Discussione:
"ritornare" in inglese
(troppo vecchio per rispondere)
Kiuhnm
2021-06-09 23:04:10 UTC
Permalink
In un thread precedente si è parlato di come molti informatici usino
"ritornare" come verbo transitivo quando si parla di funzioni:
una funzione ritorna un valore al chiamante

Si è sostenuto che dipenda dal fatto che si lascino influenzare
dall'inglese, infatti in inglese si dice:
a function returns a value (back) to the caller

Vorrei però segnalare un cambio di transitività che ho appena notato in
inglese.

Gli elementi di una pagina web ricevono l'input da tastiera solo quando
hanno il focus. Per es. per digitare qualcosa in un campo che non abbia
già il focus, gli si clicca sopra.

In inglese il verbo "to focus" vuole la preposizione "on":
to focus on something
to focus something on something else
Si può usare anche "set focus":
to set focus on something
Notate che "to focus A" non significa focalizzarsi su A, ma significa
"focalizzare A" ed è di solito seguito da "on B", cioè "su B".

Guardate ora cosa dice la documentazione MS riguardo alla funzione
"focus" usata per "dare focus" a un elemento di una pagina web[1]:
"The HTMLElement.focus() method sets focus on the specified element,
if it can be *focused*. The *focused* element is the element which will
receive keyboard and similar events by default.
[..]
A value of false for preventScroll (the default) means that the browser
will scroll the element into view after *focusing it*."

La specificazione ufficiale, è più esplicita[2]:
"When an element is the DOM anchor of a *focusable* area of the
currently *focused* area of a top-level browsing context, it is *focused*."

Penso che un inglese senza conoscenze informatiche resterebbe allibito
nel leggere simili espressioni. Eppure un informatico non batte ciglio
perché capisce perfettamente i motivi che portano a tali scelte.

[1]
https://developer.mozilla.org/en-US/docs/Web/API/HTMLOrForeignElement/focus
[2] https://html.spec.whatwg.org/multipage/interaction.html#focused
--
Kiuhnm

False friend del giorno: "to make redundant".
Non significa dare lavoro ad amici e familiari inserendoli
in ogni dove, bensì "licenziare".
Ilario di Poitiers
2021-06-10 11:05:09 UTC
Permalink
Post by Kiuhnm
In un thread precedente si è parlato di come molti informatici usino
una funzione ritorna un valore al chiamante
Si è sostenuto che dipenda dal fatto che si lascino influenzare dall'inglese,
a function returns a value (back) to the caller
Vorrei però segnalare un cambio di transitività che ho appena notato in
inglese.
Gli elementi di una pagina web ricevono l'input da tastiera solo quando hanno
il focus. Per es. per digitare qualcosa in un campo che non abbia già il
focus, gli si clicca sopra.
to focus on something
to focus something on something else
to set focus on something
Notate che "to focus A" non significa focalizzarsi su A, ma significa
"focalizzare A" ed è di solito seguito da "on B", cioè "su B".
Guardate ora cosa dice la documentazione MS riguardo alla funzione "focus"
"The HTMLElement.focus() method sets focus on the specified element, if it
can be *focused*. The *focused* element is the element which will receive
keyboard and similar events by default.
[..]
A value of false for preventScroll (the default) means that the browser will
scroll the element into view after *focusing it*."
"When an element is the DOM anchor of a *focusable* area of the currently
*focused* area of a top-level browsing context, it is *focused*."
Penso che un inglese senza conoscenze informatiche resterebbe allibito nel
leggere simili espressioni. Eppure un informatico non batte ciglio perché
capisce perfettamente i motivi che portano a tali scelte.
[1]
https://developer.mozilla.org/en-US/docs/Web/API/HTMLOrForeignElement/focus
[2] https://html.spec.whatwg.org/multipage/interaction.html#focused
b : to bring into focus
The results of that research were focused for classroom presentation.

https://www.merriam-webster.com/dictionary/focus

xpost icl.inglese
--
IdP


"Liángyào ku kou." (Detto cinese)
Kiuhnm
2021-06-10 21:14:04 UTC
Permalink
Post by Ilario di Poitiers
b : to bring into focus
The results of that research were focused for classroom presentation.
https://www.merriam-webster.com/dictionary/focus
Questo significa "To clarify or centralize a point, either in optics or
in a discussion."[1]

Non mi pare possa essere usato in altri contesti col significato
generale di "focus on something".

[1] https://writingexplained.org/idiom-dictionary/bring-something-into-focus
--
Kiuhnm

False friend del giorno: "to make redundant".
Non significa dare lavoro ad amici e familiari inserendoli
in ogni dove, bensì "licenziare".
Ilario di Poitiers
2021-06-11 13:13:54 UTC
Permalink
Post by Ilario di Poitiers
b : to bring into focus
The results of that research were focused for classroom presentation.
https://www.merriam-webster.com/dictionary/focus
Questo significa "To clarify or centralize a point, either in optics or in a
discussion."[1]
Non mi pare possa essere usato in altri contesti col significato generale di
"focus on something".
[1] https://writingexplained.org/idiom-dictionary/bring-something-into-focus
Vero, è un significato diverso.
--
IdP


"Fabbricare fabbricare fabbricare / Preferisco il rumore del mare"
(Dino Campana)
Ammammata
2021-06-12 09:36:08 UTC
Permalink
Il giorno gio 10 giu 2021 01:04:10a, *Kiuhnm* ha inviato su
In un thread precedente si Ú parlato di come molti informatici usino
una funzione ritorna un valore al chiamante
Si Ú sostenuto che dipenda dal fatto che si lascino influenzare
a function returns a value (back) to the caller
in questo caso ho sempre preferito tradurre RETURN con "restituisce": io
passo (passare=dare) parametri alla funzione che mi restituisce un valore
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ da casa ] ...........
Ilario di Poitiers
2021-06-12 09:47:23 UTC
Permalink
Post by Ammammata
Il giorno gio 10 giu 2021 01:04:10a, *Kiuhnm* ha inviato su
In un thread precedente si è parlato di come molti informatici usino
una funzione ritorna un valore al chiamante
Si è sostenuto che dipenda dal fatto che si lascino influenzare
a function returns a value (back) to the caller
in questo caso ho sempre preferito tradurre RETURN con "restituisce": io
passo (passare=dare) parametri alla funzione che mi restituisce un valore
Anche a me viene spontaneo tradurre con "restituire", come già discusso
nel thread precedente.
Tuttavia, se nel lessico del settore ha preso piede il calco
dall'inglese "return", se ne prende atto e amen.
--
IdP


"La vieillesse nous attache plus de rides en l'esprit qu'au visage"
(Michel de Montaigne)
Kiuhnm
2021-06-12 10:20:29 UTC
Permalink
Post by Ilario di Poitiers
Post by Ammammata
Il giorno gio 10 giu 2021 01:04:10a, *Kiuhnm* ha inviato su
In un thread precedente si è parlato di come molti informatici usino
   una funzione ritorna un valore al chiamante
Si è sostenuto che dipenda dal fatto che si lascino influenzare
   a function returns a value (back) to the caller
io passo (passare=dare) parametri alla funzione che mi restituisce un
valore
Anche a me viene spontaneo tradurre con "restituire", come già discusso
nel thread precedente.
Tuttavia, se nel lessico del settore ha preso piede il calco
dall'inglese "return", se ne prende atto e amen.
Sinceramente li uso entrambi senza farci troppo caso.
--
Kiuhnm

False friend del giorno: "to make redundant".
Non significa dare lavoro ad amici e familiari inserendoli
in ogni dove, bensì "licenziare".
Wolfgang
2021-06-12 10:49:03 UTC
Permalink
Post by Ilario di Poitiers
[...]
Anche a me viene spontaneo tradurre con "restituire",
come già discusso nel thread precedente.
Il valore che la funzione ci «restituisce», gliel'abbiamo prima dato
in prestito o ce l'ha rubato o tolto in qualche modo? Io direi di no.

Anche l'inglese "return" ha questo connotato, ma da non madrelingua
non ci badiamo e quindi non lo sentiamo. Pertanto l'anglicismo
«ritornare», detto di una funzione, si è affermato in italiano.
Post by Ilario di Poitiers
Tuttavia, se nel lessico del settore ha preso piede il calco
dall'inglese "return", se ne prende atto e amen.
Amen.

Ciao,
Wolfgang
Ilario di Poitiers
2021-06-12 11:11:38 UTC
Permalink
Post by Ilario di Poitiers
[...]
Anche a me viene spontaneo tradurre con "restituire",
come già discusso nel thread precedente.
Il valore che la funzione ci «restituisce», gliel'abbiamo prima dato in
prestito o ce l'ha rubato o tolto in qualche modo? Io direi di no.
Anche il "favore" che si restituisce non è il medesimo che si è
ricevuto. Si "restituisce" anche qualcosa di analogo o che è reazione
rispetto a ciò che si è avuto, non necessariamente identico. C'è
persino chi "rende pan per focaccia", cioè a una cattiva azione si
contraccambia con un'altra azione altrettanto cattiva o peggiore! Da
qui ad accettare un valore di entrata e restituirne di conseguenza uno
di uscita... il passo non mi pare enorme.
Anche l'inglese "return" ha questo connotato, ma da non madrelingua non ci
badiamo e quindi non lo sentiamo. Pertanto l'anglicismo «ritornare», detto di
una funzione, si è affermato in italiano.
Post by Ilario di Poitiers
Tuttavia, se nel lessico del settore ha preso piede il calco
dall'inglese "return", se ne prende atto e amen.
Amen.
Così sia!
--
IdP


"Il cinema, a furia di rendere tutto patetico e sentimentale, rende
cinici. Non dà all'uomo che atteggiamenti." (Corrado Alvaro)
Continua a leggere su narkive:
Loading...