] ai suoi prodi"

<https://www.google.it/maps/place/Castello+Conti+Calepio/@45.6493,9.9140834,3a,75y,90t/data=!3m8!1e2!3m6!1sAF1QipMVB7sVPnaiETVQu4SHsWQ5D-TwmAWZer8R2go9!2e10!3e12!6shttps:%2F%2Flh5.googleusercontent.com%2Fp%2FAF1QipMVB7sVPnaiETVQu4SHsWQ5D-TwmAWZer8R2go9%3Dw203-h270-k-no!7i3000!8i4000!4m5!3m4!1s0x0:0x616c81547b5def9a!8m2!3d45.6491667!4d9.9138889>
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Giovanni Drogo
2020-10-16 15:26:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Giovanni Drogo
Io conosco solo la Val Calepio nella bergamasca
Ci sarebbe anche Castelli Calepio, comune vicino a Bergamo che ospita
un castello "Conti Calepio", un "Ospizio Calepio"
quella e' appunto la Val Calepio
Post by Roger
e una lapide "Caleppio[con due p] ai suoi prodi"
Ah si' meglio di quella cittadina pisana "Calci ai caduti"
Roger
2020-10-16 17:20:12 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giovanni Drogo
[...]
meglio di quella cittadina pisana "Calci ai caduti"
LOL
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Klaram
2020-10-16 16:01:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roger
Post by Giovanni Drogo
a Reggio Emilia, nel 1502, da Ambrogio dei Conti di Calepio (oggi Caleppio)
Dove si trova/va questa localita' ?
Io conosco solo la Val Calepio nella bergamasca, e Caleppio di Settala a SE
di Milano (incidentalmente io dico Calepio chiusa e CalEppio aperta)
Ci sarebbe anche Castelli Calepio, comune vicino a Bergamo che ospita
un castello "Conti Calepio", un "Ospizio Calepio" e una lapide
"Caleppio[con due p] ai suoi prodi"
La famiglia di Ambrogio del calepino era di Castelli di Calepio,
scritto con una p sola. Forse c'è stata un po' di confusione con
l'altro Caleppio.

https://it.wikipedia.org/wiki/Calepio_(famiglia)

k

k
Kiuhnm
2020-10-15 16:06:21 UTC
Rispondi
Permalink
(es. il taccuino delle password).
Male, male...
--
Kiuhnm

Dire a qualcuno che dire a qualcuno che fuma come
un turco è offensivo è offensivo.
Giacobino da Tradate
2020-10-15 17:43:30 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Thu, 15 Oct 2020 18:06:21 +0200
Post by Kiuhnm
(es. il taccuino delle password).
Male, male...
piccino piccino picciò!

se lo perdo sono morto
--
"Le Mondine" Fan Club
Giovanni Drogo
2020-10-16 12:27:41 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giacobino da Tradate
ho sempre usato "calepino" come sinonimo scherzoso di "libriccino"
"sempre" e' una parola grossa, se sottintende "spesso", ma si', anch'io
lo userei in quel senso.

Il Val Calepio e' meglio berlo.
Loading...