Discussione:
La cocummella
(troppo vecchio per rispondere)
abc
2020-12-20 06:38:17 UTC
Permalink
"Chissà se venerdì Luis Suarez, prima di segnare una doppietta con la
maglia dell’Atletico Madrid, davanti al procuratore capo di Perugia,
Raffaele Cantone, abbia pensato a quella mattina con la «cocummella».
Quando cioè il suo esame d’italiano propedeutico alla cittadinanza
raggiunse l’apice del grottesco: «Il bambino porta cocummella, mangiare»
rispondeva il centravanti uruguaiano a una delle domande che aveva
precedentemente concordato con la commissione. «Cocummella? Cocomeri!!
Ahahahah» ridevano gli insegnanti, promuovendolo comunque a pieni voti.
Ma non prima però di avergli fatto firmare autografi per i figli dei
colleghi e aver scattato foto di rito come pubblicità per l’ateneo.

«È vero, mi avevano inviato prima delle domande che potevano essere
quelle della prova» ha spiegato il calciatore, in videoconferenza dalla
Spagna, al procuratore Cantone che indaga su quell’esame. Un’ammissione
però inevitabile. Per almeno due circostanze: Suarez ha dovuto sostenere
l’interrogatorio alla presenza di un interprete, perché non conosceva
l’italiano. Questo sarebbe bastato per certificare la sua (non)
conoscenza dell’italiano.

La seconda: l’intero esame sostenuto da Suarez è stato registrato dagli
investigatori della Guardia di Finanza. Basta ascoltarlo qualche secondo
per capire che si è trattato soltanto di una farsa: «Io sono calciatore
professionista. A 15 anni cominciare a giocare a calcio» dice agli
esaminatori. I verbi sono coniugati sempre e soltanto all’infinito,
nonostante avesse avuto le domande già pronte nei giorni precedenti.
«Mia famiglia molto numerosa. Cinquo ermano eh… cinquo fratelli». Non va
meglio quando c’è la simulazione di una chiacchierata. Suarez deve
parlare di una gita con la famiglia fuori porta. «Sono preoccupato
porché non ho molto tempo da stare in famiglia, giocare alla
playstation». «Fai una gita fuori porta» gli dice, come da copione, il
professore. «Ora parlare con mia moglie e chiedere».

Che Suarez fosse un "A1", livello minimo di base della conoscenza della
lingua, e non un "B1" livello intermedio, d’altronde lo ammettono gli
stessi esaminatori mentre sono intercettati dai militari della Finanza.
«Non spiccica una parola, ma non gli puoi fare saltare 10 milioni di
stipendio perché non ha il B1…». I motivi per cui il calciatore viene
comunque promosso sono, secondo gli investigatori, sostanzialmente due:
la pubblicità che l’ateneo avrebbe avuto dall’operazione. E le pressioni
ricevute. «Caro Maurizio» scrive la rettrice dell’Università per gli
Stranieri, Giuliana Grego, dimessasi nei giorni scorsi dopo essere stata
sospesa dalla procura, al collega rettore dell’università degli studi di
Perugia, Maurizio Oliviero, «grazie per Suarez! Non avrei mai immaginato
cosa e quali interessi potesse muovere il calcio. E comunque è buona
pubblicità per tutti, per Perugia e per l’Umbria»."

Da "Repubblica" di oggi.
Al Asset
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Post by abc
"Chissà se venerdì Luis Suarez, prima di segnare una doppietta con la
maglia dell?Atletico Madrid, davanti al procuratore capo di Perugia,
Raffaele Cantone, abbia pensato a quella mattina con la «cocummella».
Mi chiedo: Per passare alla Juve (già al limite di giocatori
extracomunitari) doveva acquisire la cittadinanza di una
qualsiasi nazione della UE. In Uruguay si parla spagnolo (latino,
ma comunque spagnolo). Perché mai non ha chiesto la cittadinanza
spagnola?
Mah!
--
Al Asset
La violenza è l'ultima risorsa degli incapaci
(Sindaco Salvor Hardin, "Cronache della Galassia" Asimov)
Wolfgang
2020-12-20 10:08:00 UTC
Permalink
Post by Al Asset
Post by abc
"Chissà se venerdì Luis Suarez, prima di segnare una doppietta con la
maglia dell?Atletico Madrid, davanti al procuratore capo di Perugia,
Raffaele Cantone, abbia pensato a quella mattina con la «cocummella».
Mi chiedo: Per passare alla Juve (già al limite di giocatori
extracomunitari) doveva acquisire la cittadinanza di una
qualsiasi nazione della UE. In Uruguay si parla spagnolo (latino,
ma comunque spagnolo). Perché mai non ha chiesto la cittadinanza
spagnola?
Mah!
Da spagnolo non poteva far parte della nazionale italiana.

Ma la «Repubblica» (a pagina 23) si rivendica per il cattivo
italiano di Suárez con uno spagnolo che lascia a desiderare, come
dimostra l'omissione dell'accento sull'«a».

Ciao,
Wolfgang
Wolfgang
2020-12-20 17:47:58 UTC
Permalink
Post by abc
"Chissà se venerdì Luis Suarez, prima di segnare una doppietta con
la maglia dell'Atletico Madrid, davanti al procuratore capo di
Perugia, Raffaele Cantone, abbia pensato a quella mattina con la
«cocummella». Quando cioè il suo esame d'italiano propedeutico alla
cittadinanza raggiunse l'apice del grottesco: «Il bambino porta
cocummella, mangiare» rispondeva il centravanti uruguaiano a una
delle domande che aveva precedentemente concordato con la
commissione. «Cocummella? Cocomeri!! Ahahahah» ridevano gli
insegnanti, promuovendolo comunque a pieni voti. Ma non prima però
di avergli fatto firmare autografi per i figli dei colleghi e aver
scattato foto di rito come pubblicità per l'ateneo.
«È vero, mi avevano inviato prima delle domande che potevano essere
quelle della prova» ha spiegato il calciatore, in videoconferenza
dalla Spagna, al procuratore Cantone che indaga su quell'esame.
Un'ammissione però inevitabile. Per almeno due circostanze: Suarez
ha dovuto sostenere l'interrogatorio alla presenza di un interprete,
perché non conosceva l'italiano. Questo sarebbe bastato per
certificare la sua (non) conoscenza dell'italiano.
La seconda: l'intero esame sostenuto da Suarez è stato registrato
dagli investigatori della Guardia di Finanza. Basta ascoltarlo
«Io sono calciatore professionista. A 15 anni cominciare a giocare a
calcio» dice agli esaminatori. I verbi sono coniugati sempre e
soltanto all'infinito, nonostante avesse avuto le domande già pronte
nei giorni precedenti. «Mia famiglia molto numerosa. Cinquo ermano
eh... cinquo fratelli». Non va meglio quando c'è la simulazione di una
chiacchierata. Suarez deve parlare di una gita con la famiglia fuori
porta. «Sono preoccupato porché non ho molto tempo da stare in
famiglia, giocare alla playstation». «Fai una gita fuori porta» gli
dice, come da copione, il professore. «Ora parlare con mia moglie e
chiedere».
Che Suarez fosse un "A1", livello minimo di base della conoscenza
della lingua, e non un "B1" livello intermedio, d'altronde lo
ammettono gli stessi esaminatori mentre sono intercettati dai
militari della Finanza. «Non spiccica una parola, ma non gli puoi
fare saltare 10 milioni di stipendio perché non ha il B1...». I motivi
per cui il calciatore viene comunque promosso sono, secondo gli
investigatori, sostanzialmente due: la pubblicità che l'ateneo
avrebbe avuto dall'operazione. E le pressioni ricevute. «Caro
Maurizio» scrive la rettrice dell'Università per gli Stranieri,
Giuliana Grego, dimessasi nei giorni scorsi dopo essere stata
sospesa dalla procura, al collega rettore dell'università degli
studi di Perugia, Maurizio Oliviero, «grazie per Suarez! Non avrei
mai immaginato cosa e quali interessi potesse muovere il calcio. E
comunque è buona pubblicità per tutti, per Perugia e per l'Umbria»."
.
Da "Repubblica" di oggi.
(pagina 23)

Trovo alquanto ardita la frase «I verbi sono coniugati sempre e
soltanto all'infinito». Diversamente dal portoghese, in italiano
l'infinito non ha forme coniugate.

Non sapendo coniugare un verbo italiano, Suárez poteva servirsi
delle forme spagnole che almeno in parte coincidono con quelle italiane:

1ª sg. - yo          amo  - io         amo
3ª sg. - él, Vd.     ama  - egli, Lui  ama
3ª pl. - ellos, Vds. aman - essi, Loro amano

(la forma spagnola della 3ª plurale può essere considerata un
troncamento di quella italiana, il cui uso attribuirebbe alle parole
del Nostro un che di poetico)

Il fatto che il Nostro preferisca invece l'infinito dimostra il
profondo disprezzo provato da uno che guadagna 10 milioni all'anno
per quei poveracci che ne prendono al massimo un centesimo, ma si
arrogano il diritto di sottoporlo agli esami linguistici.

Ciao,
Wolfgang
Ammammata
2020-12-23 10:28:20 UTC
Permalink
Il giorno Sun 20 Dec 2020 06:47:58p, *Wolfgang* ha inviato su
Post by Wolfgang
profondo disprezzo provato da uno che guadagna 10 milioni all'anno
per quei poveracci che ne prendono al massimo un centesimo
che sarebbero 100.000, che non sono pochi per un poveraccio
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ al lavoro ] ...........
Father McKenzie
2020-12-23 11:36:01 UTC
Permalink
Post by Ammammata
che sarebbero 100.000, che non sono pochi per un poveraccio
Se arrivassero tutti insieme esentasse, come avviene nel mondo del
calcio,, non sarebbero sgraditi nemmeno a me (che poveraccio resto, ma
un po' meno dello standard).
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Roger
2020-12-23 14:12:18 UTC
Permalink
Post by Ammammata
che sarebbero 100.000, che non sono pochi per un poveraccio
Se arrivassero tutti insieme esentasse, come avviene nel mondo del calcio,,
non sarebbero sgraditi nemmeno a me (che poveraccio resto, ma un po' meno
dello standard).
Mah!
Io li prenderei anche se dovessi pagarci le tasse... :-)
--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Wolfgang
2020-12-23 12:02:26 UTC
Permalink
Post by Ammammata
[...]
dimostra il profondo disprezzo provato da uno che guadagna 10 milioni
all'anno per quei poveracci che ne prendono al massimo un centesimo
che sarebbero 100.000, che non sono pochi per un poveraccio
Pensavo che si capisse quel «poveraccio» come da intendere dal punto
di vista del Suárez. Ovviamente ho sbagliato.

Ciao,
Wolfgang
Father McKenzie
2020-12-23 15:38:10 UTC
Permalink
Pensavo che si capisse quel «poveraccio» come da intendere dal punto di
vista del Suárez. Ovviamente ho sbagliato.
Sbagliato? No, tutto a posto, siamo noi che ci scherziamo sopra.
--
Et interrogabant eum turbae dicentes: “Quid ergo faciemus?”.
Respondens autem dicebat illis: “Qui habet duas tunicas,
det non habenti; et, qui habet escas, similiter faciat”.
(Ev. sec. Lucam 3,10-11)
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Continua a leggere su narkive:
Loading...