Discussione:
Campo semantico dei simboli: operazione "Ramoscello d'ulivo"
(troppo vecchio per rispondere)
Rapsòdo
2018-03-18 12:16:06 UTC
Permalink
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo,
(non importa se atei o credenti)
non credo che un'operaziome militare, con tanto
di bombardamenti, possa essere chiamata "Ramoscello d'olivo".
Come quella in atto da parte turca contro i curdi in Siria.
Non comprendo attraverso quale via
possa esserci una simile associazione.
Rapsòdo
2018-03-18 12:45:21 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo
forse stava meglio: da noi.

Su questo problema sto pensando da un po' di tempo.
Ad esempio la parola: fallimento riferito ad un'impresa.
In area italiana è parola che si associa ad incapacità,
inaffidabilità, se non addirittura raggiro.
Son rimasto di stucco sentendo che in area "britannica"
può essere all'opposto parola che indica la capacità
di tentare, di imparare dagli errori, al fatto
che chi non fa non falla.
Bruno Campanini
2018-03-18 15:19:49 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
Post by Rapsòdo
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo
forse stava meglio: da noi.
Su questo problema sto pensando da un po' di tempo.
Ad esempio la parola: fallimento riferito ad un'impresa.
Giuridicamente l'imprenditore fallisce quando si trova
in stato d'insolvenza, cioè quando "non è più in grado di
soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni".
Post by Rapsòdo
In area italiana è parola che si associa ad incapacità,
inaffidabilità, se non addirittura raggiro.
Son rimasto di stucco sentendo che in area "britannica"
può essere all'opposto parola che indica la capacità
di tentare, di imparare dagli errori, al fatto
che chi non fa non falla.
Con gli altri significati della parola fallimento...
si può compilare un mezzo dizionario.

Bruno
ADPUF
2018-03-18 21:55:57 UTC
Permalink
Post by Bruno Campanini
Post by Rapsòdo
Post by Rapsòdo
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo
forse stava meglio: da noi.
Su questo problema sto pensando da un po' di tempo.
Ad esempio la parola: fallimento riferito ad un'impresa.
Giuridicamente l'imprenditore fallisce quando si trova
in stato d'insolvenza, cioè quando "non è più in grado di
soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni".
Gli antichi romani erano assai duri con i falliti.
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
https://en.wikipedia.org/wiki/Usenet
Rapsòdo
2018-03-18 22:48:35 UTC
Permalink
Post by ADPUF
Post by Bruno Campanini
Giuridicamente l'imprenditore fallisce quando si trova
in stato d'insolvenza, cioè quando "non è più in grado di
soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni".
Gli antichi romani erano assai duri con i falliti.
schiavitù et financus mortem
ADPUF
2018-03-18 22:04:40 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
Post by Rapsòdo
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo
forse stava meglio: da noi.
Su questo problema sto pensando da un po' di tempo.
Ad esempio la parola: fallimento riferito ad un'impresa.
In area italiana è parola che si associa ad incapacità,
inaffidabilità, se non addirittura raggiro.
C'è la bancarotta semplice e quella fraudolenta.
Post by Rapsòdo
Son rimasto di stucco sentendo che in area "britannica"
può essere all'opposto parola che indica la capacità
di tentare, di imparare dagli errori, al fatto
che chi non fa non falla.
Sì loro sono più aperti alle possibilità, in fondo uno dovrebbe
imparare dagli errori.

Ma di recente sentivo alla radio la storia di Ponzi, uno che
falliva e rifalliva...
https://it.wikipedia.org/wiki/Charles_Ponzi
--
E-S °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
https://en.wikipedia.org/wiki/Usenet
Rapsòdo
2018-03-18 22:54:11 UTC
Permalink
Post by ADPUF
Sì loro sono più aperti alle possibilità, in fondo uno dovrebbe
imparare dagli errori.
Pare che nel campo delle startup, da loro,
il fallimento sia una cosa positiva
(a meno che non ci sia dolo), perché indica che uno si dà da fare
e che volta volta impara qualcosa di nuovo.
Molte startup passano attraverso ripetuti fallimenti
prima di arrivare a decolli, a volte vertiginosi.
Rapsòdo
2018-03-18 22:58:46 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
Post by ADPUF
Sì loro sono più aperti alle possibilità, in fondo uno dovrebbe
imparare dagli errori.
Pare che nel campo delle startup, da loro,
il fallimento sia una cosa positiva
(a meno che non ci sia dolo), perché indica che uno si dà da fare
e che volta volta impara qualcosa di nuovo.
Molte startup passano attraverso ripetuti fallimenti
prima di arrivare a decolli, a volte vertiginosi.
aah... ma si sta estendendo anche da noi siffatta mentalità

«L’ottanta per cento delle startup finanziate in Italia falliscono,
forse anche il novanta: è un dato statistico, ed è un dato positivo.
Non bisogna pensare a chi non ce la fa ma pensare a un processo di
apprendimento che porta a costituire soggetti più forti»
http://tinyurl.com/y7djs5uh
Rapsòdo
2018-03-18 23:01:43 UTC
Permalink
Post by ADPUF
Sì loro sono più aperti alle possibilità, in fondo uno dovrebbe
imparare dagli errori.
sempre dallo stesso articolo:
«la più grande differenza tra Italia e Stati Uniti nell’approccio verso
la startup è il concetto del fallimento».
Se in America è una condizione essenziale, in Italia è un’onta.

quindi cambiando... relativamente

Rapsòdo
2018-03-18 21:38:51 UTC
Permalink
Post by Rapsòdo
A noi, fondamentalmente basati su una comunità ermeneutica
che si fonda sulla storia del cristianesimo,
(non importa se atei o credenti)
non credo che un'operaziome militare, con tanto
di bombardamenti, possa essere chiamata "Ramoscello d'olivo".
Come quella in atto da parte turca contro i curdi in Siria.
Non comprendo attraverso quale via
possa esserci una simile associazione.
"Nell'Islam l'olivo è l'asse del mondo,
simbolo del Profeta... nell'esoterismo ismaeltca l'olivo in cima
al Sinai è una figura dell'Imam.."
Dizionario dei simboli - Chevalier Gheerbrant

ah... ecco
il tutto deve essere stato reinterpretato
in chiave di nazionalismo etnico
http://tinyurl.com/ybjllkn4
Loading...