Discussione:
Quattro gatti
(troppo vecchio per rispondere)
Leone Buggio
2020-08-24 07:58:41 UTC
Permalink
Quattro gatti sono tanti o pochi?

Luciano
Wolfgang
2020-08-24 08:26:17 UTC
Permalink
Post by Leone Buggio
Quattro gatti sono tanti o pochi?
Pochi.

Ciao,
Wolfgang
Roger
2020-08-24 11:42:24 UTC
Permalink
Post by Wolfgang
Post by Leone Buggio
Quattro gatti sono tanti o pochi?
Pochi.
È relativo :-)
Se dico che alla festa c'erano quattro gatti, intendo dire che c'era
poca gente.
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
orpheus
2020-08-24 12:13:31 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Wolfgang
Post by Leone Buggio
Quattro gatti sono tanti o pochi?
Pochi.
È relativo :-)
Se dico che alla festa c'erano quattro gatti, intendo dire che c'era
poca gente.
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
ed è relativo pure il relativo :-)
se chi parla fosse un gattaro gli sembrerebbero pochi

comunque è interessante sapere perché, come modo di dire,
quattro gatti sono pochi

Quattro
3. Con valore indeterminato, pochi, poche, in alcune frasi di uso com. (cfr. l’analogo valore di due): andiamo a fare q. passi, una passeggiatina; fare q. salti, un balletto in famiglia, tra amici; fare q. chiacchiere; scambiare q. parole; non vale la pena di litigare per quei q. soldi (e per significare scarso valore: un vestito, un quadro da q. soldi, che non vale q. soldi); sono, c’erano q. gatti, pochissime persone; questi q. giorni che dobbiamo stare in questo mondo, si può sperare che vogliano essere un po’ meglio (Manzoni).
http://www.treccani.it/vocabolario/quattro/
Roger
2020-08-24 13:46:35 UTC
Permalink
Post by Leone Buggio
[...]
Quattro
3. Con valore indeterminato, pochi, poche, in alcune frasi di uso com. (cfr.
l’analogo valore di due): andiamo a fare q. passi, una passeggiatina; fare q.
salti, un balletto in famiglia, tra amici; fare q. chiacchiere; scambiare q.
parole; non vale la pena di litigare per quei q. soldi (e per significare
scarso valore: un vestito, un quadro da q. soldi, che non vale q. soldi);
sono, c’erano q. gatti, pochissime persone; questi q. giorni che dobbiamo
stare in questo mondo, si può sperare che vogliano essere un po’ meglio
(Manzoni). http://www.treccani.it/vocabolario/quattro/
Interessante notare che in tutte queste espressioni "quattro" può
essere
sostituito (e sovente viene sostituito) da "due", ma non da "tre" o da
qualsiasi altro numero.
--
Ciao,
Roger
--
Vassene il tempo e l'uom non se ne avvede
Voce dalla Germania
2020-08-24 14:56:13 UTC
Permalink
Post by Leone Buggio
[...]
Quattro
3. Con valore indeterminato, pochi, poche, in alcune frasi di uso com.
(cfr. l’analogo valore di due): andiamo a fare q. passi, una
passeggiatina; fare q. salti, un balletto in famiglia, tra amici; fare
q. chiacchiere; scambiare q. parole; non vale la pena di litigare per
quei q. soldi (e per significare scarso valore: un vestito, un quadro
da q. soldi, che non vale q. soldi); sono, c’erano q. gatti,
pochissime persone; questi q. giorni che dobbiamo stare in questo
mondo, si può sperare che vogliano essere un po’ meglio (Manzoni).
http://www.treccani.it/vocabolario/quattro/
Interessante notare che in tutte queste espressioni "quattro" può essere
sostituito (e sovente viene sostituito) da "due", ma non da "tre" o da
qualsiasi altro numero.
A volte sì, o è solo un errore di traduzione di un collega ormai defunto?
Bertolt Brecht scrisse "Die Dreigroschenoper", diventata in italiano
"L'opera da tre soldi".

Come commentano gli anglisti presenti il titolo inglese "The Threepenny
Opera", anche in relazione a threepenny e a questa citazione dalla voce
"Penny" nella Wikipedia inglese?
"Thus, "a threepence" (but more usually "a threepenny bit") would be
single coin of that value whereas "three pence" would be its value and
"three pennies" would be three penny coins."
orpheus
2020-08-24 15:20:48 UTC
Permalink
Post by Voce dalla Germania
Post by Leone Buggio
[...]
Quattro
3. Con valore indeterminato, pochi, poche, in alcune frasi di uso com.
(cfr. l’analogo valore di due): andiamo a fare q. passi, una
passeggiatina; fare q. salti, un balletto in famiglia, tra amici; fare
q. chiacchiere; scambiare q. parole; non vale la pena di litigare per
quei q. soldi (e per significare scarso valore: un vestito, un quadro
da q. soldi, che non vale q. soldi); sono, c’erano q. gatti,
pochissime persone; questi q. giorni che dobbiamo stare in questo
mondo, si può sperare che vogliano essere un po’ meglio (Manzoni).
http://www.treccani.it/vocabolario/quattro/
Interessante notare che in tutte queste espressioni "quattro" può essere
sostituito (e sovente viene sostituito) da "due", ma non da "tre" o da
qualsiasi altro numero.
A volte sì, o è solo un errore di traduzione di un collega ormai defunto?
Bertolt Brecht scrisse "Die Dreigroschenoper", diventata in italiano
"L'opera da tre soldi".
di Bertolt Brecht e Kurt Weill
collaborazione tra letteratura e musica
secondo un concetto di "Gesamtkunstwerk"

orpheus
2020-08-24 15:57:12 UTC
Permalink
Post by orpheus
Post by Voce dalla Germania
A volte sì, o è solo un errore di traduzione di un collega ormai defunto?
Bertolt Brecht scrisse "Die Dreigroschenoper", diventata in italiano
"L'opera da tre soldi".
di Bertolt Brecht e Kurt Weill
collaborazione tra letteratura e musica
secondo un concetto di "Gesamtkunstwerk"
http://youtu.be/X7eO7MKEZAY
Correggomi, ne è un superamento
Tuttavia, questa idea che associa la Dreigroschenoper prevalentemente al nome di Brecht continua ad essere largamente diffusa. Questa “ingiustizia storica” porta con sé almeno due implicazioni: 1) dimenticare che la genesi di questo lavoro vede la collaborazione di Brecht e Weill, uniti, per raggiungere un scopo ben preciso, da una parte riduce la musica al ruolo di riempitivo superfluo e, dall’altra, toglie buona parte della forza rivoluzionaria portata dalla collaborazione tra letteratura e musica declinata nella forma che vedremo in seguito. Questo porta automaticamente a pensare che 2) l’azione combinata di musica, recitazione, poesia, sia scomponibile in atomi tra loro indipendenti, cancellando così con un colpo di spugna l’intera esperienza del Gesamtkunstwerk, di cui l’Opera da tre soldi rappresenta un superamento, o una rilettura in chiave sociologica (politica).
http://www.quinteparallele.net/2017/11/opera-tre-soldi-tradizione-innovazione/
Leone Buggio
2020-08-24 16:04:53 UTC
Permalink
Post by orpheus
Post by Roger
Post by Wolfgang
Post by Leone Buggio
Quattro gatti sono tanti o pochi?
Pochi.
È relativo :-)
Se dico che alla festa c'erano quattro gatti, intendo dire che c'era
poca gente.
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
ed è relativo pure il relativo :-)
se chi parla fosse un gattaro gli sembrerebbero pochi
comunque è interessante sapere perché, come modo di dire,
quattro gatti sono pochi
Nella lista esemplificativa che fai seguire gli oggetti (passi, salti, chiacchiere, parole, soldi, giorni) si possono trovano normalmente - anzi, normalmente si trovano - in grande quantità (basti ensare che per quanto pochi siano in realtà, sono normalmentee più di quattro)
Quindi quattro di quelli sono pochi.
Ma i gatti?
Normalmente sono in gruppo, come i pesci, i cavalli, le pecore, i cani in muta i bisonti.. ecc?
Mi pare di no, nemmeno allo stato selvatico.
Il gatto (da adulto) è un solitario.

Quindi dire "quattro gatti" per dire che sono pochi non starebbe bene, sarebbe più logico scegliere altri animali (per esempio i pesci: tre sono pochi ed infatti vanno moltiplicati, coi pani - "Non di solo pane vive l'uomo":-).

Il problema quindi resta: perchè i gatti?
Vanno bene, quattro, per dire che son tanti, ma non per dire che son pochi, come s'usa.
Per me resta un mistero.

Luciano
Post by orpheus
Quattro
3. Con valore indeterminato, pochi, poche, in alcune frasi di uso com. (cfr. l’analogo valore di due): andiamo a fare q. passi, una passeggiatina; fare q. salti, un balletto in famiglia, tra amici; fare q. chiacchiere; scambiare q. parole; non vale la pena di litigare per quei q. soldi (e per significare scarso valore: un vestito, un quadro da q. soldi, che non vale q. soldi); sono, c’erano q. gatti, pochissime persone; questi q. giorni che dobbiamo stare in questo mondo, si può sperare che vogliano essere un po’ meglio (Manzoni).
http://www.treccani.it/vocabolario/quattro/
orpheus
2020-08-24 16:20:49 UTC
Permalink
Post by Leone Buggio
Post by orpheus
comunque è interessante sapere perché, come modo di dire,
quattro gatti sono pochi
Nella lista esemplificativa che fai seguire gli oggetti (passi, salti, chiacchiere, parole, soldi, giorni) si possono trovano normalmente - anzi, normalmente si trovano - in grande quantità (basti ensare che per quanto pochi siano in realtà, sono normalmentee più di quattro)
Quindi quattro di quelli sono pochi.
Ma i gatti?
Normalmente sono in gruppo, come i pesci, i cavalli, le pecore, i cani in muta i bisonti.. ecc?
Mi pare di no, nemmeno allo stato selvatico.
Il gatto (da adulto) è un solitario.
Quindi dire "quattro gatti" per dire che sono pochi non starebbe bene, sarebbe più logico scegliere altri animali (per esempio i pesci: tre sono pochi ed infatti vanno moltiplicati, coi pani - "Non di solo pane vive l'uomo":-).
Il problema quindi resta: perchè i gatti?
Vanno bene, quattro, per dire che son tanti, ma non per dire che son pochi, come s'usa.
Per me resta un mistero.
Cosa spinge un gatto a preferire la solitudine o la compagnia? La preferenza di un gatto alla compagnia o alla solitudine è determinata dalla sua sopravvivenza. La formazione delle colonie di gatti (quelle in natura, no quelle create dall’uomo) e la scelta di un gatto a prenderne parte è basata sull’opportunità di averne maggiore vantaggio di cibo.

Questo porta all'altra spiegazione del detto:
Un tempo i gatti selvatici si riunivano in gruppi piuttosto numerosi, forse anche per proteggersi e cacciare meglio. Quindi quando un gruppo era composto solo da quattro esemplari, si trovava un po’ scarno. Ecco perchè oggi, quando ci troviamo in poche persone, pensiamo di essere quattro gatti!
Giovanni Drogo
2020-08-25 07:40:01 UTC
Permalink
Ma i gatti? Normalmente sono in gruppo, come i pesci, i cavalli, le
pecore, i cani in muta i bisonti.. ecc?
esistono le "colonie feline" ... ma non sono un banco, una torma, un
gregge, una mandria ... tant'e' che esiste il detto "herding cats" per
indicare una impresa impossibile o insensata
Giovanni Drogo
2020-08-28 21:09:35 UTC
Permalink
tant'e' che esiste il detto "herding cats" per indicare
Secondo Severgnini su 7 di oggi "governare noi e' come essere il pastore
di un branco di gatti". Buona traduzione. Miao.
Ammammata
2020-08-28 09:55:47 UTC
Permalink
Il giorno Mon 24 Aug 2020 06:04:53p, *Leone Buggio* ha inviato su
it.cultura.linguistica.italiano il messaggio news:3557dbac-241d-46e4-b879-
passi
due passi sono pochi, roba di minuti

quattro passi se voglio farne un po' di più, tipo stare in giro un'ora e
più
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ al lavoro ] ...........
Kiuhnm
2020-08-24 15:22:20 UTC
Permalink
Post by Roger
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
No, sono 5 di troppo.
--
Kiuhnm
Al Asset
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Post by Kiuhnm
Post by Roger
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
No, sono 5 di troppo.
Concordo!!!

La ex ragazza del mio figlio minore ha una gatta a casa. Ma nei 10
anni che è stata con mio figlio ci ha invaso il giardino (e
qualche volta la casa) di gattini... che poi sono
cresciuti!
Ora che si sono lasciati, mio figlio fa il pediatra a Firenze e
lei vive fuori Napoli.
La mia dolce padrona ed io accudiamo ora qualcosa come 6 gatti.
Ma non finisce qui!
A settembre 2019 abbiamo affittato una dependance ad un giovane
dottorando spagnolo, che la settimana scorsa è tornato a
Barcellona per completare una ricerca. "Signora Teresa può dare
da mangiare qualche volta ai miei due gattini?"
Perché ho sorpreso uno sguardo omicida negli occhi di mia moglie?

Ciao
--
Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin, "Cronache della Galassia" Asimov)
Kiuhnm
2020-08-24 18:36:04 UTC
Permalink
Post by Al Asset
Post by Kiuhnm
Post by Roger
Ma se parlo di una persona che possiede quattro gatti, intendo dire che
ne ha tanti (almeno tre di troppo :-))
No, sono 5 di troppo.
Concordo!!!
La ex ragazza del mio figlio minore ha una gatta a casa. Ma nei 10
anni che è stata con mio figlio ci ha invaso il giardino (e
qualche volta la casa) di gattini... che poi sono
cresciuti!
Ora che si sono lasciati, mio figlio fa il pediatra a Firenze e
lei vive fuori Napoli.
Alle giovani coppie chiedo sempre cosa intendano fare dopo che si
saranno lasciati.
Post by Al Asset
La mia dolce padrona ed io accudiamo ora qualcosa come 6 gatti.
Ma non finisce qui!
Mia zia è arrivata ad averne una quindicina! Nella sua zona molti gatti
finiscono sotto le macchine quindi si mantiene un certo equilibrio,
altrimenti oggi ne avrebbe a migliaia.
Post by Al Asset
A settembre 2019 abbiamo affittato una dependance ad un giovane
dottorando spagnolo, che la settimana scorsa è tornato a
Barcellona per completare una ricerca. "Signora Teresa può dare
da mangiare qualche volta ai miei due gattini?"
Perché ho sorpreso uno sguardo omicida negli occhi di mia moglie?
Che le parole di Salvor Hardin vi servano da guida.
--
Kiuhnm
Father McKenzie
2020-08-28 09:25:14 UTC
Permalink
Post by Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin
La traduzione che avevo io portava "l'ultimo rifugio", ma risorsa mi
sembra indovinato
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
orpheus
2020-08-28 09:42:23 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin
La traduzione che avevo io portava "l'ultimo rifugio", ma risorsa mi
sembra indovinato
E ricordavi bene... pare che sia tratto da un libro di Asimov:
https://books.google.it/books?id=VnlzAgAAQBAJ&pg=PA213&dq=asimov+rifugio+incapaci&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwizocXFy73rAhUJ3qQKHW2bA-EQ6AEwBXoECAIQAg#v=onepage&q=asimov%20rifugio%20incapaci&f=false

Anche se a me non torna tanto che sia l'ultimo rifugio degli incapaci, che per loro vien ben prima dell'ultimo. E quando non è una violenza fisica è violenza verbale, come "habitus"
Ammammata
2020-08-28 09:59:01 UTC
Permalink
Il giorno Fri 28 Aug 2020 11:42:23a, *orpheus* ha inviato su
it.cultura.linguistica.italiano il messaggio news:79d61fe0-9378-4a2b-8388-
Post by orpheus
Post by Father McKenzie
Post by Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin
La traduzione che avevo io portava "l'ultimo rifugio", ma risorsa mi
sembra indovinato
E ricordavi bene... pare che sia tratto da un libro di Asimov
Salvor Hardin quotes
http://fy.chalmers.se/OLDUSERS/tfkps/hardin.html

"Violence is the last refuge of the incompetent."
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ al lavoro ] ...........
orpheus
2020-08-28 10:10:17 UTC
Permalink
Post by Ammammata
Il giorno Fri 28 Aug 2020 11:42:23a, *orpheus* ha inviato su
Post by orpheus
Post by Father McKenzie
La violenza č l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin
La traduzione che avevo io portava "l'ultimo rifugio", ma risorsa mi
sembra indovinato
E ricordavi bene... pare che sia tratto da un libro di Asimov
Salvor Hardin quotes
http://fy.chalmers.se/OLDUSERS/tfkps/hardin.html
"Violence is the last refuge of the incompetent."
e la guerra preventiva? :-)
Kiuhnm
2020-08-28 17:23:04 UTC
Permalink
Post by Ammammata
Il giorno Fri 28 Aug 2020 11:42:23a, *orpheus* ha inviato su
it.cultura.linguistica.italiano il messaggio news:79d61fe0-9378-4a2b-8388-
Post by orpheus
Post by Father McKenzie
Post by Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin
La traduzione che avevo io portava "l'ultimo rifugio", ma risorsa mi
sembra indovinato
E ricordavi bene... pare che sia tratto da un libro di Asimov
(E' già specificato nella firma di AI Asset.)
Consiglio a tutti i primi 3 libri de "Il ciclo delle fondazioni".
--
Kiuhnm
Father McKenzie
2020-08-28 19:08:03 UTC
Permalink
Post by Ammammata
Post by orpheus
E ricordavi bene... pare che sia tratto da un libro di Asimov
Salvor Hardin quotes
http://fy.chalmers.se/OLDUSERS/tfkps/hardin.html
"Violence is the last refuge of the incompetent."
Ci sono state almendo due traduzioni nel coso degli anni, come accadde
anche per ilcapolavoro della Le Guin, "I reietti dell'altro pianeta2 o
"Quelli d Anarres" (orig. Dispossessed: an ambiguous utopia).
Contingenza non rara nemmeno nell'editoria "colta": di recente sono
uscite nuove traduzioni dell'"Ulisse"
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
il Colombo viaggiatore
2020-08-29 17:11:32 UTC
Permalink
Post by Ammammata
"Violence is the last refuge of the incompetent."
la mamma vi avrà detto che la violenza non è mai una buona soluzione.

beh,

la mamma aveva torto.
--
bed & breakfast & my IPAD
orpheus
2020-08-29 18:08:11 UTC
Permalink
Post by il Colombo viaggiatore
Post by Ammammata
"Violence is the last refuge of the incompetent."
la mamma vi avrà detto che la violenza non è mai una buona soluzione.
beh,
la mamma aveva torto
che t'è successo?
Kiuhnm
2020-08-29 18:50:13 UTC
Permalink
Post by Ammammata
"Violence is the last refuge of the incompetent."
Gli altri vi ricorrono prima.
--
Kiuhnm
Giovanni Drogo
2020-08-24 10:14:57 UTC
Permalink
Sono meno di 44
(che sono 42+2)
Loading...