Discussione:
proverbio piemontese
(troppo vecchio per rispondere)
vitorio
2021-07-09 01:31:39 UTC
Permalink
Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”.

da dove deriva questo modo di mandare a quel paese qualcuno?

grazie
Dragonòt
2021-07-09 06:34:44 UTC
Permalink
Post by vitorio
Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”.
Ci sono parecchie varianti sul tema:
- vate a caté 'n cassul (= un mestolo)
- vate a caté na mòla (= una mola)
- vate a caté 'n pruss (= una pera)

Bepe
Dragonòt
2021-07-09 06:36:46 UTC
Permalink
Post by Dragonòt
- vate a caté na mòla (= una mola)
= una molla
Bepe
Roger
2021-07-09 07:56:27 UTC
Permalink
Post by Dragonòt
Post by vitorio
Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”.
- vate a caté 'n cassul (= un mestolo)
- vate a caté na mòla (= una mola)
- vate a caté 'n pruss (= una pera)
Da noi: "va a catete", oppure, molto più diffuso, "catte" - comprati.

L'origine? Non ne ho idea.
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Klaram
2021-07-09 17:25:04 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Dragonòt
Post by vitorio
Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”.
- vate a caté 'n cassul (= un mestolo)
- vate a caté na mòla (= una mola)
- vate a caté 'n pruss (= una pera)
Da noi: "va a catete", oppure, molto più diffuso, "catte" - comprati.
Da noi "vate a caté".
Post by Roger
L'origine? Non ne ho idea.
Sono eufemismi, un piemontese d'antan non avrebbe mai detto vaffa...
:))

k

Continua a leggere su narkive:
Loading...