Discussione:
Nuocere
(troppo vecchio per rispondere)
Roger
2020-11-24 10:16:35 UTC
Permalink
Su un quotidiano appare in un sottotitolo questa frase:
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
Curiosa la coniugazione dell'indicativo presente di questo verbo, con
diverse varianti, con la "u" e senza, con una "c" o con due "c",
addirittura senza "i" (io nuoco, essi nuocono)
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Mad Prof
2020-11-24 11:27:01 UTC
Permalink
Post by Roger
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
--
Sanity is not statistical
Mad Prof
2020-11-24 11:40:56 UTC
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
Idem per piacere e giacere. Ce ne sono altri?
--
Sanity is not statistical
Roger
2020-11-24 11:41:44 UTC
Permalink
Post by Mad Prof
Post by Roger
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
E anche di piacere e giacere.
Con la differenza che "nuocere" è già sdrucciolo all'infinito, mentre
tacere, giacere, piacere lo diventano in coniugazione.
È una differenza non da poco.

Perché l'unico altro verbo sdrucciolo con la desinenza -cere preceduta
da vocale
è cuocere, che trovo più analogo a nuocere di quanto non siano
tacere, piacere e giacere,

Scriveresti "cuocciono"?
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Klaram
2020-11-24 12:33:24 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
E anche di piacere e giacere.
Con la differenza che "nuocere" è già sdrucciolo all'infinito, mentre
tacere, giacere, piacere lo diventano in coniugazione.
È una differenza non da poco.
Perché l'unico altro verbo sdrucciolo con la desinenza -cere preceduta da
vocale
è cuocere, che trovo più analogo a nuocere di quanto non siano
tacere, piacere e giacere,
Come hai già detto, ci sono state nel tempo varie forme nella
coniugazione di nuocere, quasi sicuramente erano varianti territoriali,
poi qualcuna ha prevalso sulle altre.
Post by Roger
Scriveresti "cuocciono"?
Io no, però spesso si trova in rete e questo significa che, pur
essendo un errore, qualcuno lo pronuncia così. E chissà quanti
settentrionali pronunciano "nuociono". :)

k
Mad Prof
2020-11-24 12:56:14 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Mad Prof
Post by Roger
"... nuocciono al buon senso".
Io avrei scritto "nuociono", però non essendo sicuro, ho cercato lumi
sui dizionari e, con mia sorpresa, ho scoperto che "nuocciono" è
corretto, mentre "nuociono" è sbagliato in quanto nessuno lo riporta
neppure come "non corretto" o analoga notazione.
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
E anche di piacere e giacere.
Con la differenza che "nuocere" è già sdrucciolo all'infinito, mentre
tacere, giacere, piacere lo diventano in coniugazione.
È una differenza non da poco.
Perché l'unico altro verbo sdrucciolo con la desinenza -cere preceduta
da vocale
è cuocere, che trovo più analogo a nuocere di quanto non siano
tacere, piacere e giacere,
Vero. Non era così in origine però.

nŏcēre era più simile a tacēre, iacēre, placēre che non a cŏcĕre. Anche se
all'infinito c'è stata una retrazione dell'accento, la coniugazione rispecchia
la pronuncia originaria.
Post by Roger
Scriveresti "cuocciono"?
No. Comunque la mia non era una domanda retorica. ;-) Volevo sapere che forma
trovavi più naturale.
--
Sanity is not statistical
Roger
2020-11-24 15:31:32 UTC
Permalink
Post by Mad Prof
[...]
Post by Roger
E anche di piacere e giacere.
Con la differenza che "nuocere" è già sdrucciolo all'infinito, mentre
tacere, giacere, piacere lo diventano in coniugazione.
È una differenza non da poco.
Perché l'unico altro verbo sdrucciolo con la desinenza -cere preceduta
da vocale
è cuocere, che trovo più analogo a nuocere di quanto non siano
tacere, piacere e giacere,
Vero. Non era così in origine però.
nŏcēre era più simile a tacēre, iacēre, placēre che non a cŏcĕre. Anche se
all'infinito c'è stata una retrazione dell'accento, la coniugazione
rispecchia la pronuncia originaria.
Post by Roger
Scriveresti "cuocciono"?
No. Comunque la mia non era una domanda retorica. ;-) Volevo sapere che forma
trovavi più naturale.
Certamente scriverei "tacciono" (piacciono, giacciono) però, malgrado
quanto ho letto sui dizionari, trovo più naturale scrivere nuociono.
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Father McKenzie
2020-11-24 16:01:03 UTC
Permalink
Il 24/11/2020 12:27, Mad Prof ha scritto:
+ neppure come "non corretto" o analoga notazione.
Post by Mad Prof
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
No. Posso scrivere nocqui, nocesti, nocque?
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Mad Prof
2020-11-24 18:00:48 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
+ neppure come "non corretto" o analoga notazione.
Post by Mad Prof
È lo stesso schema di tacere. Scriveresti taciono?
No. Posso scrivere nocqui, nocesti, nocque?
Direi proprio di sì.
--
Sanity is not statistical
Father McKenzie
2020-11-24 15:58:33 UTC
Permalink
Post by Roger
(io nuoco, essi nuocono)
No, non esageriamo. Piuttosto, per la nota storia del dittongo mobile,
nociamo, nocete.
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Roger
2020-11-24 19:37:16 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Roger
(io nuoco, essi nuocono)
No, non esageriamo. Piuttosto, per la nota storia del dittongo mobile,
nociamo, nocete.
Non esagero:
https://sapere.virgilio.it/parole/coniuga-verbi/nuocere
https://edgital.org/coniuga-verbi/nuocere
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Mad Prof
2020-11-24 19:56:03 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Father McKenzie
Post by Roger
(io nuoco, essi nuocono)
No, non esageriamo. Piuttosto, per la nota storia del dittongo mobile,
nociamo, nocete.
https://sapere.virgilio.it/parole/coniuga-verbi/nuocere
https://edgital.org/coniuga-verbi/nuocere
Probabilmente una forma obsoleta.

<https://ia800207.us.archive.org/24/items/bub_gb_ERFpI1ie5UIC/bub_gb_ERFpI1ie5UIC.pdf>

pag. 69

Qui lo riporta, ma è del 1853.
--
Sanity is not statistical
Bruno Campanini
2020-11-24 20:16:29 UTC
Permalink
Post by Roger
Post by Father McKenzie
Post by Roger
(io nuoco, essi nuocono)
No, non esageriamo. Piuttosto, per la nota storia del dittongo mobile,
nociamo, nocete.
https://sapere.virgilio.it/parole/coniuga-verbi/nuocere
https://edgital.org/coniuga-verbi/nuocere
io nuoco, noccio
essi nuocono, nocciono

Fanno, per usare un eufemismo, solo ridere.
Io nuocere lo scriverei "regolare" in tutti i tempi e i modi:
nuoc... (con una sola c), tranne i bellissimi nocqui, nocesti, nocque.

Bruno
Giovanni Drogo
2020-11-25 10:02:24 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Roger
(io nuoco, essi nuocono)
No, non esageriamo.
anni fa avevo scritto (e postato) un "coniugatore" di verbi regolari,
verbo.awk.

ovviamente se imposto "nuocere" fa "nuoco" ma correttamente dovrei
impostare /nuotSere/ e quindi avrei /nuotSo/

... il che mi fa venire in mente due domande ...

1) il raddoppiamento (piacere -> piaccio ecc.) si puo' considerare
una forma irregolare ?

2) nel caso di verbi in -care -gare -cere -gere -cire -gire e' da
considerarsi regolare il caso in cui la "c" o la "g" oscillano
tra /k/ e /tS/ o /g/ e /dZ/ a seconda della vocale della desinenza
del modo. tempo e persona, o quello in cui seguono l'infinito ?

(quindi -kare -gare -tSere -dZere -tSire -dZire)
Father McKenzie
2020-11-25 10:45:46 UTC
Permalink
Post by Giovanni Drogo
vviamente se imposto "nuocere" fa "nuoco" ma correttamente dovrei
impostare /nuotSere/
se è così, be', il coniugatore è impostato malissimo. Che senso ha non
accettare la grafia italiana ma un codice?
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Giovanni Drogo
2020-11-25 12:57:52 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Giovanni Drogo
vviamente se imposto "nuocere" fa "nuoco" ma correttamente dovrei
impostare /nuotSere/
se è così, be', il coniugatore è impostato malissimo. Che senso ha non
accettare la grafia italiana ma un codice?
Il coniugatore (Dec 28 1999) era impostato "per scherzo" per la serie
"La Granda Riforma" (cercare "[LGR]" in icli su google groups) postata a
cavallo del millennio da una serie di mie pazzesche incarnazioni (*) :-)
... presupponeva la "assoluta regolarizzazione" e la "riforma
ortografica" (per cui "c" era sempre /tS/ e "k" sempre /k/ ecc. ecc.).

Cio' non toglie che paradossalmente a volte viene utile (provare a
coniugare "fare" e "facere". "bere" e "bevere" oppure "conducere")

O a porre le domande che facevo nel post precedente su "cosa e'
regolare".

(*)
tra cui quella che firmava il subthread "[LGR] ancora regolarizzazione
dei verbi" con il coniugatore awk e riportava
"Origin: c'e' del metodo in questa follia." (**)

(**) purtroppo i fake-fun addresses che avevo usato non sono piu'
visibili in googlegroups a meno (credo) di loggarsi (cosa che se posso
evito) ... ai tempi c'era ancora dejanews, direi. Credo fosse
***@slott.helsingborg.dk :-)

Continua a leggere su narkive:
Loading...